Vettel: "Ho fallito, volevo essere campione con la Ferrari"

Il tedesco nel podcast Beyond The Grid fa una cruda analisi della situazione. Sebastian non ha rimpianti, ma ammette di non aver centrato l'obiettivo che si era dato: "Ci sono state cose che avrei dovuto fare meglio, altre che forse avrei dovuto vedere in anticipo, battaglie che forse non avrei dovuto affrontare, ma d'altra parte credo che tutto quello che è successo mi abbia portato dove sono ora". Vettel non vede l'ora di ricominciare alla Racing Point.

Vettel: "Ho fallito, volevo essere campione con la Ferrari"

È un periodo molto intenso per Sebastian Vettel. Non certo per i risultati che sta ottenendo in pista, quanto per il drastico cambio di rotta che si avvia ad affrontare, una virata che darà una svolta importante alla sua carriera sportiva, qualunque sarà l’esito della scommessa Aston Martin.

Per una storia che presto comincerà, ve ne è un’altra che si avvia alla conclusione, ma quello che Vettel ha messo subito in chiaro è la volontà di guardare sempre avanti, senza rimpianti.

“Non credo che mi guarderò indietro e non credo che avrò dei rimpianti – ha spiegato Seb al podcast Beyond The Grid – è vero che mi ero posto l’obiettivo di vincere il campionato del mondo con la Ferrari e non ci sono riuscito, quindi ho fallito".

"Ci sono state cose che avrei dovuto fare meglio, altre che forse avrei dovuto vedere in anticipo, battaglie che forse non avrei dovuto affrontare, ma d'altra parte credo che tutto quello che è successo mi abbia portato dove sono ora, e non parlo delle cose che accadono in pista. Quando, ad esempio, ho perso il controllo della monoposto a Hockenheim (nel 2018) in condizioni di metà bagnato e metà asciutto, è stato considerato un punto basso, ma non è di questo genere di cose che sto parlando. Comunque, se devo giudicarmi in modo duro e onesto, ho fallito. Ci sono ragioni? Probabilmente sì ma non cerco scuse. Quindi, qualunque cosa sia successa, credo mi abbia anche fatto fare un passo avanti, ad un livello successivo”.

Ha incuriosito l’accenno di Vettel alle ‘battaglie che non avrebbe dovuto affrontare’, ma non è entrato molto nel dettaglio:
“Guardando indietro ci sono state situazioni che non avrei dovuto affrontare anche se in alcuni casi credo di aver avuto ragione, la mia natura mi ha portato a farlo, affrontando piccole battaglie e scontri. In definitiva capisco che sono passaggi in cui si matura e, cosa importante, non ho rimpianti, sono felice di andare avanti”.

Tra meno di tre mesi Vettel potrà vestire i colori dell’Aston Martin ed iniziare una nuova vita. La scelta di Seb ha spaccato le opinioni del paddock, diviso tra ha visto questa scommessa come un’opportunità e chi come un passo indietro.

Ma cosa ha convinto Vettel ad affrontare questa sfida?
“Per prima cosa vedo che la squadra sta crescendo in molti aspetti – ha chiarito Seb – il trend è positivo su tanti fronti. Ma è stata soprattutto la mentalità, la volontà di fare davvero qualcosa di speciale, e mi piace l’idea di fare parte di un progetto del genere".

"Ovviamente Racing Point, che in futuro sarà Aston Martin, è una realtà molto diversa dalla Ferrari, ma crescerà e credo che sarà un viaggio stimolante a cui mi aggiungerò cercando di dare il mio contributo”.

Una scelta molto racing quella di Vettel, come racing è sempre stata la sua visione del mondo del motorsport, al punto da far credere che la scelta Aston Martin sia stata dettata anche dalla volontà di ritrovarsi in una realtà più piccola, una squadra corse e poco altro.
“Adoro le corse e non vedo l'ora di correre – ha concluso Seb - come ho detto non mi pento degli ultimi anni e ho imparato molto durante il mio tempo trascorso in Ferrari, che è una realtà unica in cui ho conosciuto tanti professionisti diventati anche degli amici. Dove sto andando troverò una realtà diversa, che mi incuriosisce, e non vedo l’ora che inizi”.

condivisioni
commenti
Proposta Renault: anticipare i nuovi regolamenti power unit
Articolo precedente

Proposta Renault: anticipare i nuovi regolamenti power unit

Prossimo Articolo

F1 tecnica a confronto: Ferrari F2004 vs Mercedes W11

F1 tecnica a confronto: Ferrari F2004 vs Mercedes W11
Carica commenti
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021