Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Intervista

F1 | Wolff pro Audi: "Sarebbe valore aggiunto, più di Andretti"

Toto Wolff è convinto che l'interesse dell'Audi a entrare in Formula 1 sarebbe un valore aggiunto per l'attuale griglia.

Audi Sport Team Joest  zona paddock e logo / simbolo

Il tentativo di Michael Andretti di entrare nel circus ampliando la sua attività ha incontrato una forte opposizione da parte della maggior parte degli attuali 10 partecipanti alla serie.

I team sono stanchi di dover dividere il montepremi della F1 con un ulteriore concorrente e ritengono che l'attuale fondo di 200 milioni di dollari non sia sufficiente, poiché il valore del possesso di una vettura di F1 è aumentato in modo significativo da quando è stato fissato quel prezzo, a causa del crescente interesse globale verso questo sport e del budget cap.

Tuttavia, in attesa dell'ingresso di Audi, il team principal della Mercedes ha ammesso che a livello di marketing il Costruttore tedesco sarebbe più adatto come 11a squadra rispetto ad Andretti, anche se l'azienda americana è diventata una potenza globale attiva in IndyCar, Formula E, Extreme E e Australian Supercars.

Alla domanda riguardo l'incertezza sulla situazione del team Andretti, e se l'ingresso da parte di Audi cambierebbe la prospettiva dei team esistenti, Wolff ha detto: "Penso che chiunque entri a far parte come 11° team debba dimostrare quanto possa essere creativo per l'azienda".

"Andretti è un grande nome e credo che abbia fatto cose eccezionali negli Stati Uniti. Ma questo è sport e business, e dobbiamo capire cosa può darci".

"Se un'azienda o un gruppo internazionale e multinazionale entra in F1 e può dimostrare che spenderà una quantità di dollari per l'attivazione e il marketing nei vari mercati, è ovviamente una proposta di valore completamente diversa per tutti gli altri team".

Michael Andretti, Chief Executive Officer & Chairman Andretti Autosport

Michael Andretti, Chief Executive Officer & Chairman Andretti Autosport

Photo by: Andreas Beil

 

Wolff sostiene anche che la F1 vuole continuare ad accrescere il proprio valore nei prossimi anni e ritiene che ogni nuovo concorrente debba contribuire a questo processo.

"Con 10 posti si spera sempre che aumenti il valore. Di certo non accadrà dandone di nuovi a persone che non possono aumentare il valore complessivo della Formula 1".

Oltre all'Audi, anche la Porsche, marchio gemello del Gruppo VW, è vicina a concordare un significativo accordo di partecipazione azionaria e di fornitura di motori con la Red Bull Racing a partire dal 2026, quando entreranno in vigore le nuove regole sui motori della F1.

Nel frattempo, l'attuale partner motoristico della Red Bull, Honda, che ha ufficialmente lasciato la F1 ma collabora ancora con l'azienda di Milton Keynes, sta valutando la possibilità di rientrare in F1 nel 2026, quando lo sport passerà a carburanti sostenibili e a un sistema ibrido semplificato.

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente Video F1 | Ghini: "Ferrari: ammettere gli errori avrebbe frenato la gogna"
Prossimo Articolo F1 | Alpine fiduciosa di battere Aston Martin quando avrà Alonso

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia