Formula 1
12 mar
-
15 mar
Evento concluso
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
111 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
139 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
146 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
160 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
FP1 in
196 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
203 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
217 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
230 giorni

Verstappen: ai 40 milioni contribuisce anche la Honda

condivisioni
commenti
Verstappen: ai 40 milioni contribuisce anche la Honda
Di:
8 gen 2020, 11:27

La Red Bull Racing ha allungato il contratto di Max fino al 2023: il pilota olandese sarà il più pagato dopo Lewis Hamilton, visto che, grazie alla Casa giapponese, potrà contare su uno stipendio degno di un quattro volte campione del mondo come Vettel, pur non avendo ancora vinto un titolo iridato!

“Sul fronte economico Max è passato da zero a quattro Mondiali, di colpo”. La battuta è di un addetto ai lavori, e fa riferimento all’estensione dell’accordo tra la Red Bull e Max Verstappen fino al termine della stagione 2023.

I piloti competono su tutti i fronti, anche un giorno in più o meno di ‘PR’ è oggetto di discussioni, e lo stipendio è una voce a cui tutti attribuiscono una grande importanza non solo per i vantaggi economici, ma anche per una sorta di prestigio nel paddock.

I “quattro Mondiali” citati dallo storico addetto ai lavori sono il riferimento allo stipendio di Sebastian Vettel, che secondo stime (confermate anche da prestigiosi siti economici) si aggira intorno ai 40 milioni di dollari.

Una cifra molto distante da quella cha avrebbe percepito Verstappen nel 2019 (12 milioni di dollari), ma grazie al nuovo contratto, il gap si ridurrà progressivamente fino ad annullarsi, diventando così l'olandese il pilota più pagato della Formula 1 dopo Lewis Hamilton.

L’escalation di Max è stata possibile principalmente per due motivi: lo status che ha acquisito nel team Red Bull, e la disponibilità della Honda ad accollarsi una percentuale importante dello stipendio dell’olandese.

La leadership di Verstappen è stata una condizione accelerata dalla partenza di Daniel Ricciardo, un addio improvviso che ha lasciato la squadra di Milton Keynes in una posizione non semplice in termini di figure d’esperienza. La squadra ha puntato tutto su Max e lui ha risposto alla grande disputando un’ottima stagione 2019.

Sul fronte Honda la disponibilità a coprire una parte del salario del top-driver si era già vista nell’avventura in McLaren, dove la Casa giapponese si era fatta carico di una cospicua percentuale dello stipendio di Fernando Alonso.

Come per la Red Bull, anche per la Honda il rischio di perdere Max era semplicemente un’ipotesi terrificante e il timing ha giocato molto bene a favore di Verstappen ed il suo management.

Recentemente Masahi Yamamoto, managing director del programma Honda F1, era stato molto chiaro quando si è trattato di giudicare il rendimento di Verstappen:
“Guardando Max, mi sembra di vedere un giovane Senna. È veloce, è giovane, ed ha un talento impressionante. In più rispetta Honda, come abbiamo visto in Austria quando mostrava con orgoglio il nostro badge sul podio. Questo ci dà una spinta incredibile per spronarci a fare un motore sempre migliore per lui e per il team”.

La Honda punta molto su Verstappen, sia in pista che sul fronte commerciale, contesto in cui Max sembra destinato a diventare un testimonial di alto profilo.

Scorrimento
Lista

Toyoharu Tanabe, Direttore Tecnico F1, Honda, e Christian Horner, Team Principal, Red Bull Racing, durante la conferenza stampa dei team principal

Toyoharu Tanabe, Direttore Tecnico F1, Honda, e Christian Horner, Team Principal, Red Bull Racing, durante la conferenza stampa dei team principal
1/15

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
2/15

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing, secondo classificato, festeggia con il compagno di squadra

Max Verstappen, Red Bull Racing, secondo classificato, festeggia con il compagno di squadra
3/15

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull RB15

Max Verstappen, Red Bull RB15
4/15

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing
5/15

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull RB15

Max Verstappen, Red Bull RB15
6/15

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing
7/15

Foto di: Erik Junius

Il poleman Max Verstappen, Red Bull Racing, e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, durante la conferenza stampa

Il poleman Max Verstappen, Red Bull Racing, e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, durante la conferenza stampa
8/15

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Il vincitore della gara Max Verstappen, Red Bull Racing, festeggia nel parco chiuso

Il vincitore della gara Max Verstappen, Red Bull Racing, festeggia nel parco chiuso
9/15

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, pit stop

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, pit stop
10/15

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing
11/15

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing
12/15

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing
13/15

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Il volante della Red Bull Racing RB15 di Max Verstappen

Il volante della Red Bull Racing RB15 di Max Verstappen
14/15

Foto di: Giorgio Piola

Helmut Marko, Consulente, Red Bull Racing, parla con Max Verstappen, Red Bull Racing

Helmut Marko, Consulente, Red Bull Racing, parla con Max Verstappen, Red Bull Racing
15/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Prossimo Articolo
Analisi F1: Verstappen chiude il mercato dei top driver

Articolo precedente

Analisi F1: Verstappen chiude il mercato dei top driver

Prossimo Articolo

Ferrari 2020: dal bracket nascosto a quello più visibile

Ferrari 2020: dal bracket nascosto a quello più visibile
Carica commenti