Ferrari: dopo Lanzone cambia anche l'organizzazione della factory

Corrado Lanzone, 52 anni genovese, lascia la direzione della fabbrica di Maranello: Sergio Marchionne nel Reparto Corse vuole snellire le procedure per velocizzare gli sviluppi sulla macchina. Non si vince solo con la monoposto più veloce...

La riorganizzazione del Reparto Corse della Ferrari è molto più profonda di quanto possa sembrare all’esterno: non c’è stata solo l’uscita di James Allison, direttore tecnico fino al mese di luglio, ma sono in corso dei cambiamenti che stanno trasformando l’anima della Gestione Sportiva.

Non deve sorprendere, quindi, che le uscite da Maranello si susseguano con una certa regolarità: ieri la Williams ha ufficializzato l’arrivo di Antonio Spagnolo a Grove, dopo che lo specialista delle gomme del Cavallino ha concluso il periodo di gardening. La notizia del giorno è che stia lasciando anche Corrado Lanzone, il 52enne genovese che è stato per cinque anni il direttore di produzione della factory.

L'uscita di Lanzone era già stata programmata

L’avvicendamento non è stato deciso da Mattia Binotto, ma all’inizio dell’estate dal presidente Sergio Marchionne. La parola chiave è: efficienza. Non solo sulla SF16-H, ma anche in fabbrica per velocizzare i processi che possono permettere lo sviluppo della macchina in tempi più stretti, senza rinunciare al controllo qualità.

Insomma è in corso una rivoluzione silenziosa che da fuori non può essere facilmente percepibile: la Ferrari sta cambiando pelle. Mattia Binotto è il manager tecnico che polarizza l’attenzione di una qundicina di gruppi di lavoro trasversali che contribuiscono sia allo sviluppo della SF16-H (che non è stato fermato) che alla continua evoluzione della macchina del prossimo anno.

Rinforzi da Mercedes e Red Bull Racing

La Ferrari è un cantiere aperto: escono delle figure di spicco, ma la linfa nuova è stata attinta lavorando su due linee. Primo, sono arrivati dei rinforzi da Mercedes e Red Bull Racing. I nomi non direbbero niente perché sono dei perfetti sconosciuti che, però, hanno una conoscenza specifica di alcuni temi nei quali la squadra del Cavallino è storicamente parsa debole. E la lista non è stata ancora ultimata...

Secondo, c’è una collaborazione più stretta con lo staff GT di Ferrari Corse Clienti, l’area diretta da Antonello Coletta che con il team AF Corse è in lotta per il mondiale nella classe GTE del WEC.

 

Enrico Cardile, l’aerodinamico che ha definito la 488 GTE, e che ora dirige la ricerca in galleria del vento con David Sanchez, è solo la punta di un iceberg che comprende altri specialisti di settore che sono stati cooptati per completare lo staff di Formula 1, integrando i quattordici gruppi che si sono formati agli ordini di Mattia Binotto.

 

Ciò che ha sconvolto Sergio Marchionne è stato scoprire che nei cassetti di alcuni ingegneri del Cavallino, finiti in secondo piano nell’organizzazione di James Allison, sarebbero venute fuori diverse soluzioni tecniche che erano state proposte (e subito bocciate) e che poi si sono viste sulla Mercedes che per il terzo anno di fila sta dominando il mondiale.

 

Ecco perché il presidente si è convinto che a Maranello ci siano professionalità che hanno bisogno solo di opportunità per mostrare il loro valore. Se la SF16-H è stata troppo a lungo simile a sé stessa, quindi, non è stato per l’incapacità di produrre dei concetti innovativi, quanto per le scelte troppo conservative di chi prendeva le decisioni. Il numero uno ha voluto liberare delle energie e dare nuovo entusiasmo ad un sistema che badava solo a difendersi dallo scarico delle responsabilità, ben conoscendo la facilità con la quale Marchionne è pronto a “rottamare” chi non soddisfa le sue aspettative.

 

L’immobilismo ha penalizzato l’evoluzione della SF16-H che ha portato in pista sviluppi minimi che spesso non hanno dato i risultati attesi. Sebastian Vettel a Monza si ostinava a dire che, finalmente, sono state capite alcune cose sulla Rossa e che nelle prossime gare si vedranno dei benefici che sono stati poco evidenti al GP d’Italia, per la fin troppo evidente supremazia delle W07 Hybrid.

 

Ma a cosa si riferisce il tedesco? Al sistema di simulazione, vale a dire l’analisi virtuale che viene fatta prima di ogni GP per deliberare la configurazione della Rossa da mandare in pista nel primo turno di prove libere. Troppe volte nell’arco della stagione abbiamo visto Vettel e Raikkonen “remare” con una monoposto con una messa a punto (meccanica e aerodinamica) inadeguata alla SF16-H. Un top team come la Ferrari non può regalare alla concorrenza un giorno di lavoro ad ogni appuntamento del mondiale.

 

Il sistema di simulazione era troppo complicato per trarne dati sicuri: è stato semplificato per volere di Binotto, ma nelle ultime due trasferte la Rossa è parsa da subito in grado di esprimere il suo effettivo potenziale. Tanto da alimentare qualche ambizione pensando a Singapore, un pista che sulla carta, invece, dovrebbe favorire la Red Bull , più che mai decisa a consolidare il secondo posto nel mondiale Costruttori.

