Wolff: "Abbassiamo i toni, Red Bull troppo dura contro Lewis"

In un'intervista concessa a Motorsport.com, il team principal della Mercedes, stigmatizza gli attacchi personali che sono partiti dagli uomini Red Bull nei confronti di Hamilton. Se il parlamentare laburista Peter Hain ha censurato le parole di Horner che possono aver scatenato gli attacchi razzisti su Lewis, Toto non attribuisce a Christian contenuti che non fossero in termini sportivi. Ora a Brackley vogliono riaprire un dialogo con il team leader del mondiale.

Wolff: "Abbassiamo i toni, Red Bull troppo dura contro Lewis"

Gli effetti dell’incidente avvenuto a Silverstone tra Max Verstappen e Lewis Hamilton continuano a tenere banco. La rivalità sportiva tra Red Bull e Mercedes che sta caratterizzando la stagione 2021, è salita di tono dopo il contatto alla Copse, innescando una serie di dichiarazioni che hanno portato a livelli preoccupanti la tensione tra le due squadre.

Toto Wolff ne ha parlato per la prima volta dopo il weekend di Silverstone con Motorsport.com, puntando il dito contro alcuni attacchi personali arrivati da parte della Red Bull, ma lanciando anche un messaggio distensivo nella speranza che si possa tornare a parlare solo di rivalità sportiva.

Nel mirino ci sono soprattutto alcune dichiarazioni rilasciate da Helmut Marko, nelle quali il consulente austriaco ha accusato la Mercedes di aver mostrato il suo “stile” celebrando la vittoria di Silverstone mentre Verstappen era sottoposto a controlli in ospedale.

Dichiarazioni che si sono aggiunte a quelle di Christian Horner, che ha definito “sporca” la condotta di Hamilton, mentre Verstappen ha accusato Lewis di essere irrispettoso e antisportivo dopo aver visto i festeggiamenti del campione del Mondo al termine del Gran Premio di Gran Bretagna.

“La situazione era molto tesa – ha spiegato Wolff – questo posso capirlo, ma il linguaggio che è stato utilizzato così come gli attacchi personali, sono di un livello che non avevamo mai visto prima in questo sport. Capisco il pregiudizio sull'incidente e le emozioni di un padre (il riferimento è a Jos Verstappen) probabilmente avrei fatto la stesa cosa, ma avrei utilizzato un linguaggio diverso”.

I commenti di Christian Horner sono stati criticati anche dal parlamentare laburista Peter Hain, il quale ha biasimato pubblicamente le dichiarazioni rilasciate del team principal della Red Bull dopo la gara.
“I razzisti hanno trovato una buona scusa per lanciare i loro attacchi a Lewis – ha dichiarato Hain a Press Association – è stato un attacco molto sconsiderato, intemperante e semplicemente sbagliato da parte di Horner”.

Su questo punto Wolff ha invece ridimensionato l’impatto delle parole di Horner:
“Non credo che Christian stesse insinuando qualcosa con contenuti razzisti in quello che ha detto, stava parlando in termini puramente sportivi, questo è ovvio. Spero che sia stato qualcosa detto nella foga di un momento difficile, ma proprio in questi momenti è richiesta capacità di leadership e non degli sfoghi”.

Wolff ha poi confermato che quando la situazione sarà più calma è sua intenzione mettersi in contatto con la squadra di Milton Keynes.
“Quando la parte emotiva si sarà abbassata – ha dichiarato - cercheremo di ripristinare il nostro rapporto professionale per il bene della Formula 1”.

Il polverone di Silverstone non sembra invece aver avuto impatti su Hamilton...
“Penso che sia abbastanza rilassato – ha rivelato Wolff – le polemiche sono divampate, e alcuni dei commenti rilasciati dopo la gara sono stati molto personali, ma nel complesso Lewis si è comportato molto bene”.

Anche l’attività nella sede di Brackley sta proseguendo come da programma, e la squadra è impegnata nel massimo sforzo possibile per tenere vive le aspirazioni Mondiali.
“Le controversie sono esterne all’attività della squadra, e non crediamo che possano avere alcun impatto sulla struttura. Il campionato è ancora lungo e ci sono tanti, tanti punti da assegnare – ha concluso Wolff - dobbiamo solo guardare a noi stessi e cercare di recuperare un po' di performance per poter ambire a vincere altre gare.”.

condivisioni
commenti
Bottas preferisce trattare con Alfa Romeo per restare in F1

Articolo precedente

Bottas preferisce trattare con Alfa Romeo per restare in F1

Prossimo Articolo

Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia

Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021