Formula 1
G
Robert Kubica vs Bartosz Marszałek
09 ago
Evento concluso
G
GP del Messico
30 ott
Canceled
G
GP del Brasile
13 nov
Canceled
G
GP da Abu Dhabi
27 nov
FP1 in
108 giorni

Ferrari: Elkann e Camilleri a Maranello per rilanciare le ambizioni mondiali

condivisioni
commenti
Ferrari: Elkann e Camilleri a Maranello per rilanciare le ambizioni mondiali
Di:
24 lug 2018, 10:49

In una visita lampo al Reparto Corse, il nuovo presidente John Elkann ha presentato ai dipendenti Louis Camilleri, il manager ex Philip Morris, che sarà chiamato a guidare il Cavallino nel segno della continuità con i piani di Marchionne.

Sergio Marchionne, CEO FIAT e Louis Camilleri, Presidente di Philip Morris
Maurizio Arrivabene, Team Principal Ferrari e Louis Camilleri, Chairman Philip Morris, camminano lungo il circuito
Mattia Binotto, Chief Technical Officer Ferrari
Il Cavallino Ferrari nella linea di assemblaggio
Sebastian Vettel, Ferrari, festeggia la vittoria sventolando una bandiera con il Cavallino Rampante
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H, se ne va dopo l'incidente
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H, se ne va dopo l'incidente
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari, con i grid kid
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H, in griglia di partenza

Louis Camilleri, accompagnato dal nuovo presidente della Ferrari, JohnElkann, si è insediato ieri a Maranello. Quello di lunedì è stato un de-briefing molto diverso da tutti gli altri.

Nel breve spazio di un weekend è stato completamente rivoluzionato il vertice del Cavallino. Tanto che la doccia fredda di Sebastian Vettel ritirato nel GP di Germania è passata ovviamente in secondo piani rispetto al dramma del grande Capo.

La malattia irreversibile di Sergio Marchionne, con l’improvviso aggravamento del manager chietino di 66 anni, ha imposto la designazione di nuovi vertici in una notte.

Mentre il titolo Ferrari alla riapertura dei mercati affondava prima alla Borsa di Milano e poi a Wall Strett, per l’imprevedibile uscita di scena dell’uomo che ha portato il marchio del Cavallino nel mondo azionario, John Elkann ha voluto rassicurare tutti quelli che lavorano nel Reparto Corse di Maranello:
“Sono sicuro che a tutti voi, proprio come a chi mi ha preceduto nel ruolo di presidente della Ferrari, non interessa arrivare secondi nel mondiale di F1”. E il vice-presidente, Piero Ferrari annuiva, poco di lato.

Parole rassicuranti che indicano la voglia di lottare da parte del primo rappresentante della dinastia Agnelli che si siede nel ruolo che era di Enzo Ferrari. John Elkann è consapevole di dover gestire un momento di transizione terribilmente difficile nel quale il destino ha imposto non solo di voltare pagina, ma di chiudere un capitolo per aprirne uno tutto nuovo.

È per questo che il nuovo presidente ha specificato che Louis Camilleri ha ricevuto un mandato pieno, niente di provvisorio come aveva ipotizzato qualcuno. Nella visita della Gestione Sportiva l’emozione era percepibile sia da parte dei nuovi vertici, sia dai dipendenti del Cavallino:
“Le fabbriche sono fatte da macchine, ma soprattutto da uomini. Sono le persone a rendere la Ferrari speciale. Questa azienda ha le potenzialità per andare avanti, per affrontare nuove sfide e per conseguire altre vittorie. Andiamo avanti nel segno della continuità”.

Maurizio Arrivabene, nel ruolo di team principal, e Mattia Binotto, in quello di direttore tecnico, sono i pilastri di questa continuità. La Scuderia ha trovato nella gestione di Marchionne un equilibrio vincente nel quale quelle che erano le seconde linee tecniche sono riuscite a imporre delle idee che hanno messo in difficoltà la corazzata Mercedes.

La SF71H sembra migliore della freccia d’argento, ma Lewis Hamilton si è rivelato più solido di Sebastian Vettel, almeno in questa prima metà di stagione. Toccherà al pilota tedesco confermare le sue qualità di fuoriclasse: l’errore di Hockenheim non è piaciuto nemmeno a Maranello, ma è già stato perdonato. È meglio svoltare l’angolo e guardare subito all’Hungaroring: Elkann e Camilleri hanno parlato in conference call con Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen.

In particolare con il pilota tedesco i due manager hanno insistito perché continui “a lottare per conquistante ogni singolo punto”, rinnovando la loro fiducia al quattro volte campione del mondo. La Ferrari, dunque, persegue la linea tracciata da Marchionne: la presenza del Capo aleggia ovunque. Camilleri ha deciso di insediarsi nell’ufficio che era stato di Luca di Montezemolo, lasciando libero quello che era di Sergio.

Louis dovrà affrontare prove difficili, specie in materia di regolamenti futuri: Marchionne aveva cercato la sponda Mercedes per mettere un argine alla voglia di cambiamento di Liberty Media, arrivando alla minaccia di lasciare i GP se la F1 si fosse trasformata nella NASCAR.

Toccherà all’ex presidente di Philip Morris, che la Ferrari conosce molto bene, essendo già parte del CDA del Cavallino da anni, soffocare sul nascere ogni tentativo degli americani di ridiscutere i capisaldi delle regole già convenuti con Marchionne.

È iniziato un nuovo ciclo ferrarista, ma in questo momento toccare solo un… bullone del sistema esistente potrebbe essere un grave errore rompendo equilibri (a volte precari) faticosamente trovati…

Artem Markelov debutta sulla Renault R.S.18 nei test in Ungheria

Articolo precedente

Artem Markelov debutta sulla Renault R.S.18 nei test in Ungheria

Prossimo Articolo

La F1 studia un cambio importante nel 2019: i test pre-stagionali potrebbero tornare in Bahrain

La F1 studia un cambio importante nel 2019: i test pre-stagionali potrebbero tornare in Bahrain
Carica commenti