F1, Ungheria, Libere 3: tre Mercedes, poi c'è la Ferrari

Bottas è il più veloce nella terza sessione di prove libere del GP d'Ungheria davanti a Hamilton di appena 42 millesimi di secondo. Terzo è Perez con la Racing Point, ma è interessante il risveglio della Ferrari quarta con Leclerc.

F1, Ungheria, Libere 3: tre Mercedes, poi c'è la Ferrari

La Mercedes prosegue il suo dominio tirandosi in scia la Racing Point. Poi, staccata, spunta la Ferrari. La terza sessione di prove libere del GP d'Ungheria delinea lo scenario che potremmo vedere nel pomeriggio per le qualifiche. A Budapest le condizioni meteo sono pessime, ma non piove per cui i team hanno potuto simulare il giro secco con le gomme Soft.

Il più veloce è stato Valtteri Bottas con la Mercedes capace di arrivare a 1'15"437, vale a dire sette decimi più rapido rispetto al tempo della FP3 del 2019. Il finlandese ha avuto la meglio su Lewis Hamilton di appena 42 millesimi di secondo, mentre al terzo posto si è consolidato Sergio Perez con la Racing Point capace di 1'15"598 ad appena 161 millesimi dalle frecce nere!

La notizia è che la Ferrari non delude perché si colloca al quarto posto con Charles Leclerc. Il monegasco è l'ultimo ad aver rotto il muro di 1'16" con 1'15"781 a tre decimi dalla vetta. La squadra del Cavallino, su una pista più favorevole alla SF1000, sembra aver messo ordine ai dati raccolti e, finalmente, sfrutta il potenziale della Rossa.

Non sarà casuale il fatto che ci sia anche l'aerodinamico David Sanchez a controllare che lo staff di pista non cambi troppo la macchina rispetto alle indicazioni che arrivano da casa. Vettel, più rapido ieri sul bagnato, è ottavo, ma sembra indiscutibile il salto di qualità della Rossa che sembra tornare alle posizioni che avevamo visto nei test invernali.

Lance Stroll con la seconda RP20 è quinto in 1'16"033 nonostante un dritto con testacoda alla curva 1. Il canadese è stato davanti a Max Verstappeb solo sesto: l'olandese patisce problemi di assetto della RB16. Non è bastato per il team di Milton Keynes rompere il "coprifuoco" per lavorare anche di notte su una macchina che non dà i risultati che i tecnici di Newey si aspetterebbero. La vettura dei "bibitari" è insidiata dalla McLaren di Lando Norris capace di portarsi al settimo posto.

La Top ten si chiude con Pierre Gasly che ha trovato la zampata con l'AlphaTauri dopo essersi lamentato di una perdita di potenza del motore Honda. La prima Renault è quella 11esima di Daniel Ricciardo, mentre Esteban Ocon è 13esimo. In mezzo alle due R.S.20 c'è Alexander Albon in crisi con la Red Bull. L'anglo thailandese ha soluzioni tecniche diverse da Verstappen, perché la squadra non ha ancora trovato la base sui cui lavorare, segno che c'è confusione a Milton Keynes.

Ottima la prestazione di George Russell con la Williams: il suo 14esimo posto vale molto, visto che NIcholas Latifi è ultimo: il canadese si è girato alla curva 12 nel giro buono.

Le due Haas sono 15esima e 16esima con Romain Grosjean davanti a Kevin Magnussen, segue Daniil Kvyat con la deludente AlphaTauri e le due Alfa Romeo di Antonio Giovinazzi davanti a Kimi Raikkonen di 31 millesimi. Ma le C39 sono in fondo...

