Verstappen sopra le righe: resta un campione incompiuto

Da Spa a Città del Messico Albon ha conquistato 58 punti, mentre Max ne ha messi insieme solo 39: cosa sta succedendo all'olandese? La Red Bull in altura era parsa una monoposto vincente ma le sue intemperanze in pista hanno privato il team di Milton Keynes di un risultato importante.

Verstappen sopra le righe: resta un campione incompiuto

Non è un buon momento per Max Verstappen. Nel girone d’andata del Mondiale il suo rendimento è stato da vero top-driver. In dodici gare ha ottenuto due vittorie, un secondo posto, due terzi, cinque quarti e due quinti, con tre giri più veloci ed una pole position. “Max è da Mondiale”, è stato il giudizio unanime nel paddock, ed i numeri avvaloravano quella che sembrava una consacrazione definitiva per il ventiduenne olandese.

Poi il Max formato ‘Mondiale’ a partire dal Gran Premio del Belgio ha lasciato il posto ad un Verstappen che ha ricordato quello visto fino a Monaco 2018, ovvero grandi performance vanificate da errori più o meno gravi.

Ed anche qui i numeri fotografano bene la situazione, A partire dal weekend di Spa Verstappen ha collezionato 39 punti, salendo sul podio (terzo classificato) solo a Singapore. Nelle stesse gare il rookie Alexander Albon, che proprio a Spa ha guidato per la prima volta la Red Bull, di punti ne ha messi insieme 58.

Cosa sta accadendo al pupillo di Helmut Marko che il prossimo weekend ad Austin disputerà il suo centesimo Gran Premio? La velocità non è in discussione, e non lo è mai stata fin da quando ha mosso i primi passi in kart. Ma in Formula 1 andar forte non basta, perché per convertire la performance in risultati serve parecchio di più.

Sull’errore di sabato si è detto molto, una svista costata tre posizioni sulla griglia di partenza (e la perdita della pole position) ma non la possibilità di vincere il Gran Premio del Messico.

Al via (come da pronostico) Verstappen è partito molto agguerrito, arrivando ai ferri corti con Hamilton alla prima staccata, ma Lewis ha risposto mantenendo la linea interna in uscita dalla curva 1. Max non ha mollato, toccandosi con Hamilton e finendo sull’erba, con conseguente perdita di tempo che lo ha relegato in ottava posizione. Il ritmo era comunque notevole, e, nonostante la disavventura, Verstappen era ancora in corsa per podio.

Poi tre giri dopo è arrivato il contatto con Bottas alla curva 13, che gli è costato la foratura della gomma posteriore sinistra e la possibilità di correre il Gran Premio che lui e la Red Bull avevano programmato.

Un successo a portata di mano gettato al vento per impazienza, viste le ottime performance confermate dalla monoposto e dalla power unit Honda formato Suzuka (spec 4 e nuova benzina) capace di piazzare le quattro monoposto equipaggiate nella top-10 in qualifica. Max aveva tutto per vincere, ma ha lasciato il Messico con un sesto posto.

Non sono solo i numeri a riportare alla mente il vecchio Verstappen, ma anche le dichiarazioni dei colleghi che dopo la corsa non hanno risparmiato delle frecciatine molto chiare nei suoi confronti.

Nella conferenza stampa post-gara è stato chiesto ai tre piloti presenti un parere sulla condotta di Max, in particolare se in pista si comportano in modo diverso quando hanno a che fare con lui e se lo ritengono il pilota più aggressivo.
“Oggi ha provato un sorpasso impossibile alla curva 13 – ha iniziato Bottas – non c’era spazio, non potevo sparire, ma si è tuffato. Ci siamo toccati e si è beccato una foratura, non potevo fare nulla per evitare quanto è accaduto”.

“Ogni pilota è leggermente diverso – ha tuonato Hamilton - alcuni sono intelligenti, altri sono molto intelligenti ed altri invece sono sciocchi. Nel tempo impari a conoscere gli avversari, e sai a chi devi lasciare più spazio per non correre rischi. Con Max sai che è molto probabile che si arrivi ad un contatto se non gli dai spazio extra, quindi la maggior parte delle volte lo fai. Ma oggi spazio extra non ne avevo”. Vettel, riferendosi alla domanda è stato telegrafico: “sì, e… sì”. 

