Verstappen perde una grande occasione, ma sbaglia anche Red Bull

Max si è visto cancellare il tempo che in Q3 gli avrebbe permesso di conquistare la pole, perché è finito largo in curva 4 per cui la prestazione gli è stata cancellata. L'olandese era convinto di potersi ripetere, ma il team di Milton Keynes ha sbagliato i tempi nel mandarlo in pista: non gli hanno permesso di effettuare due giri di lancio per scaldare le gomme e poi lo hanno mandato nel traffico.

Verstappen perde una grande occasione, ma sbaglia anche Red Bull

Il terzo posto per Max Verstappen e la Red Bull è amarissimo. In altri periodi partire alle spalle delle due Mercedes era il traguardo massimo, e a fine qualifica tutti si davano il ‘cinque’ consci di aver fatto tutto il possibile.

Oggi la situazione è bene diversa, la RB16B sul giro secco ha ancora un piccolo margine sulla Mercedes ma per la seconda volta in due gare non è Verstappen a partire dalla pole position. Ma se a Imola era stato Max a commettere un errore nel momento clou, a Portimao hanno pasticciato sia il pilota che la squadra.

Il giro della pole in realtà Verstappen lo ha completato, ottenendo il tempo di 1’18”209, ma ha commesso un errore alla curva 4 che lo ha portato all’esterno del cordolo. In realtà Max non ha guadagnato nulla, ma i sensori non sono dotati di buon senso, quindi ‘tagliano’ il giro a prescindere.

Le regole sono ben chiare per tutti e lo sammo anche in Red Bull. Quando dal muretto box hanno comunicato a Verstappen che il suo crono era stato cancellato, l’olandese non ha fatto drammi: “Lo rifacciamo”.

A quel punto per Max è rimasto un solo colpo, che sarebbe stato sufficiente ad ottenere la pole position, ma in questo frangente a sbagliare è stata la strategia della squadra.

La Red Bull è la monoposto che in questa prima fase del Mondiale ha confermato di riuscire a scaldare le gomme in tempi molto più rapidi della concorrenza, una ‘dote’ che è stata strategica in diverse situazioni sia in Bahrain che (soprattutto) ad Imola, ma paradossalmente a Portimao ha innescato una situazione risultata cruciale sul bilancio delle qualifiche.

L’ultimo ‘run’ della Q3 vede normalmente le monoposto uscire dai box a circa due minuti dalla bandiera a scacchi, mentre oggi tutti sono usciti dai box a 3 minuti e mezzo dal termine della sessione, un segnale chiaro che tutti avevano programmato due giri di riscaldamento degli pneumatici prima di lanciarsi.

La Red Bull, che necessita di un solo giro di warm-up, aveva due possibilità: ritardare l’ingresso in pista di Max, o chiedergli di completare anch’egli due giri di riscaldamento. Invece gli ingegneri hanno deciso di fare come al solito lanciandosi dopo una sola tornata, ed è stato un suicidio, perché mentre l’olandese era impegnato a spingere per l’assalto alla pole position ha dovuto superare altre tre monoposto che procedevano lentamente per scaldare le gomme.

Verstappen è riuscito a sfilare Norris senza pagare molto, mentre quando è arrivato dietro a Vettel (alla curva 14) ha perso tempo pagando poi il calo di velocità in uscita di curva fino al traguardo.

Quando Verstappen ha tagliato il traguardo mancava poco più di un minuto al termine della sessione, un tempo non sufficiente per un giro di cool-down e ricarica dell’ibrido.

Lo stesso Max alla vigilia del weekend portoghese lo aveva sottolineato: “per vincere bisogna fare tutto bene, altrimenti con i valori in campo che ci sono oggi è impossibile”. È stato, suo malgrado, profeta, ma oggi (a differenza di Imola) la colpa non è solo sua.

condivisioni
commenti
Binotto: "Per la Ferrari il bicchiere è mezzo pieno"
Articolo precedente

Binotto: "Per la Ferrari il bicchiere è mezzo pieno"

Prossimo Articolo

Hamilton: “Mi aspettavo che Max tirasse fuori il coniglio dal cilindro”

Hamilton: “Mi aspettavo che Max tirasse fuori il coniglio dal cilindro”
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura” Prime

Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura”

Insieme a Franco Nugnes ed al dottor Riccardo Ceccarelli andiamo ad analizzare quanto successo in occasione dell'ultimo GP di Formula 1 a Jeddah, dove i piloti si sono dimostrati più forti della paura

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Formula 1
7 dic 2021
Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021