Formula 1
G
GP del Portogallo
02 mag
Gara in
21 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
24 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
63 giorni
G
GP di Francia
27 giu
Gara in
77 giorni
04 lug
Prossimo evento tra
80 giorni
G
GP di Gran Bretagna
18 lug
Gara in
98 giorni
G
GP d'Ungheria
01 ago
Gara in
112 giorni
G
GP del Belgio
29 ago
Gara in
140 giorni
05 set
Gara in
147 giorni
12 set
Gara in
154 giorni
G
GP della Russia
26 set
Gara in
168 giorni
G
GP di Singapore
03 ott
Prossimo evento tra
171 giorni
G
GP del Giappone
10 ott
Gara in
181 giorni
G
GP degli Stati Uniti
24 ott
Race in
196 giorni
G
GP del Messico
31 ott
Gara in
203 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Gara in
245 giorni

Wolff: "Le regole 2021 ci penalizzano, ma noi lottiamo"

Il team principal austriaco sottolinea il fatto che le norme aerodinamiche hanno colpito principalmente la Mercedes: “Non credo sia un segreto, ma amiamo le sfide e lavoreremo al meglio delle nostre possibilità”. Hamilton non crede alla possibilità di lottare per la vittoria, ma "...credevamo di avere un distacco doppio di quello visto. La squadra sta lavorando sodo e sono fiducioso che presto riusciremo a tirare fuori il massimo da questo progetto”.

Wolff: "Le regole 2021 ci penalizzano, ma noi lottiamo"

“Non credo sia un segreto che le modifiche al regolamento tecnico siano state pensate per farci retrocedere un pò, d’altronde anche la scorsa stagione è stata modificata la modalità di utilizzo del motore tra qualifiche e gara con lo stesso obiettivo. Ma va bene così, amiamo le sfide e lavoreremo al meglio delle nostre possibilità”.

Al termine delle qualifiche di ieri Lewis Hamilton, rispondendo ad una domanda sulle performance confermate in pista dalle monoposto che hanno sposato la filosofia ‘rake’, non ha dribblato del tutto le polemiche, additando le nuove regole tecniche imposte nel 2021 dalla FIA.

A raddrizzare il tiro ci ha pensato poco dopo Toto Wolff: “Se dovessimo sostenere che siamo stati penalizzati solo dai regolamenti tecnici non saremmo dei combattenti. Dobbiamo solo mettere a punto la nostra macchina nel modo corretto, poi saremo lì a giocarcela con tutti”.

Il sabato sera di Sakhir ha visto la Mercedes prendere atto dei timori affiorati e consolidati nel corso dei test pre-campionato, ma con un mix di sensazioni. Da una parte la realtà, ovvero che c’è una Red Bull da inseguire, dall’altra la consapevolezza di essere sulla strada giusta per tornare a fare la… Mercedes. Probabilmente non nella gara di oggi, ma prima di quanto si possa pensare.

“Siamo comunque più vicini di quanto ci aspettassimo – ha confermato Hamilton – penso che abbiamo fatto davvero un buon passo avanti questo fine settimana, perché dopo i test avevamo calcolato un divario doppio di quello che invece abbiamo accusato oggi. La squadra sta lavorando davvero tanto, sono molto fiducioso che presto riusciremo a mettere tutto nella giusta posizione per tirare fuori il massimo da questo progetto”.

Nel frattempo nel box Mercedes giocheranno in difesa, e non è la prima volta sul circuito di Sakhir, pista che non è mai stata tra quelle più amiche del team di Brackley. Nelle edizioni 2017 e 2018 del Gran Premio del Bahrain a trionfare furono la Ferrari e Sebastian Vettel, ed anche nel 2019 il successo sfuggì al neo-acquisto del Cavallino, Charles Leclerc, per un problema alla power unit quando aveva ormai la gara in pugno.

Quello di Sakhir non è proprio il banco prova migliore per tastare il polso alla Mercedes, e Hamilton, pur non riuscendo ad immaginarsi vincitore del Gran Premio di stasera, sa che sarà importante lasciare il Bahrain con più punti possibili.

“Il gap che abbiamo visto in qualifica non ci permette ancora di poter puntare a vincere – ha confermato Lewis parlando del momento di forma di Verstappen e della Red Bull – e di solito loro sono in grado di confermare il potenziale che mostrano in qualifica anche in gara. Mi piacerebbe dirvi che potremo compensare il divario che ci separa (dalla Red Bull) nel Gran Premio di oggi, ma penso che abbiano ancora un paio di decimi di vantaggio".

