F1, Zandvoort, Libere 3: Verstappen in fuga, Sainz sbatte

Max con la Red Bull ha rifilato mezzo secondo alle Mercedes dando il segno dell superiorità della Red Bull nella terza sessione di prove libere del GP d'Olanda. Dietro a Verstappen ci sono Bottas e Hamilton in difficoltà, con Perez che è risalito al quarto posto. Bene Alonso quinto con l'Alpine davanti a Norris (McLaren) e alle due Aston Martin. Leclerc è nono, mentre Sainz ha sbattuto duramente alla Curva 3 dopo 20 minuti: qualifiche a rischio?

F1, Zandvoort, Libere 3: Verstappen in fuga, Sainz sbatte

Ha impiegato mezz'ora per scendere in pista, facendosi attendere davanti ai 70 mila spettatori che hanno riempito le tribune tutte per lui: Max Verstappen ha annichilito gli avversari nella terza sessione di prove libere del GP d'Olanda. L'olandese con la Red Bull è stato l'unico a sfondare la barriera dell'1'10" con l'ottimo tempo di 1'09"623 ottenuto con le gomme soft.

Max ha dato quella rasoiata che ieri non si era vista e ha lasciato le due Mercedes a oltre mezzo secondo, creando un divario che ha lasciato senza parole Valtteri Bottas secondo con 1'10"179 a 556 millesimi dalla vetta.

Peggio ha fatto Lewis Hamilton relegato a sette decimi, ma il campione del mondo ha cercato di girare a lungo per prendere confidenza con una pista ostica dopo i problemi di affidabilità al motore di ieri che hanno limitato la sua permanenza sull'asfalto.

Le due frecce nere sono molto staccate, ma sono riuscite a stare davanti a Sergio Perez con la seconda Red Bull: il messicano è quarto a nove decimi dal compagno di squadra. Buona la posizione di Sergio, ma non il distacco che resta importante.

I due top team hanno ristabilito i valori, con un'egemonia di Verstappen indiscutibile, mentre è stata ridimensionata la Ferrari nel GP degli altri. La quinta posizione è stata arpionata da un ottimo Fernando Alonso con l'Alpine: lo spagnolo è a un secondo dalla vetta in un pacchetto di centro che è molto ristretto.

Dietro all'Alpine è spuntato Lando Norris con la McLaren: l'inglese non ha pagato dazio in un'uscita nella sabbia alla curva 9 e si è portato al sesto posto davanti alle due Aston Martin di Sebastian Vettel e Lance Stroll. In particolare il tedesco è stato autore di due sbavature all'uscita della temuta curva 3, ma se l'è cavata senza problemi.

I piloti sono stati pesantemente condizionati da un vento che soffiava in coda sul rettilineo d'arrivo e che è andato rinforzando con raffiche a sorpresa.

Rispetto alle aspettative innescate ieri, ci si aspettava qualcosa in più dalla Ferrari: Charles Leclerc è solo nono con la SF21, con una prestazione in linea con le "verdone", ma è solo ai margini della Top 10 davanti a Pierre Gasly con l'AlphaTauri.

Carlos Sainz è solo 16esimo, ma lo spagnolo ha sbattuto violentemente alla Curva 3 dopo una ventina di minuti del turno: l'iberico all'uscita della curva 2 percorsa in accelerazione ha perso il controllo della sua SF21 ed è finito all'improvviso in testacoda, sbattendo contro le protezioni prima con l'anteriore sinistra e poi con il retrotreno.

Immediata l'esposizione della bandiera rossa (ed è la quinta di questo weekend olandese) e c'è voluto un po' di tempo per spostare la Rossa con una gru dal braccio molto lungo. E' da vedere se i meccanici saranno nella condizione di riparare la Ferrari del madrileno che non è tornata ai box del Cavallino prima della conclusione della sessione.

