Ferrari e Mercedes hanno l'opzione supersoft, la Red Bull no

condivisioni
commenti
Ferrari e Mercedes hanno l'opzione supersoft, la Red Bull no
Roberto Chinchero
Di: Roberto Chinchero
12 giu 2016, 14:01

A Montreal ci sono solo 11 gradi: il cielo è coperto e tira vento, ma non dovrebbe piovere. Le squadre stanno valutando quali strategie adottare: Ferrari e Mercedes hanno più scelte perché la Red Bull è rimasta senza supersoft.

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 Team
Pirelli tyres
Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12

Un forte vento con cielo nuvoloso ha accolto gli addetti ai lavori arrivati stamattina nel paddock di Montreal. Undici gradi di temperatura e diciassette di asfalto, con un rischio pioggia che ora dopo ora è sempre meno probabile. La possibilità di una gara asciutta tranquillizza un po’ Mercedes e Ferrari, dopo la conferma arrivata ieri in qualifica di una performance molto buona. Sul fronte strategie la più quotata resta quella a due soste, ma con un’incognita legata alle mescole.

Mentre per Red Bull non ci sono molte opzioni, avendo a disposizione due set di soft nuove e quattro set di ultrasoft usate, per Ferrari e Mercedes esistono più combinazioni. Le due squadre, così come la Williams, hanno a disposizione due set di soft (uno nuovo ed uno usato) ma anche uno nuovo di supersoft, oltre a tre set di ultrasoft usate. Dopo il primo stint di gara che sarà coperto con la mescola più morbida utilizzata in qualifica, per Ferrari e Mercedes ci sarà anche la possibilità di puntare sul compound “rosso”.

Si ipotizza anche la possibilità di una sola sosta (il candidato numero uno è Sergio Perez) ma in questo caso ci sarebbero da percorrere circa cinquanta giri con un singolo set di soft.

“Alla fine decideremo in base all’andamento della corsa – ha commentato un addetto ai lavori – chi nel gruppo di testa si fermerà per primo, deciderà la strategia di quasi tutti gli altri avversari”.

 

Set di pneumatici disponibili per il GP
Set di pneumatici disponibili per il GP

Photo by: Pirelli

Prossimo articolo Formula 1
Analisi FIA: Alonso aveva sbattuto a Melbourne a 305 km/h con 46G

Articolo precedente

Analisi FIA: Alonso aveva sbattuto a Melbourne a 305 km/h con 46G

Prossimo Articolo

La Ferrari ha perso perché non ha pensato da vincente

La Ferrari ha perso perché non ha pensato da vincente
Carica commenti