 

La Ferrari, dunque, è un cantiere aperto che si è affidata ad una… coop di tecnici coordinati da Mattia Binotto. Non ci sono geni, né pezzi da novanta della Formula 1, ma un’organizzazione orizzontale che deve far emergere il suo valore. I critici dicono che non basta promuovere i secondi e i terzi livelli, pagandoli meglio, per vincere. Probabilmente è vero, ma saranno i risultati delle prossime gare a dare un segno sulla funzionalità dei cambiamenti. E si avranno le prime risposte…

La riorganizzazione del Reparto Corse della Ferrari è molto più profonda di quanto possa sembrare all’esterno: non c’è stata solo l’uscita di James Allison, direttore tecnico fino al mese di luglio, ma sono in corso dei cambiamenti che stanno trasformando l’anima della Gestione Sportiva.

 

Non deve sorprendere, quindi, che le uscite da Maranello si susseguano con una certa regolarità: ieri la Williams ha ufficializzato l’arrivo di Antonio Spagnolo a Grove, dopo che lo specialista delle gomme del Cavallino ha concluso il periodo di gardening. La notizia del giorno è che stia lasciando anche Corrado Lanzone, il 52enne genovese che è stato per cinque anni il direttore di produzione della factory.

 

L’avvicendamento non è stato deciso da Mattia Binotto, ma all’inizio dell’estate dal presidente Sergio Marchionne. La parola chiave è: efficienza. Non solo sulla SF16-H, ma anche in fabbrica per velocizzare i processi che possono permettere lo sviluppo della macchina in tempi più stretti, senza rinunciare al controllo qualità.

 

Insomma è in corso una rivoluzione silenziosa che da fuori non può essere facilmente percepibile: la Ferrari sta cambiando pelle. Mattia Binotto è il manager tecnico che polarizza l’attenzione di una qundicina di gruppi di lavoro trasversali che contribuiscono sia allo sviluppo della SF16-H (che non è stato fermato) che alla continua evoluzione della macchina del prossimo anno.

La Ferrari è un cantiere aperto: escono delle figure di spicco, ma la linfa nuova è stata attinta lavorando su due linee. Primo, sono arrivati dei rinforzi da Mercedes e Red Bull Racing. I nomi non direbbero niente perché sono dei perfetti sconosciuti che, però, hanno una conoscenza specifica di alcuni temi nei quali la squadra del Cavallino è storicamente parsa debole.

Secondo, c’è una collaborazione più stretta con lo staff GT di Ferrari Corse Clienti, l’area diretta da Antonello Coletta che con il team AF Corse è in lotta per il mondiale nella classe GTE del WEC.

Cardile e gli uomini che arrivano dal GT

Enrico Cardile, l’aerodinamico che ha definito le forme della 488 GTE, e che ora dirige la ricerca in galleria del vento con David Sanchez, è solo la punta di un iceberg che comprende altri specialisti di settore che sono stati cooptati per completare lo staff di Formula 1, integrando i quattordici gruppi che si sono formati agli ordini di Mattia Binotto.

Ciò che ha sconvolto Sergio Marchionne è stato scoprire che nei cassetti di alcuni ingegneri del Cavallino, finiti in secondo piano nell’organizzazione di James Allison, sarebbero venute fuori diverse soluzioni tecniche che erano state proposte (e subito bocciate) e che poi si sono viste sulla Mercedes che per il terzo anno di fila sta dominando il mondiale.

Alla difesa del proprio posto

Ecco perché il presidente si è convinto che a Maranello ci siano professionalità che hanno bisogno solo di opportunità per mostrare il loro valore. Se la SF16-H è stata troppo a lungo simile a sé stessa, quindi, non è stato per l’incapacità di produrre dei concetti innovativi, quanto per le scelte troppo conservative di chi prendeva le decisioni. Il numero uno ha voluto liberare delle energie e dare nuovo entusiasmo ad un sistema che badava solo a difendersi dallo scarico delle responsabilità, ben conoscendo la facilità con la quale Marchionne è pronto a “rottamare” chi non soddisfa le sue aspettative.

L’immobilismo ha penalizzato l’evoluzione della SF16-H che ha portato in pista sviluppi minimi che spesso non hanno dato i risultati attesi. Sebastian Vettel a Monza si ostinava a dire che, finalmente, sono state capite alcune cose sulla Rossa e che nelle prossime gare si vedranno dei benefici che sono stati poco evidenti al GP d’Italia, per la fin troppo evidente supremazia delle W07 Hybrid.

La simulazione adesso è più precisa

Ma a cosa si riferisce il tedesco? Al sistema di simulazione, vale a dire l’analisi virtuale che viene fatta prima di ogni GP per deliberare la configurazione della Rossa da mandare in pista nel primo turno di prove libere. Troppe volte nell’arco della stagione abbiamo visto Vettel e Raikkonen “remare” con una monoposto con una messa a punto (meccanica e aerodinamica) inadeguata alla SF16-H. Un top team come la Ferrari non può regalare alla concorrenza un giorno di lavoro ad ogni appuntamento del mondiale.

Il sistema di simulazione era troppo complicato per trarne dati sicuri: è stato semplificato per volere di Binotto, ma nelle ultime due trasferte la Rossa è parsa da subito in grado di esprimere il suo effettivo potenziale. Tanto da alimentare qualche ambizione pensando a Singapore, un pista che sulla carta, invece, dovrebbe favorire la Red Bull , più che mai decisa a consolidare il secondo posto nel mondiale Costruttori.

Maranello, un cantiere... aperto

La Ferrari, dunque, è un cantiere aperto che si è affidata ad una… coop di tecnici coordinati da Mattia Binotto. Non ci sono geni, né pezzi da novanta della Formula 1, ma un’organizzazione orizzontale che deve far emergere il suo valore. I critici dicono che non basta promuovere i secondi e i terzi livelli, pagandoli meglio, per vincere. Probabilmente è vero, ma saranno i risultati delle prossime gare a dare un segno sulla funzionalità dei cambiamenti. E si avranno le prime risposte…

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Kimi Raikkonen , Sebastian Vettel
Team Ferrari
Articolo di tipo Ultime notizie