Ferrari 2019: passo più lungo non solo per i 5 kg di benzina in più

condivisioni
commenti
Ferrari 2019: passo più lungo non solo per i 5 kg di benzina in più
Di:
30 dic 2018, 12:10

La scocca della 670 sarà più lunga per ospitare un serbatoio più grande (110 kg contro i 105 kg del 2018), ma a crescere dovrebbe essere anche l'interasse se non si vuole la zona a Coca Cola stretta. Anzi è probabile che si allunghi il cambio per incrementare la superficie del fondo e...

Di anticipazioni sulla nuova Ferrari abbiamo visto molti disegni che, in sostanza, adeguavano la SF71H ai nuovi regolamenti aerodinamici, ma nessuno ha mai accennato al fatto che la Rossa potrebbe nascere con un passo più lungo.

Serbatoio più grande con 110 kg di benzina

Ferrari SF71H: i meccanici del Cavallino lavorano nella zona del serbatoio

Ferrari SF71H: i meccanici del Cavallino lavorano nella zona del serbatoio

Photo by: Mark Sutton / Sutton Images

Il motivo è presto spiegato: le norme 2019 permetteranno di imbarcare 5 kg di benzina in più (110 kg contro gli attuali 105 kg) per cui la capacità del serbatoio posto fra telaio e motore dovrà essere maggiore, ragione per cui è facile prevedere che la maggior parte delle monoposto 2019 dovrà avere una scocca più lunga fra i 30 e i 50 mm a seconda della sezione della scocca (in media si parla di 7 mm al kg di carburante).

E siccome le misure del telaio, tranne nella zona del serbatoio, sono definite dalla FIA, è credibile pensare ad un aumento anche dell’interesse, se non si vogliono rompere delicati equilibri della macchina.

La Mercedes (forse) non vuole “crescere”

Comparazione tra la Mercedes AMG F1 W09 e la Ferrari SF71H

Comparazione tra la Mercedes AMG F1 W09 e la Ferrari SF71H

Photo by: Motorsport.com

Nella lista della F1 che si allungheranno non vorremmo includere la Mercedes: la W09 campione del mondo 2018, infatti, era già la vettura con il passo più lungo (3.760 mm). A Brackley avrebbero lavorato sul retrotreno per recuperare l’incremento di lunghezza del telaio, per cercare di mantenere per il terzo anno di fila lo stesso interasse (la capostipite è stata la W08).

A Maranello, invece, stanno gradualmente allungando la Rossa visto che nel 2017 il passo della SF70H era di 3.551 mm e nel 2018, con la SF71H, era arrivato a 3.621 mm con un incremento di 70 mm.

SF71H: solo il quinto interasse più lungo

La Ferrari, a dispetto di quanto si era pensato all’inizio del campionato, non era fra le vetture più lunghe, visto che all’indagine di Giorgio Piola la Rossa che ha vinto 6 GP sarebbe stata solo quinta (alla pari della “gemella” Haas), preceduta non solo dalla freccia d’argento, ma anche da Toro Rosso, Renault e Force India nell’ordine.

I tecnici di Mattia Binotto avrebbero potuto “impaccare” di più il cambio per restare fedeli ai concetti della SF71H, ma questa mossa avrebbe prodotto degli effetti negativi dal punto di vista aerodinamico, con una zona a Coca Cola più stretta e un fondo più corto.

E tutti sappiamo come la SF71H ad un certo punto della stagione abbia sofferto una certa carenza di carico aerodinamico rispetto alla Mercedes che ha saputo sfruttare al meglio le maggiori superfici maggiori della sua “astronave” per generare la down-force.

Sulla Rossa cambio più lungo?

Non è da escludere, quindi, che il capo progetto, Enrico Cardile, consigliato dall’aerodinamico David Sanchez, abbia spinto perché la 670 possa avere una trasmissione leggermente più lunga, per allontanare il motore dalle ruote posteriori e disporre di un retrotreno ancora più estremo che sfrutti delle pance che dovrebbero limitare la sezione frontale grazie ai nuovi radiatori disposti in modo diverso, migliorando così anche l’efficienza aerodinamica.

Ruote anteriori più… avanti

Test aerodinamici Ferrari ad Abu Dhabi per gestire la turbolenza generata dalle gomme anteriori

Test aerodinamici Ferrari ad Abu Dhabi per gestire la turbolenza generata dalle gomme anteriori

Photo by: Giorgio Piola

Di conseguenza è possibile che per bilanciare la Rossa (la distribuzione dei pesi è definita dalla FIA) si siano leggermente spostate in avanti anche le ruote anteriori, in modo da allontanarle dalle fiancate e avere un’area maggiore dove gestire le turbolenze generate dalla scia della gomma, specie ora che l’ala anteriore semplificata sarà meno efficiente e i bargeboard avranno forme diverse (più bassi e lunghi).

Insomma i 5 kg di benzina in più oltre a dare più “birra” al motore, potrebbero aver condizionato più di quanto si pensi il progetto della 670 che vedrà cadere i veli il 15 febbraio. Fino ad allora ci toccherà aspettare…

Prossimo Articolo
Renault: la R.S. 19 sarà un grande passo avanti, ma i dubbi restano sul turbo

Articolo precedente

Renault: la R.S. 19 sarà un grande passo avanti, ma i dubbi restano sul turbo

Prossimo Articolo

Analisi tecnica F1: la Red Bull ha davvero il telaio migliore?

Analisi tecnica F1: la Red Bull ha davvero il telaio migliore?
Carica commenti
Be first to get
breaking news