Come da copione Christian Horner ha difeso il suo pilota, commentando i due contatti che hanno coinvolto Max come incidenti di gara:
“Oggi abbiamo visto solo una corsa dura, Max e Lewis sono stati duri entrambi, non credo ci sia altro, mentre con Bottas il sorpasso ormai era fatto, è stata solo una circostanza sfortunata”.

Sulla chance mancata Horner è stato meno diplomatico:
“Avevamo la monoposto più veloce e potevamo vincere, senza dubbi. È stato frustrante perdere la pole position, ma eravamo ancora in corsa per vincere la gara fino alla foratura, a quel punto le possibilità si sono azzerate”.

Max Verstappen, Red Bull Racing
Max Verstappen, Red Bull Racing
1/11

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Pole man Max Verstappen, Red Bull Racing, celebrates on the grid after Qualifying
Pole man Max Verstappen, Red Bull Racing, celebrates on the grid after Qualifying
2/11

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Jo Ramírez presents Pole sitter Max Verstappen, Red Bull Racing con il Pirelli Pole Position Award
Jo Ramírez presents Pole sitter Max Verstappen, Red Bull Racing con il Pirelli Pole Position Award
3/11

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

DJ Tiesto incontra Max Verstappen, Red Bull Racing, nella fan zone Heineken
DJ Tiesto incontra Max Verstappen, Red Bull Racing, nella fan zone Heineken
4/11

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, con una foratura
Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, con una foratura
5/11

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, precede Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, Alexander Albon, Red Bull RB15, Carlos Sainz Jr., McLaren MCL34, Lando Norris, McLaren MCL34, e il resto del gruppo, alla partenza
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, precede Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, Alexander Albon, Red Bull RB15, Carlos Sainz Jr., McLaren MCL34, Lando Norris, McLaren MCL34, e il resto del gruppo, alla partenza
6/11

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, precede Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, e Carlos Sainz Jr., McLaren MCL34
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, precede Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, e Carlos Sainz Jr., McLaren MCL34
7/11

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing
Max Verstappen, Red Bull Racing
8/11

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing fa un taco
Max Verstappen, Red Bull Racing fa un taco
9/11

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
10/11

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP19, prende Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, nel giro di apertura
Sergio Perez, Racing Point RP19, prende Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, nel giro di apertura
11/11

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Analisi Ferrari: manca un po' di coraggio e un decimo

Articolo precedente

Analisi Ferrari: manca un po' di coraggio e un decimo

Prossimo Articolo

Vettel ne ha per tutti, dal ragazzo selfie ai trofei "di m..."

Vettel ne ha per tutti, dal ragazzo selfie ai trofei "di m..."
Carica commenti
F1 | Mercedes: la paura che fa perdere i Mondiali Prime

F1 | Mercedes: la paura che fa perdere i Mondiali

La Mercedes è protagonista di questa nuova puntata de Il Primo degli Ultimi. Al team di Brackley viene imputata la mancanza di coraggio e di voglia di osare, figlia di chi è abituato ad anni di dominio incontrastato e ora che vede un mondiale scivolargli tra le dita, non vuole andare oltre ciò che dicono i dati per paura di rischiare troppo

Minardi: "Verstappen ha anche la maturità del fuoriclasse" Prime

Minardi: "Verstappen ha anche la maturità del fuoriclasse"

Il Gran Premio degli Stati Uniti ha regalato tante sorprese e delusioni. In questo nuovo video di Motorsport.com, ecco i voti ai piloti stilati e commentati da Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi.

Podcast F1 | Bobbi: "Max ha gestito il posteriore meglio di Lewis" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Max ha gestito il posteriore meglio di Lewis"

Max Verstappen ha saputo gestire meglio un posteriore instabile per tutti, in occasione del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1. L'olandese allunga in classifica su Hamilton, che lascia Austin con una vera e propria mazzata a livello morale

Formula 1
25 ott 2021
Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia" Prime

Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia"

Nuovo video di analisi tecnica di Motorsport.com. Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano quanto accaduto nel sabato di Austin, con una Red Bull che conquista una pole position e una grande occasione. C'è il rischio di ripetere un finale mondiale come Hill/Schumacher nel '94?

Formula 1
24 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Formula 1
23 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021