L'incidente di Carlos Sainz Jr, Ferrari SF21

L'incidente di Carlos Sainz Jr, Ferrari SF21

Photo by: Charles Coates / Motorsport Images

La Ferrari, insomma, è rientrata nei ranghi del centro gruppo e anche Leclerc non è stato immune da un errore nel momento in cui cercava di estrarre il massimo dalla SF21. La Rossa non sembra bilanciata come l'abbiamo vista ieri e, forse, risente del vento più del previsto. Vedremo in qualifica.

Fuori dai dieci si inserisce Daniel Ricciardo con la seconda McLaren, pochi millesimi davanti al sorprendente Nicholas Latifi capace di arrampicarsi al 12esimo posto con la Williams, mentre il più blasonato George Russell si è accontentato di un 14esimo posto, giusto davanti ad Antonio Giovinazzi di 25 millesimi.

Esteban Ocon è 13esimo con l'Alpine: il francese ha perso una parte dell'ibrido nel giro buono per cui la sua prestazione non è giudicabile. In difficoltà Yuki Tsunoda: il giapponese con 29 giri percorsi è il pilota che ha fatto più strada con l'AlphaTauri, seguito da Robert Kubica: il polacco ha ereditato la C41 di Kimi Raikkonen che è stato fermato dal COVID-19.

Robert ha messo insieme 28 tornate, ma pagherà la mancanza delle prove  libere di ieri. E' stato bravo perché non ha chiuso ultimo sulla pista che per le sue difficoltà è la peggiore che ci potesse essere: si è messo alle spalle Mick Schumacher con la Haas, mentre Nikita Mazepin è davanti per un soffio. Si rifarà in qualifica, mettendo a frutto la sua esperienza.

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Netherlands Max Verstappen Red Bull 13 1'09.623     220.220
2 Finland Valtteri Bottas Mercedes 17 1'10.179 0.556 0.556 218.475
3 United Kingdom Lewis Hamilton Mercedes 22 1'10.417 0.794 0.238 217.737
4 Mexico Sergio Perez Red Bull 20 1'10.526 0.903 0.109 217.400
5 Spain Fernando Alonso Alpine 16 1'10.670 1.047 0.144 216.957
6 United Kingdom Lando Norris McLaren 19 1'10.781 1.158 0.111 216.617
7 Canada Lance Stroll Aston Martin 19 1'10.842 1.219 0.061 216.430
8 Germany Sebastian Vettel Aston Martin 20 1'10.872 1.249 0.030 216.339
9 Monaco Charles Leclerc Ferrari 20 1'10.896 1.273 0.024 216.266
10 France Pierre Gasly AlphaTauri 21 1'11.005 1.382 0.109 215.934
11 Australia Daniel Ricciardo McLaren 19 1'11.013 1.390 0.008 215.909
12 Canada Nicholas Latifi Williams 19 1'11.083 1.460 0.070 215.697
13 France Esteban Ocon Alpine 23 1'11.180 1.557 0.097 215.403
14 United Kingdom George Russell Williams 20 1'11.274 1.651 0.094 215.119
15 Italy Antonio Giovinazzi Alfa Romeo 20 1'11.299 1.676 0.025 215.043
16 Spain Carlos Sainz Jr. Ferrari 5 1'11.940 2.317 0.641 213.127
17 Japan Yuki Tsunoda AlphaTauri 29 1'11.980 2.357 0.040 213.009
18 Russian Federation Nikita Mazepin Haas 23 1'12.136 2.513 0.156 212.548
19 Poland Robert Kubica Alfa Romeo 28 1'12.162 2.539 0.026 212.471
20 Germany Mick Schumacher Haas 20 1'12.366 2.743 0.204 211.872
condivisioni
commenti
Verstappen scagionato dai commissari: nessuna sanzione

Articolo precedente

Verstappen scagionato dai commissari: nessuna sanzione

Prossimo Articolo

Mercedes: il plenum raffreddato fa discutere, ma non preoccupa

Mercedes: il plenum raffreddato fa discutere, ma non preoccupa
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021