Wolff: "Dobbiamo tornare a essere competitivi con due vetture"

Il team principal Mercedes non usa giri di parole per spiegare che si aspetta un ritorno alla competitività della squadra di Brackley dopo due gare sui circuiti cittadini nelle quali la Stella ha raccolto abbastanza: "Dobbiamo dare ad entrambi i nostri piloti una macchina che sia in grado di lottare per il successo, mentre a Monte Carlo e Baku ci siamo riusciti solo con una vettura".

Wolff: "Dobbiamo tornare a essere competitivi con due vetture"

La Mercedes ha accusato il colpo. Negli ultimi due Gran Premi la squadra campione del mondo non è stata in grado di esprimere il potenziale necessario per puntare alla vittoria, pagando un gap importante nei confronti della Red Bull che ha comportato la perdita della leadership in entrambe le classifiche del Mondiale.

A Brackley sperano che il tutto possa diventare un trauma da circuito cittadino, ma per archiviare la faccenda occorre un pronto riscatto il prossimo weekend al Paul Ricard.
“Il Gran Premio di Francia ci riporterà su un circuito più tradizionale – ha commentato Toto Wolff - e spero che per noi questa possa essere una notizia positiva. Quella del Paul Ricard è una pista sulla quale in passato siamo andati bene, è un tracciato con un ampio campionario di curve che metterà alla prova la vettura sotto ogni aspetto, una sfida interessante da affrontare”.

“Arriviamo da due circuiti cittadini sui quali la nostra monoposto non si è adattata – ha proseguito Wolff – sapevamo che sarebbero stati difficili, ma siamo comunque delusi dall’aver perso un podio ed una vittoria per errori che noi stessi abbiamo commesso".

"Siamo frustrati, e questo conferma gli standard molto elevati nei quali operiamo, ed è ciò che ci spinge ad andare avanti. Sia a Monaco che a Baku abbiamo messo la monoposto in una finestra che ha consentito solo ad uno dei nostri piloti di trovare il giusto feeling, ed è stato il caso di Valtteri a Monaco e Lewis a Baku".

"In un confronto così serrato e intenso come quello che stiamo vedendo in questa stagione, sappiamo che dobbiamo garantire ad entrambi ai nostri piloti una monoposto in grado di poterli fare spingere al limite, senza perdere la fiducia”.

Non è un accenno casuale, quello di Wolff, perché il successo di Sergio Perez a Baku ha ribadito che nel Mondiale 2021 non basterà un solo pilota per puntare alla classifica Costruttori.

La situazione è cambiata molto rispetto a dodici mesi fa, quando il solo Hamilton ottenne a fine stagione 347 punti, contro i 319 conquistati complessivamente dalle due Red Bull. Quest’anno è un’altra storia, e Wolff lo sa bene.

“Sono state disputate solo sei gare dall'inizio della stagione – ha concluso - e c'è ancora molta strada da fare. Non ci aspettiamo grandi cambiamenti sul fronte delle gerarchie, e cercheremo di trasformare le conoscenze che abbiamo acquisito nelle ultime settimane in performance, nella speranza che ci si possa confermare molto più competitivi con entrambe le nostre monoposto”.

condivisioni
commenti
F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti

Articolo precedente

F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti

Prossimo Articolo

Raikkonen: "Devo impegnarmi per stare davanti a Giovinazzi"

Raikkonen: "Devo impegnarmi per stare davanti a Giovinazzi"
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021