Wolff: "L'obiettivo eravamo noi, Aston paga un danno collaterale?"

Otmaz Szafnauer, team principal team di Silverstone, sostiene che le norme aerodinamiche sono state cambiate per colpire la Mercedes, penalizzando con i tagli sul fondo le monoposto che adottano un basso angolo Rake. Il capo della Mercedes ha glissato su questo tema spinoso con una battuta: "Forse l’obiettivo eravamo noi e loro pagano quelli che sono dei… danni collaterali".

Wolff: "L'obiettivo eravamo noi, Aston paga un danno collaterale?"

Toto Wolff ha una indubbia capacità: con una battuta riesce spesso a spiegare una situazione, magari intricata o spinosa. Al team principal della Mercedes è stato chiesto quale fosse il suo pensiero sul cambiamento delle regole aerodinamiche che la FIA ha deciso l’anno scorso nel tentativo di ridurre la downforce delle monoposto a tutela delle gomme Pirelli.

Otmar Szafnauer, team principal dell’Aston Martin, sostiene che le novità aerodinamiche sono state decise per colpire la Mercedes e sono state pensate per creare dei problemi alle monoposto che adottano un basso assetto picchiato a vantaggio di quelle che usato un alto angolo di Rake.

"Capisco che il tema sia stato sollevato – ha spiegato Wolff a commento delle dichiarazioni di Szafnauer – è lecito domandarsi quale sia stata la motivazione che ha portato all’adozione di quelle regole aerodinamiche. E penso che ci sia sempre il diritto di andare a rivedere le cose per capire come sono andate effettivamente, parlandone con la FIA”.

"Ecco perché rispetto la richiesta dell’Aston Martin di fare luce sull'intera faccenda. Forse l’obiettivo eravamo noi e loro pagano quelli che sono dei… danni collaterali. Quindi che si proceda pure".

Ma l’abile manager austriaco non si spinge oltre, perché sarebbe molto difficile, se non imbarazzante sostenere la linea delle macchina a basso Rake volutamente colpite dalle nuove regole quando la W12 ha vinto la prima gara, ha concluso seconda a Imola conquistando la pole position con Lewis Hamilton.

Otmar Szafnauer venerdì scorso aveva chiesto alla FIA un incontro chiedendo che si aprisse un’inchiesta sul cambiamento delle regole e dopo i meeting con i commissari tecnici il capo di Aston Martin Szafnauer si è detto "…abbastanza soddisfatto che siano stati fatti tutti i passi corretti. La discussione non è conclusa perché vogliamo verificare tutti i passaggi decisionali, dobbiamo capire qual è stato l'intero processo per essere certi che sia stato davvero equo".

La polemica sembra essersi smorzata così come le voci di una possibile causa contro la Federazione Internazionale.

condivisioni
commenti
McLaren: la maturazione di Norris oscurerà la stella Ricciardo?
Articolo precedente

McLaren: la maturazione di Norris oscurerà la stella Ricciardo?

Prossimo Articolo

Ascolti TV: la Formula 1 a Imola batte la MotoGP a Portimao

Ascolti TV: la Formula 1 a Imola batte la MotoGP a Portimao
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021