Ferrari: c'è un fondo nuovo a Silverstone per replicare alle novità della Mercedes

condivisioni
commenti
Ferrari: c'è un fondo nuovo a Silverstone per replicare alle novità della Mercedes
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
04 lug 2018, 08:50

La squadra di Maranello non ha bisogno di rivoluzionare la SF71H come ha fatto la Stella in Austria: gli aerodinamici hanno deliberato un nuovo fondo nel posteriore pensato per Silverstone. Pance chiuse e ali più scariche gli altri aggiornamenti.

Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Sebastian Vettel, Ferrari, festeggia sul podio con lo champagne
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H, arriva in griglia
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H
Jock Clear, Chief Engineer, Ferrari e Kimi Raikkonen, Ferrari
Ferrari SF71H, prove di pit stop
Ferrari SF71H, ala posteriore
Ferrari SF71H, dettaglio del naso

Se la Mercedes ha portato la più grossa evoluzione dell’anno in Austria per contrastare la Ferrari su una pista che doveva essere favorevole alla Rossa, la squadra del Cavallino replica a Silverstone in casa della squadra di Brackley.

La partita a scacchi delle evoluzioni prosegue in un campionato del mondo che è entusiasmante per quanto è imprevedibile: Enrico Cardile e David Sanchez, gli aerodinamici del Cavallino (anche se l’italiano è diventato il coordinatore del progetto della 670, vale a dire la monoposto del 2019) hanno programmato il debutto di un nuovo fondo nel posteriore che dovrebbe riguardare anche il diffusore della SF71H, perché su una pista come quella inglese è importantissimo avere un buon comportamento nei curvoni veloci.

Sebastian Vettel, invece, proprio al Red Bull Ring aveva lamentato in gara che la Rossa sia stata un po’ meno brillante nei curvoni di appoggio, anche se poi Kimi Raikkonen ha ottenuto il giro più veloce della gara davanti al tedesco, dimostrando che il potenziale della Ferrari poteva essere vincente.

La modifica al fondo dovrebbe garantire quei punti di aerodinamica utili a sfidare le frecce d’argento a Silverstone, il terzo impianto dove la Pirelli porterà le gomme “ribassate” di 0,4 mm perché il manto è stato riasfaltato come a Barcellona e al Paul Ricard, le ultime due piste dove ha vinto la… Mercedes.

La Casa milanese porterà in Gran Bretagna la combinazione di gomme più dure: debutterà quest'anno la mescola Hard insieme a Medium e Soft. E ricordando i test invernali è immediato credere che l’ex aeroporto della RAF sia l’ideale terreno di caccia delle W09 spec 2.

A Maranello, però, non sono pronti ad accettare passivamente quella che sulla carta potrebbe essere una supremazia Mercedes: la Ferrari non ha programmato di rivoluzionare una macchina che si sta comportando molto bene, ma prosegue quel lavoro di sviluppo che, finora, ha permesso di promuovere tutti i pezzi nuovi che sono stati portati in pista, confermando che c’è ancora margine per trarre il massimo dalla SF71H.

A Silverstone ci sarà bisogno della massima efficienza aerodinamica per cui i tecnici diretti da Mattia Binotto torneranno a chiudere gli sfoghi delle pance visto che ci sarà una minore necessità di estrarre l’aria calda dai radiatori: in Gran Bretagna non pioverà, ma non sono previste temperature torride.

Anche le ali subiranno l’adeguamento alle caratteristiche del tracciato inglese, sebbene Silverstone richieda un carico aerodinamico medio, quindi con caratteristiche simili al Red Bull Ring.

L’anno scorso la SF70H scontò in Gran Bretagna una delle sconfitte più cocenti della stagione patendo la doppietta della Mercedes: la musica sembra cambiata quest’anno con una macchina che si adatta più facilmente ai diversi tracciati.

Sarà interessante capire se, una volta tanto, la Rossa che verrà portata in pista nella prima sessione di prove libere sarà già configurata nel modo giusto, oppure se, come quasi sempre in questo campionato, la Ferrari debba perdere il venerdì per trovare il giusto setup su cui fare lo sviluppo nel weekend.

Questo è uno dei “buchi neri” di una stagione fantastica per la Scuderia…

Prossimo articolo Formula 1
Sauber: Simone Resta è già attivo a Hinwil come nuovo direttore tecnico

Previous article

Sauber: Simone Resta è già attivo a Hinwil come nuovo direttore tecnico

Next article

Report Strategie: ecco come la Virtual Safety Car ha distrutto tutte le certezze del GP d'Austria

Report Strategie: ecco come la Virtual Safety Car ha distrutto tutte le certezze del GP d'Austria