Wolff: "La negatività in F.1? Non è tutto un disastro"

Il responsabile Mercedes ritiene che le critiche alla F1 siano un'ulteriore spinta per la popolarità

Con un unico team dominante sulla scena e la penuria di battaglie in pista, il mondo della Formula 1 si trova nel bel mezzo di critiche roventi circa la mancanza di spettacolo sui tracciati.

Proprio queste critiche hanno spinto i responsabili dei vari team ad adottare cambiamenti regolamentari per rendere lo spettacolo più combattuto, che si vedranno nel 2017 e che dovrebbero rendere le monoposto più veloci.

Intervistato da motorsport.com in merito alla controversa questione della mancanza di spettacolarità nella massima formula a ruote scoperte, Toto Wolff ha dichiarato: "Il detto di Bernie Ecclestone è vero. Lo sport deve sempre essere in primo piano nelle notizie. Delle volte è positivo, altre negativo, ma spesso è controverso e questo lo rende eccitante".

Wolff ha poi continuato: "La Formula 1 si trova in una buona posizione perchè stiamo lavorando per incrementare la copertura televisiva in mercati importanti. Ci sono alcuni mercati, come ad esempio la Spagna, dove l'audience televisivo non aumenta perchè non ci sono piloti locali in grado di competere per la vittoria. Noi stiamo lavorando proprio in questi mercati dove non aumenta l'interesse per la Formula 1. Le TV tradizionali sono un mercato in declino se paragonato al mondo digital, ma siamo in grado di mantenere, se non di incrementare, la popolarità televisiva. Non direi che la Formula 1 è completamente da cambiare, non tutte le modifiche che stiamo apportando sono da considerare sbagliate, ma certamente devi porti delle domande per riuscire a migliorare questo sport".

 

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Commento