Wolff: "Regole 2021? Lasciamo quelle che ci sono!"

Il team principal Mercedes è convinto che la convergenza delle prestazioni possa avvenire con un regolamento maturo, più che con una rivoluzione. Anche perché gli ultimi GP hanno offerto un grande spettacolo. Bocciata la gara di qualifica, non l'open source sui pezzi.

Wolff: "Regole 2021? Lasciamo quelle che ci sono!"

Mentre negli ultimi mesi i rappresentanti di FIA, Liberty, squadre, piloti e fornitori si incontravano periodicamente per definire la Formula 1 del futuro, il Mondiale 2019 negli ultimi sei Gran Premi ha offerto un grande spettacolo sportivo, con un progressivo aumento di consensi.

Gare incerte, confronti serrati, copioni quasi cinematografici. Di colpo si è scoperto che tutto ciò che dopo il Gran Premio di Francia andava rivoluzionato, forse non dovrebbe essere stravolto, ma semplicemente ritoccato in alcuni aspetti.

Il tempo per la retromarcia c’è ancora, ma non poi così tanto, e Toto Wolff ha parlato proprio di questo nella conferenza stampa che ha tenuto ieri a Singapore.

“Abbiamo avuto un ottimo incontro qui a Singapore con tutti i rappresentanti delle squadre, Jean Todt e Chase Carey – ha spiegato il team principal della Mercedes - è chiaro che nessuno ha intenzione di avere una formula… GP1 con macchine silhouette, l’aerodinamica dovrebbe essere sempre un elemento di differenziazione".

"Dobbiamo fare ancora delle ultime valutazione sulle proposte per i nuovi regolamenti, e vedere se possiamo trovare un compromesso tra ciò che abbiamo sul tavolo in questo momento, che è molto limitante in termini di sviluppo aerodinamico, e la libertà in vigore attualmente. La nostra opinione (come Mercedes) è di lasciare le regole come sono, perché con la stabilità di regolamenti c’è sempre stata una convergenza dei valori in campo. Ma sono praticamente l’unico a vederla così, c’è chi preferisce cambiare le cose, con la speranza che poi tutto funzioni. Lanciare i dadi, sperando di cogliere un’opportunità costa meno fatica che abbassare la testa e provare a migliorare”.

Il messaggio è molto chiaro, ovvero chi insegue i top-team può avere interesse a cambiare le regole del gioco, ma la storia in realtà dimostra che quando inizia un nuovo ciclo tecnico, chi per primo trova la giusta interpretazione marchia a fuoco una o più stagioni, come è accaduto alla stessa Mercedes al via del ciclo ibrido.

Altro tema è quello dell’open source, ovvero la condivisione tra team di alcune componenti tecniche, come alternativa alla soluzione che prevede la gara d’appalto ed un fornitore esterno.
“L'open source può essere una filosofia interessante – ha chiarito Wolff - ma forse è ancora prematuro discuterne in pubblico perché prima dobbiamo decidere se serve una maggioranza di team favorevoli per proseguire".

"Perché in questo caso, qualora non ci fosse tale maggioranza, è inutile andare avanti. La ritengo comunque una proposta interessante da valutare con attenzione, piuttosto che pensare a griglie inverse che nessuno sembra gradire…”.

La gara di qualifica, proposta emersa dall’ultimo meeting di Ginevra, sembra invece una proposta destinata a rimanere tale. Nel weekend di Singapore molti piloti si sono espressi in modo chiaro, bocciando sul nascere l’idea.
“È positivo che i piloti abbiano una opinione molto chiara – ha confermato Wolff - non vogliamo apparire non collaborativi se vengono presentate nuove idee, l’approccio deve essere quello di una mentalità aperta. La mia opinione personale è che oggi abbiamo un buon format del weekend, che funziona molto bene, con una qualifica e il piatto forte la domenica con la gara. Dovremmo essere molto cauti nel fare esperimenti durante la stagione con centinaia di milioni di spettatori che ci seguono”.

Volante della Mercedes AMG F1 W10
Volante della Mercedes AMG F1 W10
1/17

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Il musetto dell'auto di Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
Il musetto dell'auto di Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
2/17

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
3/17

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Toto Wolff, Executive Director (Business), Mercedes AMG, guarda le Qualifiche con Jean Todt, President, FIA
Toto Wolff, Executive Director (Business), Mercedes AMG, guarda le Qualifiche con Jean Todt, President, FIA
4/17

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, ispeziona l'auto diLewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, al Parc Ferme
Sebastian Vettel, Ferrari, ispeziona l'auto diLewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, al Parc Ferme
5/17

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
6/17

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, parla con Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
Sebastian Vettel, Ferrari, parla con Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
7/17

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Mercedes AMG F1 W10, dettaglio del cockpit
Mercedes AMG F1 W10, dettaglio del cockpit
8/17

Foto di: Giorgio Piola

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
9/17

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
10/17

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
11/17

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
12/17

Foto di: Giorgio Piola

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
13/17

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
14/17

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
15/17

Foto di: Lionel Ng / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
16/17

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
17/17

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Mercedes: Kallenius vuole un nuovo motorista

Articolo precedente

Mercedes: Kallenius vuole un nuovo motorista

Prossimo Articolo

Strategie Singapore: tutti per una sola sosta

Strategie Singapore: tutti per una sola sosta
Carica commenti
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021