Wolff: "Terze macchine senza Red Bull e Toro Rosso?"

Il responsabile Mercedes auspica che i team di Mateschitz restino, ma ha già una soluzione se salteranno...

Quanti calli hanno pestato quelli della Red Bull Racing negli ultimi anni? Quanti sono gli amici che hanno nel Circus lo stanno scoprendo giorno dopo giorno: la Mercedes ha chiuso la porta in faccia ai "bibitari" con un secco no sulla fornitura delle power unit, mentre Sergio Marchionne sta prendendo tempo per dare una risposta, offrendo alla squadra d Milton Keynes solo i motori 2015, retrocedendo Daniel Ricciardo e Daniil Kvyat in una sorta di Serie B.

Christian Horner e Helmut Marko non c'è dichiarazione nella quale non minaccino l'uscita dalla Formula 1 con Red Bull Racing e Toro Rosso. Ormai è un mantra che ha anche poca efficacia mediatica. Quasi che sia un grido nel deserto. In passato, quando Enzo Ferrari lasciava solo intendere l'uscita della Ferrari dal Circus determinava immediate reazioni di Bernie Ecclestone. Ad azione corrispondeva una pronta reazione. Qui siamo all'encefalogramma piatto. E questo è preoccupante per il futuro di due squadre che si sono meritate uno spazio importante nei Gp.

Toto Wolff, team principal della Mercedes, auspica che la Red Bull non se ne vada, ma cinicamente avrebbe già trovato una soluzione per cancellarne l'assenza:
“Come già detto per la Lotus, se un team dovesse andarsene, ci sarebbe una soluzione adottando le terze vetture per riempire la griglia. È chiaro che la priorità sarebbe avere la Red Bull in F.1, magari anche con le terze vetture, portando in griglia 27 o 28 monoposto, con alcuni giovani piloti interessanti sulle terze macchine".

Il sasso è lanciato...

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie