Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia

F1 | Tombazis: "Nessuno barava col fondo ma c'era spazio per dei trucchi"

La FIA è sicura che nessun team di Formula 1 abbia deliberatamente imbrogliato con i fondi flessibili nel 2022, ma ammette che la porta era aperta per qualche "trucco".

Ferrari F1-75, vista dal basso

Giorgio Piola

La fase centrale della stagione 2022 è stata dominata dalla polemica sul porpoising e dall'impatto di una direttiva tecnica introdotta della FIA per cercare di risolvere il problema.

Oltre ad imporre una metrica di oscillazione aerodinamica per limitare i saltellamenti, la FIA ha anche rafforzato i controlli sui fondi flessibili, in seguito al sospetto che i team abbiano utilizzato alcuni trucchi per tenere le monoposto più vicine al suolo.

Si è arrivati persino a sospettare che i team avessero montato dei pattini a scomparsa, costruiti in modo da risalire all'interno della vettura al momento dell'impatto con il terreno per non usurarsi. Questo comportamento garantiva il superamento dei controlli di misurazione post-gara.

Riflettendo sulla stagione e sul problema del porpoising, il direttore tecnico del settore monoposto della FIA, Nikolas Tombazis, si è detto fiducioso che i team non si siano mai spinti fino al punto di cercare deliberatamente di aggirare i regolamenti.

Tuttavia, ha affermato che le mosse per rendere più severe le regole sul fondo e per modificare le misure dei pattini erano più che altro finalizzate a chiudere potenziali scappatoie che potevano essere sfruttate.

"È chiaro che le squadre tendono sempre a lavorare al limite del regolamento, e all'epoca non pensavamo che qualcuno stesse imbrogliando", ha detto, quando Motorsport.com gli ha chiesto fino a che punto riteneva che le squadre si fossero spinte in mezzo ai sospetti sui pattini.

"Ma il modo in cui erano scritti i regolamenti consentiva un po' di trucchi, diciamo, non voluti. Per questo motivo abbiamo chiarito il regolamento con una direttiva tecnica e abbiamo apportato alcune modifiche al regolamento".

"Ci sono due aree del regolamento in cui possiamo agire unilateralmente senza l'approvazione della F1 Commission. Una riguarda la rigidità, l'articolo 3.15, e l'altra la sicurezza. Questo ci ha dato la capacità necessaria per agire su questo fronte".

Plank

Plank

Photo by: Giorgio Piola

La questione del porpoising è diventata incredibilmente politica, poiché i team che non soffrivano del fenomeno sostenevano che non era necessario che la FIA intervenisse e modificasse tutte le vetture.

C'è stata anche la minaccia di una rivolta su larga scala dopo che la FIA ha minacciato di alzare i bordi del fondo di 25 mm per il prossimo anno. Alla fine è stato raggiunto un accordo di compromesso che prevede un innalzamento di soli 15 mm.

Tombazis ha ammesso che non è sempre facile avere a che fare con squadre che hanno interessi personali.

"Di solito è una situazione difficile, perché in Formula 1 si presume che quasi tutto vada a vantaggio di qualcuno più che di qualcun altro, perché alla fine qualcuno deve vincere e qualcuno non vincerà", ha detto.

"Quindi, ad eccezione di alcune cose come la sicurezza, su cui in generale la maggior parte delle persone tende ad essere d'accordo, è molto difficile trovare un accordo su quasi tutto il resto. E lo so bene, perché sono stato dall'altra parte della barricata".

"È così intenso per i team che dimenticano sempre molto velocemente le cose di cui hanno beneficiato occasionalmente e ricordano sempre quelle che li hanno penalizzati".

"Cerchiamo di essere il più possibile imparziali e non cerchiamo assolutamente di avvantaggiare uno più dell'altro o cose del genere. Ma inevitabilmente, la psicologia di una competizione è tale da farti pensare sempre che qualcuno voglia prenderti".

Tombazis ha aggiunto di essere per lo più soddisfatto di come la FIA ha implementato i regolamenti per il 2022, anche se ha suggerito che avrebbe voluto che l'organo di governo avesse dato un giro di vite maggiore sui disegni dei bordi del fondo.

"Probabilmente sarei stato un po' più severo con i bordi del fondo", ha detto. "Per il resto, non mi è sembrato male".

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | Mercedes 2023: accesa la power unit della W14
Prossimo Articolo F1 | La McLaren non teme di poter perdere Lando Norris

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia