Formula 1
09 mag
Prossimo evento tra
60 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
99 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
109 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
116 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
130 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
144 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
172 giorni
02 set
Prossimo evento tra
179 giorni
09 set
Prossimo evento tra
186 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
200 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
207 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
214 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
228 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
235 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
271 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
280 giorni

Test invernali 2021: solo tre giorni sono pochi per i piloti

Ciascun conduttore avrà a disposizione solo un giorno e mezzo per saggiare le monoposto 2021: se mai ci fosse un problema meccanico ci potrebbe essere un pilota che arriverebbe a iniziare il mondiale senza una preparazione adeguata. Carlos Sainz lancia l'allarme che Sebastian Vettel, invece, non percepisce. Ma i debuttanti come Mick Schumacher, Nikita Mazepin e Yuki Tsunoda non avranno vita facile.

Test invernali 2021: solo tre giorni sono pochi per i piloti

La sede dei test pre-campionato 2021 non è ancora stata ufficialmente annunciata, ma tutto fa pensare che il tradizionale appuntamento sul circuito di Barcellona sarà sostituito dal Bahrain, per evitare che il maltempo possa condizionare il lavoro delle squadre.

Ciò che invece è già stato concordato è la durata dei test, che sarà di tre giorni, ovvero la metà delle prove disputate alla vigilia della stagione in corso.

Tutto è pensato a favore di logistica e pianificazione delle squadre, ma c’è una variabile che la Formula 1 nel suo insieme sembra essersi dimenticata: i piloti.

Se sul fronte tecnico i test 2021 non saranno impegnativi come negli anni precedenti (la base delle prossime monoposto sarà quella di questa stagione) per i piloti vedersi le prove ridotte del 50% non è proprio una buona notizia, visto che alternandosi al volante di una sola monoposto avranno di fatto un giorno e mezzo per prepararsi all’esordio di Melbourne.

Tra chi ha lanciato l’allarme c’è Carlos Sainz, che, come diversi altri suo collegh,i affronterà la stagione 2021 con un nuovo team, un aspetto da non sottovalutare.
“Posso già dirvi che un giorno e mezzo su queste monoposto non è sufficiente a preparare una stagione di F1 – ha confermato lo spagnolo - Non si arriva a conoscere la vettura, non si familiarizza neanche con il volante, anche se lo provi al simulatore".

"Poi bisogna conoscere la squadra, familiarizzare con il metodo di lavoro degli ingegneri, ed un giorno e mezzo è molto, molto poco, e probabilmente non basterà per fare le cose come andrebbero fatte. Ma è quello che è, dovremo adattarci e dovremo trovare un modo per essere il più preparati possibile entro i limiti del regolamento”.

Sainz ha anche sottolineato l’handicap legato alla cancellazione del giorno di test post-season ad Abu Dhabi dedicato ai piloti titolari, soppresso ad inizio estate.
“Se avessi avuto la possibilità di provare prima della pausa invernale – ha spiegato lo spagnolo riferendosi alla possibilità svanita di guidare la Ferrari a Yas Marina – avrei almeno potuto provare il sedile, sistemare il volante, farmi un’idea della monoposto, del setup e avrei anche avuto modo di iniziare a lavorare con il gruppo di lavoro che avrò nel 2021. Su quella base anche il successivo lavoro al simulatore avrebbe avuto un impatto differente".

"Quando sono passato in McLaren quel test è stato fondamentale, ed è un peccato non poterlo sfruttare anche quest'anno in vista della stagione con la Ferrari”.

Il problema dei test ridotti all’osso non è comunque avvertito da tutti i piloti con lo stesso allarme. Per Sebastian Vettel non ci sono particolari criticità, un aspetto comprensibile vista l’esperienza del tedesco:
“Non sono preoccupato, se è così dobbiamo adattarci. Nel corso degli ultimi anni ci siamo adeguati al sempre minor tempo a disposizione, ed anche se un giorno e mezzo non sembra molto, si può comunque fare un certo lavoro di preparazione. Credo che il punto cruciale sia il lavoro di preparazione al test che poi è quello che si fa in vista della prima gara, e aggiungo che se è uguale per tutti, dobbiamo adattarci”.

