Tost: "Il 2020 di AlphaTauri superiore al 2008 di Vettel"

Il responsabile della scuderia di Faenza ha paragonato le due stagioni nelle quali il team ha ottenuto un successo dichiarando come il 2020, in termini di risultati, sia stato superiore al 2008 quando Vettel regalò la prima vittoria alla Toro Rosso.

Tost: "Il 2020 di AlphaTauri superiore al 2008 di Vettel"

Dopo il cambio di nome avvenuto lo scorso anno, col il rebranding da Toro Rosso ad AlphaTauri, la scuderia di Faenza è riuscita a conquistare la seconda vittoria della sua storia in maniera inattesa grazie a Pierre Gasly a Monza.

Quel successo è stato l’apice di una serie di ottime prestazioni messe in pista dal francese, mentre il suo compagno di squadra, Daniil Kvyat, ha sfiorato il podio in occasione della gara di Imola.

Nel campionato riservato ai costruttori la AlphaTauri ha chiuso al settimo posto alle spalle della Ferrari con un gap di soli 24 punti dalla Scuderia.

Ovviamente il successo di Gasly a Monza è subito stato paragonato a quello ottenuto dalla Toro Rosso nel 2008, quando un giovanissimo Sebastian Vettel è riuscito a diventare il più giovane vincitore di un gran premio nella storia della F1.

Secondo Franz Tost, però, quanto compiuto lo scorso anno dalla sua squadra è stato di gran lunga superiore a quanto ottenuto dalla Toro Rosso nel 2008.

“Sì, quella del 2008 è stata una vittoria fantastica di Sebastian a Monza, ma non abbiamo ottenuto la stessa quantità di ottimi risultati come invece avvenuto nel 2020”, ha dichiarato Tost a Motorsport.com.

“Non parlo solo del successo di Monza. Ci sono state altre gare dove abbiamo abbiamo fatto molto bene come ad Imola, con il quarto posto, o il quinto di Portimao. Inoltre in Bahrain ed in Germania abbiamo chiuso in quinta posizione, mentre in Austria, Gran Bretagna ed al Mugello abbiamo ottenuto il settimo posto”.

“Non abbiamo avuto soltato una grande gara, ma tanti ottimi risultati che mi permettono di dire come la scorsa stagione sia stata superiore a quella del 2008”.

Tost ha poi lodato il lavoro svolto dai membri del suo team così come la grande crescita compiuta da Gasly lo scorso anno.

“Tutti, dai designer ai responsabili della produzione, hanno lavorato benissimo. Stiamo crescendo sempre di più non solo da un punto di vista del processo produttivo, ma anche come disciplina. Le operazioni in pista hanno sempre funzionato bene e la gente vuole crescere ancora”.

“Pierre è migliorato molto, ha raggiunto un livello molto alto, mentre la nostra vettura ha funzionato bene sin dall’inizio della stagione. Anche gli aggiornamenti che abbiamo portato in pista ci hanno consentito di progredire e tutto ciò ci ha permesso di avere una ottima stagione”.

Nel 2020 Gasly ha disputato l’intera stagione per il team di Faenza riuscendo a chiudere in decima posizione in classifica piloti.

Il francese si è detto soddisfatto della costanza mostrata lo scorso anno che gli ha consentito di andare a punti in tutte le gare tranne tre.

“E’ corretto affermare che sono migliorato come pilota, e questo era un obiettivo che mi ero prefissato”.

“Ovviamente in pista difficilmente riesci ad avere la gara ideale con la strategia ideale, ma il tuo target è quello di riuscire a gestire al meglio tutti questi fattori così da essere costante nel corso dell’intero anno”.

“Sono davvero soddisfatto perché siamo riusciti spesso a chiudere in top 10 oltre ad accedere più volte in Q3”.

“Con il team ci capiamo al volo. Siamo riusciti a massimizzare le prestazioni della vettura e questo era un obiettivo che ci eravamo posti sin dall’inizio della stagione”.

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
1/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
2/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
3/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
4/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
5/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
6/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
7/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Meccanici con l'auto di Pierre Gasly, AlphaTauri AT01, sulla griglia
Meccanici con l'auto di Pierre Gasly, AlphaTauri AT01, sulla griglia
8/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
9/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
10/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
11/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
12/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01, Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01
Pierre Gasly, AlphaTauri AT01, Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01
13/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
14/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
15/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01, lascia il pit box
Pierre Gasly, AlphaTauri AT01, lascia il pit box
16/22

Foto di: LAT Images

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
17/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
18/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
19/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
20/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01, Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01, Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
21/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
22/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Come saranno le Formula 1 del 2021?

Articolo precedente

Come saranno le Formula 1 del 2021?

Prossimo Articolo

Sainz: "Fastidiose le critiche per aver scelto la Ferrari"

Sainz: "Fastidiose le critiche per aver scelto la Ferrari"
Carica commenti
Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus Prime

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus

Nel 1991, mentre Michael Schumacher debuttava in F1 al volante di una Jordan competitiva, Hakkinen faceva il suo esordio alla guida di una Lotus ormai in declino. Mark Gallagher ricorda come il finlandese riuscì ugualmente ad impressionare il paddock.

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021