"Il secondo posto resta comunque un obiettivo importante per cui combattere, in questo senso sono fiducioso dopo i riscontri che abbiamo avuto dai long-run di venerdì, ma c’è anche l’incognita vento, che potrebbe essere una variabile importante con cui fare i conti. Vedremo…”.

condivisioni
commenti
Horner: "Max ha danneggiato il fondo e gli è costato 1 decimo"

Articolo precedente

Horner: "Max ha danneggiato il fondo e gli è costato 1 decimo"

Prossimo Articolo

Podcast, Bobbi: "Red Bull RB16B, il posteriore la sua forza"

Podcast, Bobbi: "Red Bull RB16B, il posteriore la sua forza"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP del Bahrain
Sotto-evento Gara
Location Bahrain International Circuit
Piloti Lewis Hamilton
Team Mercedes
Autore Roberto Chinchero
F1: quanto è più veloce di una MotoGP, LMP1 o IndyCar? Prime

F1: quanto è più veloce di una MotoGP, LMP1 o IndyCar?

Siamo abituati a considerare la Formula 1 come la categoria regina dell'automobilismo, quella capace di raggiungere le velocità più elevate in assoluto. Ma sarà davvero così? Andiamo a scoprirlo in questa classifica...

Mercedes: il limite allo sviluppo può diventare un incubo Prime

Mercedes: il limite allo sviluppo può diventare un incubo

La Mercedes è andata via dal Bahrain con la consapevolezza di non avere tra le mani la monoposto di riferimento in griglia, e i limiti allo sviluppo potrebbero trasformare questa stagione in un incubo.

Jacques Villeneuve, cinquant'anni...mondiali Prime

Jacques Villeneuve, cinquant'anni...mondiali

Il 9 aprile del 1971 nasce Jacques Villeneuve, Campione del Mondo di Formula 1 1997. Andiamo a rivivere i suoi primi due anni nella massima serie, quelli che lo hanno accompagnato ad entrare nell'elenco delle leggende del Motorsport...

Formula 1
9 apr 2021
Basso Rake: come i regolamenti hanno "penalizzato" la W12 Prime

Basso Rake: come i regolamenti hanno "penalizzato" la W12

Andiamo a scoprire ed analizzare come le modifiche regolamentari al fondo ed al pavimento delle monoposto abbiano influito negativamente sulle performance della Mercedes W12, nonostante la vettura abbia vinto con Lewis Hamilton la gara di apertura in Bahrain

Formula 1
8 apr 2021
Mercedes: il basso rake non funziona o è questione di... fondo? Prime

Mercedes: il basso rake non funziona o è questione di... fondo?

La squadra campione del mondo ha vinto con Hamilton il primo GP 2021, ma è indubbio che la W12 non ha dato l'impressione di essere stata la monoposto più competitiva in Bahrain. Anche l'Aston Martin è parsa sotto tono dopo il cambio delle norme aerodinamiche: i tecnici hanno parlato di particolari difficoltà con l'assetto Rake, mentre la sensazione è che i problemi stiano altrove.

Formula 1
7 apr 2021
Ceccarelli: “Quando i piloti di F1 non curavano la preparazione” Prime

Ceccarelli: “Quando i piloti di F1 non curavano la preparazione”

Torna la rubrica del mercoledì mattina di Motorsport.com. In compagnia del Direttore Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine, in questa puntata di Doctor F1 andiamo a conoscere i segreti dietro la preparazione atletica richiesta a ciascun pilota di Formula 1

Formula 1
7 apr 2021
Piola: "Le F1 2021 giuste le vedremo a Barcellona" Prime

Piola: "Le F1 2021 giuste le vedremo a Barcellona"

Ancora un po' di pazienza e la F1 torna in pista. Nell'attesa del weekend di Imola, andiamo ad analizzare i possibili scenari futuri al netto di quanto visto al GP del Bahrain, in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola

Formula 1
5 apr 2021
Hakkinen: perché si chiama "finlandese volante"? Prime

Hakkinen: perché si chiama "finlandese volante"?

Andiamo a scoprire tutti i retroscena legati al soprannome "finlandese volante" attribuito a Mika Hakkinen in questo racconto a firma Mark Sutton, celeberrimo fotografo al seguito della F1

Formula 1
5 apr 2021