Formula 1
25 set
FP1 in
06 Ore
:
21 Minuti
:
37 Secondi
G
GP dell'Eifel
09 ott
Prossimo evento tra
13 giorni
G
GP del Portogallo
23 ott
Prossimo evento tra
27 giorni
G
GP di Turchia
13 nov
Prossimo evento tra
48 giorni
04 dic
Prossimo evento tra
69 giorni
G
GP di Abu Dhabi
11 dic
F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Red Bull: Newey non si arrende allo strapotere Mercedes

condivisioni
commenti
Red Bull: Newey non si arrende allo strapotere Mercedes
Di:
Co-autore: Giorgio Piola

La squadra di Milton Keynes continua ad affinare la RB16 nel tentativo di colmare con l'aerodinamica la carenza di una trentina di cavalli nel motore Honda rispetto a quello Mercedes. A Silverstone 2 ha portato un'ala posteriore a cucchiaio ancora più scarica e ripropone lo sfogo d'aria calda per raffreddare la power unit giapponese nell'inedita posizione nascosta fra il telaio e l'attacco dell'Halo.

La Red Bull Racing non accetta l’idea che questo 2020 sia un altro anno da buttare e sta producendo un grande sforzo nel tentativo di andare a riprendere le frecce nere che fanno il bello e cattivo tempo in Formula 1.

Sulla RB16 è incessante l’introduzione di novità tecniche finalizzate a raggiungere le prestazioni delle Mercedes: i tecnici diretti da Pierre Wache hanno portato per la seconda gara di Silverstone un’ala posteriore ancora più scarica di quella vista la scorsa settimana: è caratterizzata da un profilo principale a cucchiaio che è molto poco arcuato e le porzioni prossime alle paratie laterali sono praticamente allineate con la parte inferire del flap mobile.

L'ala posteriore scarica della Red Bull RB16

L'ala posteriore scarica della Red Bull RB16

Photo by: Giorgio Piola

Quest’ultimo è anch’esso con la leggera forma ad ala di gabbiano in basso, mentre nel bordo di uscita si nota la presenza di un nolder per assicurare un po’ di carico nel lento. La Red Bull scarica le ali nel tentativo di sopperire ai 28 cavalli di differenza che la power unit Honda dimostra nei confronti di quella Mercedes (dati emersi dalle rilevazioni fonometriche che abbiamo pubblicato su Motorsport.com).

Adrian Newey sta cercando ogni soluzioni per migliorare l’efficienza della monoposto di Max Verstappen. È curioso notare, per esempio, che sulla RB16 si differenziano le soluzioni di raffreddamento del motore Honda.

Red Bull Racing RB16, dettaglio della presa d'aria vista a Budapest per raffreddare il motore Honda

Red Bull Racing RB16, dettaglio della presa d'aria vista a Budapest per raffreddare il motore Honda

Photo by: Giorgio Piola

Su una pista lenta come quella di Budapest si è rivisto il piccolo periscopio che era apparso nei test invernali di Barcellona ai lati dell’attacco dell’Halo, mentre in altri appuntamenti come a Silverstone ha cercato di estrarre l’aria calda in una zona inedita, vale a dire fra la scocca e l’attacco dell’Halo, subito dietro le protezioni della testa (tondo bianco), in una zona della macchina che dovrebbe influenzare di meno l’andamento dei flussi.

Red Bull RB16: ecco lo sfogo d'aria calda celato fra la scocca e l'attacco dell'Halo

Red Bull RB16: ecco lo sfogo d'aria calda celato fra la scocca e l'attacco dell'Halo

Photo by: Giorgio Piola

Kvyat: crash a Maggotts per un cerchio surriscaldato

Articolo precedente

Kvyat: crash a Maggotts per un cerchio surriscaldato

Prossimo Articolo

F1: Perez ancora positivo. Al GP 70° Anniversario c'è Hulkenberg

F1: Perez ancora positivo. Al GP 70° Anniversario c'è Hulkenberg
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP 70° Anniversario
Sotto-evento Giovedì
Location Silverstone
Piloti Max Verstappen
Team Red Bull Racing
Autore Franco Nugnes