In questo quadro manca ancora il parere dei piloti che il prossimo anno esordiranno in Formula 1, ma in mancanza degli annunci ufficiali, per conoscere il punto di vista i Mick Schumacher, Nikita Mazepin e Yuki Tsunoda bisognerà ancora attendere qualche giorno. Per loro ci sarà comunque la possibilità di assaggiare le monoposto nella giornata di prove dedicata ai ‘rookie’, programmata a Yas Marina dopo il Gran Premio di Abu Dhabi.

condivisioni
commenti
Russell frustrato: non può competere con gli altri emergenti

Articolo precedente

Russell frustrato: non può competere con gli altri emergenti

Prossimo Articolo

Red Bull: la nuova ala anteriore sarà l'arma giusta?

Red Bull: la nuova ala anteriore sarà l'arma giusta?
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP del Bahrain
Location Bahrain International Circuit
Autore Roberto Chinchero
Perché l'arrivo di Aston Martin in F1 è molto più di una livrea Prime

Perché l'arrivo di Aston Martin in F1 è molto più di una livrea

La presentazione più attesa della Formula 1 era sicuramente quella della Aston Martin e i cambiamenti dicono che c'è molto di più di una fantastica livrea, perché l'idea è quella di creare solide fondamenta, più che ripartire da un team già avviato.

Perché la Haas sta sacrificando la sua stagione 2021 Prime

Perché la Haas sta sacrificando la sua stagione 2021

La Haas affronterà il 2021 senza portare alcun aggiornamento aerodinamico sulla sua monoposto. Il team ha deciso di puntare tutto sul 2022, preservando le risorse economiche. Sarà la scelta giusta?

Aston Martin AMR21: è l’arma di Vettel per tornare grande? Prime

Aston Martin AMR21: è l’arma di Vettel per tornare grande?

L'Aston Martin AMR21 è la monoposto che segna il rientro del costruttore inglese in Formula 1. I punti di contatto con Mercedes W11 e W12 sono evidenti, a prima vista, ma andando nello specifico vediamo come certe soluzioni abbiano preso direzione propria. Sarà la monoposto che permetterà a Sebastian Vettel di potersi rilanciare dopo ultime stagioni opache in Ferrari?

Formula 1
4 mar 2021
Alpine A521: può essere l’arma vincente di Alonso? Prime

Alpine A521: può essere l’arma vincente di Alonso?

L'Alpine A521 succede alla Renault R.S.20, andando a riprenderne molti dei punti di forza senza tuttavia evolverli. Andiamo a conoscere più da vicino il team di Enstone che riporta in F1 Fernando Alonso e che, in questa stagione, sarà diretto da Davide Brivio

Formula 1
4 mar 2021
F1 Stories: Lella Lombardi, l'unica Prime

F1 Stories: Lella Lombardi, l'unica

Il 3 marzo del 1992 ci lasciava Lella Lombardi, l'unica donna a conquistare punti nella storia della Formula1. Riviviamo la sua storia, la sua impresa, e il suo più grande amore: le corse.

Formula 1
3 mar 2021
Mercedes W12: estremizzare per continuare a dominare Prime

Mercedes W12: estremizzare per continuare a dominare

La Mercedes W12 è una monoposto che va ad estremizzare alcuni concetti visti sulla W11 ma anche sulla concorrenza. Gli attenti uomini guidati da James Allison sono andati alla ricerca del carico perduto - per motivi regolamentari - al retrotreno, massimizzando l'effetto Coanda. Ma non solo...

Formula 1
3 mar 2021
I 10 punti interrogativi sulla stagione 2021 di Formula 1 Prime

I 10 punti interrogativi sulla stagione 2021 di Formula 1

23 gare sono troppe? La Red Bull riuscirà a lottare con la Mercedes? Sainz sarà al livello di Leclerc in Ferrari? Karun Chandhok ha analizzato i 10 punti interrogativi della stagione 2021 di Formula 1.

Formula 1
2 mar 2021
Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo Prime

Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo

La Casa del Biscione è solo all'apparenza impegnata in F1, ma di ingegneristico non c'è praticamente nulla, mentre nel turismo sono tante le realtà che in questi anni hanno provato a rilanciare il marchio, ma solo coi propri investimenti.

Formula 1
1 mar 2021