F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Mercedes: vibrazioni nocive dalla sospensione inedita

A Brackley hanno scoperto la causa delle vibrazioni che nel GP d'Austria hanno mandato in crisi i sensori del cambio quando la W11 andava sui cordoli. La sospensione posteriore è attaccata alla struttura deformabile e non al cambio.

Mercedes: vibrazioni nocive dalla sospensione inedita

La Mercedes ha trovato la causa delle fastidiose vibrazioni sulla W11. I tecnici di Brackley dopo un’accurata analisi dei dati svolta in sede hanno individuato qual è stato il motivo che ha innescato delle nocive vibrazioni che nel corso del GP d’Austria della scorsa settimana avevano mandato in crisi i sensori del cambio costringendo i piloti a ridurre il passo ed evitare di salire sui cordoli.

Il capo degli ingegneri di pista, Andrew Shovlin, aveva detto: "Abbiamo un’anomalia da risolvere sulla monoposto. Sembra essere un qualcosa legato alle caratteristiche della vettura: dobbiamo prevedere, quindi, che il guaio si ripresenti, anche se non siamo in grado di dire quando”.

Inizialmente era parso che ci fosse un problema nell’accoppiamento di telaio e motore o fra il propulsore e il cambio, ma le indagini torsionali svolte nella factory hanno escluso anomalie di quel tipo, per cui andava capito cosa potesse aver innescato delle vibrazioni che hanno avuto un effetto negativo mandando dei segnali sporchi al sensore del potenziometro della trasmissione, impedendo cambiate precise, ma con pericolose sfasature nel comando.

I tecnici diretti da James Allison hanno scoperto che le anomalie dipendono dalla sospensione posteriore. Il braccio posteriore del triangolo inferiore non è più ancorato alla scatola del cambio, ma alla struttura deformabile posteriore, un particolare anti-crash imposto dalla FIA che non ha mai avuto funzioni prestazionali.

La scelta di progetto molto ardita è stata dettata da esigenze aerodinamiche: la sospensione è stata sollevata e il braccio spostato più indietro per ripulire i flussi che generano la scia aumentando l’efficienza aerodinamica della freccia nera.

Per ottenere questo vantaggio aerodinamico in Mercedes sapevano che avrebbero dovuto fare i conti con un fissaggio meno rigido di quanto sarebbe risultato con l’attacco della sospensione sulla scatola del cambio, tanto che non avevano previsto che sui cordoli alti come quelli di Spielberg si sarebbero potute generale delle vibrazioni killer per i sensori che comandano la trasmissione.

Gli ingegneri, quindi, sono riusciti a irrobustire l’attacco del braccio alla struttura deformabile, spegnendo almeno in parte le anomale vibrazioni dopo un’analisi modale delle risonanze. Lewis Hamilton ieri ha scolpito una pole position che rimarrà nella storia della F1 potendo sfruttare la W11 al limite, senza incorrere nei “misteriosi” problemi che lo avevano rallentato nelle prove libere.

Le frecce nere, quindi, hanno trovato il loro tallone d’Achille e dovranno tenere d’occhio solo le temperature della power unit (ma in Stiria farà meno caldo) per dettare legge di nuovo…

Mercedes W10, dettaglio della sospensione posteriore vista da sotto con gli attacchi sul cambio

Mercedes W10, dettaglio della sospensione posteriore vista da sotto con gli attacchi sul cambio

Photo by: Giorgio Piola

Mercedes W10, dettaglio della sospensione posteriore vista da sotto con gli attacchi sul cambio.

Mercedes W10, dettaglio della sospensione posteriore vista da sotto con gli attacchi sul cambio.

Photo by: Giorgio Piola

condivisioni
commenti
Wolff esalta Hamilton: "Sembrava provenire da un altro mondo"
Articolo precedente

Wolff esalta Hamilton: "Sembrava provenire da un altro mondo"

Prossimo Articolo

Strategie: Verstappen attacca con le soft, Hamilton cosa fa?

Strategie: Verstappen attacca con le soft, Hamilton cosa fa?
Carica commenti
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021