Facebook crolla e in Mercedes scattano le gag su Twitter

La Mercedes ha affrontato il crash di Facebook ed Instagram con umorismo, ricordando ai suoi tifosi i vecchi tempi sugli altri social network.

Facebook crolla e in Mercedes scattano le gag su Twitter

Lunedì è stata una giornata difficile per il mondo e le dinamiche dei social media, quando le tre principali applicazioni appartenenti al mondo Facebook sono rimaste offline per circa sei ore.

Per i team di Formula 1 e per la categoria stessa, i social media sono diventati una parte importante della strategia di comunicazione. Il Circus ha più di 15 milioni di follower sul suo account Instagram, mentre la Ferrari nel 7,3 milioni. La Mercedes invece può contare oltre 11 milioni di seguaci su Facebook.

Non avendo la possibilità di pubblicare post su Facebook ed Instagram, alcune squadre hanno scherzato su quanto accaduto su Twitter, l'unica comunità sociale ad alta portata che è stata disponibile dal tardo pomeriggio di ieri.

La Mercedes ha aperto le danze con un messaggio che recitava: "Solo un minuto. Stiamo cercando di trovare la password di MySpace della Mercedes". Un chiaro riferimento al social network che nel 2003 aveva aperto la strada al concetto di bacheca.

 

In un post successivo hanno proseguito lo scherzo con password che facevano riferimento alle vecchie line-up della squadra, come "nicomichael2010", in chiaro riferimento ai due piloti che avevano aperto il nuovo ciclo della Stella a 3 punte, Nico Rosberg e Michael Schumacher.

Ma sono addirittura tornati alle origini della squadra, alla British American Racing, poi diventata Honda, con la password "villeneuvezonta2223" che richiamava appunto a Jacques Villeneuve e a Ricardo Zonta.

L'amministratore dell'account delle Frecce d'Argento ha ricordato anche l'ultimo passo del team prima di diventare Mercedes, ovvero la Brawn GP, con la password "jensonrubens123" legata al campione del mondo 2009 Jenson Button e a Rubens Barrichello.

La Red Bull invece ha postato due immagini su Twitter. Una del 2005, il loro primo anno in Formula 1, con il messaggio: "No Instagram, no Whatsapp. Siamo tornati nel 2005?". La seconda invece riguarda il 2006: "Il nostro primo podio, 2006. Twitter è stato creato quell'anno".

 

I servizi di Facebook, Instagram e Whatsapp sono stati riattivati dopo diverse ore, quando in Europa era notte, e la società ha spiegato: "Crediamo che la causa principale di questa interruzione sia stato un cambiamento di configurazione difettoso. Inoltre non abbiamo prove che i dati degli utenti siano stati compromessi a causa di questo periodo di inattività".

Leggi anche:

condivisioni
commenti
Pirelli, Isola: "In Turchia mescole più morbide rispetto al 2020"
Articolo precedente

Pirelli, Isola: "In Turchia mescole più morbide rispetto al 2020"

Prossimo Articolo

Wolff: "Meglio montare la quarta power unit che un ritiro"

Wolff: "Meglio montare la quarta power unit che un ritiro"
Carica commenti
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021