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Finland Valtteri Bottas Mercedes 18 1'15.437     209.069
2 United Kingdom Lewis Hamilton Mercedes 20 1'15.479 0.042 0.042 208.953
3 Mexico Sergio Perez Racing Point 16 1'15.598 0.161 0.119 208.624
4 Monaco Charles Leclerc Ferrari 19 1'15.781 0.344 0.183 208.120
5 Canada Lance Stroll Racing Point 15 1'16.033 0.596 0.252 207.430
6 Netherlands Max Verstappen Red Bull 18 1'16.084 0.647 0.051 207.291
7 United Kingdom Lando Norris McLaren 18 1'16.193 0.756 0.109 206.995
8 Germany Sebastian Vettel Ferrari 18 1'16.351 0.914 0.158 206.567
9 France Pierre Gasly AlphaTauri 20 1'16.453 1.016 0.102 206.291
10 Australia Daniel Ricciardo Renault 14 1'16.508 1.071 0.055 206.143
11 Spain Carlos Sainz Jr. McLaren 21 1'16.545 1.108 0.037 206.043
12 Thailand Alexander Albon Red Bull 19 1'16.582 1.145 0.037 205.943
13 France Esteban Ocon Renault 20 1'16.706 1.269 0.124 205.611
14 United Kingdom George Russell Williams 23 1'16.847 1.410 0.141 205.233
15 France Romain Grosjean Haas 15 1'16.866 1.429 0.019 205.183
16 Denmark Kevin Magnussen Haas 14 1'17.086 1.649 0.220 204.597
17 Russian Federation Daniil Kvyat AlphaTauri 15 1'17.292 1.855 0.206 204.052
18 Italy Antonio Giovinazzi Alfa Romeo 20 1'17.496 2.059 0.204 203.515
19 Finland Kimi Raikkonen Alfa Romeo 25 1'17.527 2.090 0.031 203.433
20 Canada Nicholas Latifi Williams 17 1'17.650 2.213 0.123 203.111
condivisioni
commenti
F1: la FIA pensa a nuovi test per valutare la flessione delle ali

Articolo precedente

F1: la FIA pensa a nuovi test per valutare la flessione delle ali

Prossimo Articolo

LIVE Formula 1, GP di Ungheria: le Qualifiche

LIVE Formula 1, GP di Ungheria: le Qualifiche
Carica commenti
Ali Flessibili: la soluzione più "chiacchierata" della F1 odierna Prime

Ali Flessibili: la soluzione più "chiacchierata" della F1 odierna

Si sta facendo un gran parlare attorno alle ali flessibili in Formula 1. A partire dal GP di Francia, la situazione dovrebbe normalizzarsi, ma ecco cos'ha causato l'oggetto del contendere tra Mercedes e Red Bull

Ferrari: scopriamo quali sono i due volti della SF21 Prime

Ferrari: scopriamo quali sono i due volti della SF21

La Scuderia è terza nel mondiale Costruttori con 92 punti davanti alla McLaren: la SF21 ha un potenziale nettamente superiore a quello della SF1000, ma la Rossa finora ha raccolto meno del potenziale mostrato in pista. Andiamo a capire perché c'è una differenza fra il giro secco e il passo gara, per capire come mai a due pole position conquistate in prova non abbia corrisposto almeno una vittoria.

Formula 1
11 giu 2021
Chinchero racconta Ricciardo (p. 1) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p. 1) - It's a long way to the top

15esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 1).

Formula 1
10 giu 2021
Perez: l'alfiere di re Max nella partita a scacchi per il titolo Prime

Perez: l'alfiere di re Max nella partita a scacchi per il titolo

Con la vittoria a Baku il messicano ha portato punti preziosi nel Costruttori ed ha dimostrato come in questa stagione, nella lotta tra Verstappen e Hamilton, le seconde guide dei due team di punta avranno un ruolo determinante.

Formula 1
10 giu 2021
GP Baku: Perez trionfa nel week end nero Mercedes Prime

GP Baku: Perez trionfa nel week end nero Mercedes

Sergio Perz ha vinto in maniera rocambolesca il Gran Premio d'Azerbaijan, sesta prova del Mondiale 2021 di Formula 1. Il messicano ha avuto la meglio di Vettel e Gasly, con Verstappen out a tre giri dal termine dopo aver ampiamente dominato la corsa

Formula 1
10 giu 2021
Bottas: il vero punto debole della Mercedes Prime

Bottas: il vero punto debole della Mercedes

Valtteri Bottas è il protagonista indiscusso di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il finlandese in Azerbaijan ha vissuto uno dei suoi fine settimana peggiori da quando è in Mercedes. Proviamo a capire ed analizzare quali fattori possono aver portato a ciò.

Formula 1
8 giu 2021
GP d'Azerbaijan: caos, rimonte e sorprese a Baku Prime

GP d'Azerbaijan: caos, rimonte e sorprese a Baku

Il GP d'Azerbaijan di Formula 1 non è stato per nulla avaro di sorprese. A Baku abbiamo assistito ad una gara animata da ricchi colpi di scena, con cambi al vertice e situazioni insperate. Ecco com'è andata nella nostra esclusiva animazione grafica

Formula 1
7 giu 2021
Minardi: “Hamilton non si è voluto accontentare” Prime

Minardi: “Hamilton non si è voluto accontentare”

Andiamo ad analizzare il GP dell'Azerbaijan dando i voti ai piloti di Formula 1 insieme a Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi

Formula 1
7 giu 2021