F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Mercedes: scelto l'assetto aero più scarico di Bottas

Nelle prove libere le due W12 erano scese in pista a Sochi con due configurazioni aerodinamiche diverse: Bottas più scarico e Hamilton con più incidenza delle ali. La squadra campione del mondo per la terza sessione di prove libere (cancellate per maltempo) aveva scelto la soluzione del finlandese per entrambi i piloti.

Mercedes: scelto l'assetto aero più scarico di Bottas

La Mercedes non porta novità tecniche a Sochi, perché la squadra di Brackley ha bloccato lo sviluppo da Silverstone, ma nel team campione del mondo non rinunciano a usare soluzioni aerodinamiche diverse per cercare la configurazione aerodinamica più adatta al tracciato russo.

Ieri Valtteri Bottas, che è stato il più veloce nelle due sessioni di prove libere, aveva scelto un pacchetto più scarico del compagno di squadra. I due piloti hanno gradimenti diversi nello sfruttamento della W12: l’inglese, infatti, generalmente predilige una macchina molto attaccata nel posteriore e, quindi, più carica.

L’immagine di Giorgio Piola ci mostra l’evidente differenza fra le due ali posteriori delle frecce nere: il finlandese ha girato con un flap mobile di corda leggermente maggiore, ma con una vistosa V centrale e il taglio delle porzioni laterali per ridurre la resistenza all’avanzamento. Valtteri, per bilanciare la macchina ha utilizzato anche un’ala anteriore più scarica nell’ultimo flap che è più piatto verso la paratia laterale.

Lewis Hamilton, invece, ha puntato su un alettone dietro che ha un flap perfettamente rettilineo e il flap regolabile dell’ala anteriore con un’incidenza decisamente maggiore.

La Mercedes, per la FP3 che poi è stata cancellata per il maltempo, era convenuta nel deliberare l’assetto aerodinamico scelto da Valtteri Bottas, anche nella condizioni di pista molto bagnata.

Mercedes W12, dettaglio dell'ala posteriore carica, con doppio pilone e T-wing

Mercedes W12, dettaglio dell'ala posteriore carica, con doppio pilone e T-wing

Photo by: Giorgio Piola

Va aggiunto che la squadra di Brackley tendenzialmente utilizza una configurazione aerodinamica più carica rispetto alla Red Bull che cerca di compensare la minore potenza del motore Honda con una minore resistenza all'avanzamento.

Le W12 hanno girato con ali più cariche, con il doppio pilone dell'ala posteriore e con la T-wing, mentre la RB16B è rimasta fedele al mono pilone e continua a rinunciare alla T-wing che non fa parte del pacchetto di Milton Keynes nemmeno su una pista come quella di Sochi che richiede alto carico.

Red Bull Racing RB16B, dettaglio dell'ala posteriore con il mono pilone e senza T-wing

Red Bull Racing RB16B, dettaglio dell'ala posteriore con il mono pilone e senza T-wing

Photo by: Giorgio Piola

 

condivisioni
commenti
Fotogallery F1: l'incidente di Giovinazzi con l'Alfa Romeo in FP2

Articolo precedente

Fotogallery F1: l'incidente di Giovinazzi con l'Alfa Romeo in FP2

Prossimo Articolo

Podcast: 25 settembre 2005, "Bravo Fernando"

Podcast: 25 settembre 2005, "Bravo Fernando"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021