F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Red Bull: Newey non si arrende allo strapotere Mercedes

La squadra di Milton Keynes continua ad affinare la RB16 nel tentativo di colmare con l'aerodinamica la carenza di una trentina di cavalli nel motore Honda rispetto a quello Mercedes. A Silverstone 2 ha portato un'ala posteriore a cucchiaio ancora più scarica e ripropone lo sfogo d'aria calda per raffreddare la power unit giapponese nell'inedita posizione nascosta fra il telaio e l'attacco dell'Halo.

Red Bull: Newey non si arrende allo strapotere Mercedes

La Red Bull Racing non accetta l’idea che questo 2020 sia un altro anno da buttare e sta producendo un grande sforzo nel tentativo di andare a riprendere le frecce nere che fanno il bello e cattivo tempo in Formula 1.

Sulla RB16 è incessante l’introduzione di novità tecniche finalizzate a raggiungere le prestazioni delle Mercedes: i tecnici diretti da Pierre Wache hanno portato per la seconda gara di Silverstone un’ala posteriore ancora più scarica di quella vista la scorsa settimana: è caratterizzata da un profilo principale a cucchiaio che è molto poco arcuato e le porzioni prossime alle paratie laterali sono praticamente allineate con la parte inferire del flap mobile.

L'ala posteriore scarica della Red Bull RB16

L'ala posteriore scarica della Red Bull RB16

Photo by: Giorgio Piola

Quest’ultimo è anch’esso con la leggera forma ad ala di gabbiano in basso, mentre nel bordo di uscita si nota la presenza di un nolder per assicurare un po’ di carico nel lento. La Red Bull scarica le ali nel tentativo di sopperire ai 28 cavalli di differenza che la power unit Honda dimostra nei confronti di quella Mercedes (dati emersi dalle rilevazioni fonometriche che abbiamo pubblicato su Motorsport.com).

Adrian Newey sta cercando ogni soluzioni per migliorare l’efficienza della monoposto di Max Verstappen. È curioso notare, per esempio, che sulla RB16 si differenziano le soluzioni di raffreddamento del motore Honda.

Red Bull Racing RB16, dettaglio della presa d'aria vista a Budapest per raffreddare il motore Honda

Red Bull Racing RB16, dettaglio della presa d'aria vista a Budapest per raffreddare il motore Honda

Photo by: Giorgio Piola

Su una pista lenta come quella di Budapest si è rivisto il piccolo periscopio che era apparso nei test invernali di Barcellona ai lati dell’attacco dell’Halo, mentre in altri appuntamenti come a Silverstone ha cercato di estrarre l’aria calda in una zona inedita, vale a dire fra la scocca e l’attacco dell’Halo, subito dietro le protezioni della testa (tondo bianco), in una zona della macchina che dovrebbe influenzare di meno l’andamento dei flussi.

Red Bull RB16: ecco lo sfogo d'aria calda celato fra la scocca e l'attacco dell'Halo

Red Bull RB16: ecco lo sfogo d'aria calda celato fra la scocca e l'attacco dell'Halo

Photo by: Giorgio Piola

condivisioni
commenti
Kvyat: crash a Maggotts per un cerchio surriscaldato

Articolo precedente

Kvyat: crash a Maggotts per un cerchio surriscaldato

Prossimo Articolo

F1: Perez ancora positivo. Al GP 70° Anniversario c'è Hulkenberg

F1: Perez ancora positivo. Al GP 70° Anniversario c'è Hulkenberg
Carica commenti
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021