Vettel: "Il servosterzo Aston ha reazioni diverse"

Il quattro volte campione non ha avuto un inizio facile al volante della AMR21. Ma al di là dei problemi di affidabilità emersi, Sebastian ammette che deve ancora imparare a conoscere la squadra e il comportamento della macchina che ha un comportamente decisamente diverso dalle precedenti. In particolare si deve adattare a un servosterzo che gli dà sensazioni di guida inusuali.

Vettel: "Il servosterzo Aston ha reazioni diverse"

Sebastian Vettel contava di cancellare un anno difficile con la Ferrari salendo sull’Aston Martin, ma il quattro volte campione non è stato particolarmente fortunato al debutto con la AMR21 nei test in Bahrain.

Il tedesco ha accusato una serie di problemi tecnici che hanno limitato la sua conoscenza con la squadra di Silverstone: un problema al cambio e uno al turbo hanno condizionato la fase di collaudo delle monoposto “verdona”.

Sebastian ha concluso la tre giorni a Sakhir con il penultimo tempo, finendo solo davanti al collaudatore Williams, Nissany. Un magro bottino per chi contava di dare una sterzata al suo destino in Formula 1.

Ma Vettel è consapevole che ci vuole tempo per integrarsi in una nuova squadra e non nasconde quali sono le aree nelle quali dovrà lavorare per migliorare…
"Devo ancora imparare a conoscere le persone del team, mentre sulla macchina ho notato che il comportamento dello sterzo è diverso da quello a cui sono stato abituato. Guidando si ha il volante fra le mani e questo è il feedback che si riceve girando”.

"Ovviamente ogni monoposto di F1 ha il suo servosterzo, ma ciascuno è settato in modo leggermente diverso, per cui le sensazioni di guida sono condizionate da questo elemento”.

Un inizio non certo semplice per il tedesco che si deve adeguare a una macchina come l’Aston Martin che adotta un assetto a basso rake, un concetto diverso da quello a cui era abituato in Red Bull e Ferrari.

Non deve sorprendere, quindi, se la curva d’apprendimento è più marcata, tenuto conto che disporrà anche di una power unit diversa, sfruttando quella Mercedes per la prima volta.
"La monoposto è basata su una filosofia diversa. Ma è diversa la squadra, la macchina e il modo di guidare. E, quindi, ci vuole un po’ di tempo”.

"Senza entrare troppo nei dettagli, perché non credo sia giusto fare dei confronti in pubblico, ma l’ambiente è cambiato e ci vuole un po' per abituarsi. Già solo in termini di confort nella vettura ci sono dei cambiamenti: i pedali sono diversi e il sedile non è fatto allo stesso modo. C’è un effetto cumulativo di tutte queste cose che crea una sensazione differente”.

Vettel non vuole aggiungere molto di più, ma ammette che è affascinato dal provare qualcosa di nuovo…
"È molto interessante per me, mettiamola in questo modo: non è che se tu hai una macchina con un Rake estremo e togli l’assetto picchiato ti trovi su una Mercedes e nemmeno se aumenti il Rake guidi all’improvviso una Red Bull. Ovviamente non è così. È tutto molto più complesso. Perché ci sono molti elementi che devono integrarsi”.

condivisioni
commenti
McLaren: la MCL35M promette, ma con le gomme non è gentile
Articolo precedente

McLaren: la MCL35M promette, ma con le gomme non è gentile

Prossimo Articolo

Ghini: "La F1 è un prodigio, va sempre oltre le regole"

Ghini: "La F1 è un prodigio, va sempre oltre le regole"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021