Formula 1
G
GP del Bahrain
28 mar
Prove Libere 1 in
28 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
68 giorni
G
GP dell'Azerbaijan
06 giu
Gara in
100 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
107 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
117 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
124 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
138 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
152 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
180 giorni
02 set
Prossimo evento tra
187 giorni
09 set
Prossimo evento tra
194 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
208 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
215 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
222 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
236 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
243 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
279 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
288 giorni
F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Tecnica McLaren: la MCL35M si distingue in 10 punti

Con Giorgio Piola abbiamo analizzato quali sono le grandi diffierenze che caratterizzano la monoposto di Woking dopo aver adottato la power unit della Mercedes. Scopriamo cosa à cambiato dalla MCL35 dello scorso anno in un confronto diretto.

condivisioni
commenti
Tecnica McLaren: la MCL35M si distingue in 10 punti

La McLaren MCL35M è stata la prima monoposto 2021 a essere stata scoperta: la vettura curata da James Key ha mostrato alcune soluzioni interessanti che sono possibile grazie all’adozione della power unit Mercedes al posto del motore Renault.

Il “trapianto” della meccanica è stato possibile perché la FIA ha concesso alla squadra di Woking di ridisegnare la scocca nella parte posteriore, altrimenti sarebbe stato impossibile adottare l’unità di Brixworth sul telaio del 2020 che, in teoria, era stato congelato. Andiamo ad analizzare punto per punto quali sono gli interventi più significativi che si sono potuti notare dalle immagini della presentazione di lunedì sera.

McLaren MCL35 il muso al GP di Toscana

McLaren MCL35 il muso al GP di Toscana

Photo by: Giorgio Piola

1 - La McLaren ha introdotto un nuovo muso in occasione del GP di Toscana al Mugello, in tempo per omologare la versione stretta, prima che scattassero i vincoli regolamentari della FIAsu quella parte di vettura. I tecnici di Woking hanno seguito l’indirizzo lanciato dalla Mercedes e poi seguito da altre squadre. È molto probabile che quella soluzione sia stata pensata in funzione della MCL35M. È stato rivisto il disegno del cape che lavora in perfetta sintonia con i nuovi turning vanes e i bargeboard.

McLaren MCL35M dettaglio dei barge board

McLaren MCL35M dettaglio dei barge board

Photo by: McLaren

2 – I barge board sono di nuovo disegno: resta il boomerang superiore (che è anche più grande di quello dello scorso anno), mentre è sparito quello inferiore, sostituito da una complessa struttura a pettine. L’andamento dei flussi è cambiato in funzione della nuova pancia che è stata ridisegnata in funzione dell’impianto di raffreddamento della power unit Mercedes.

Confronto tra la McLaren MCL35M e McLaren MCL35

Confronto tra la McLaren MCL35M e McLaren MCL35

Photo by: McLaren

3 - La linea gialla contrassegna quanto le pance della MCL35M siano sono più strette rispetto a quelle dell'anno scorso, anticipando anche il punto di massima larghezza delle fiancate. A Woking hanno compiuto un grosso sforzo per rendere più snella la vettura, potendo contare su radiatori più piccoli rispetto a quelli che erano necessari per raffreddare la power unit Renault. I pacchi radianti sono stati sistemati in un modo diverso, portando a un’ottimizzazione dell’aerodinamica.

4 – La McLaren si è convertita a seguire i concetti Mercedes in materia di raffreddamento del motore siglato M12 che sono molto diversi da quelli in uso con la power unit Renault E-Tech 20. Meno sfoghi di aria calda in coda alle fiancate, avendo aperto una vistosa griglia ai due lati dell’abitacolo dalle quali estrarre il calore dai radiatori. La “finestra” può essere modulabile in funzione delle temperature che si incontreranno nei diversi tracciati.

McLaren MCL35M dettagli delle pance e dell'airbox in stile Mercedes

McLaren MCL35M dettagli delle pance e dell'airbox in stile Mercedes

Photo by: McLaren

Da segnalare anche il diverso disegno del roll hoop e dell'airbox che è diventato di forma ovale: il cambiamento è stato dettato dai motoristi della Mercedes che vantano una grande esperienza su come alimentare il V6 turbo senza problemi di affidabilità.

5 – Grazie all’adozione della power unit Mercedes, che ha un packaging più accurato degli accessori e alle minori esigenze di raffreddamento, gli aerodinamici di James Key hanno potuto disegnare delle pance molto più tirate. Per effetto di un diverso disegno degli scarichi, per esempio, è stato possibile dotare la MCL35M di una carrozzeria molto più filante che ha regalato qualche punto di efficienza.

6 - Il fondo risponde alle nuove regole FIA grazie alle quali si è voluto ridurre il carico aerodinamico di circa il 10%. Come si può ben osservare la superficie del pavimento non è calata di molto, nonostante il taglio in diagonale previsto, perché le fiancate sono risultate sensibilmente più snelle.

7 – Sono scomparsi gli slot nel bordo d’uscita del fondo perché le norme 2021 li hanno vietati, per cui sono spariti i lunghi binari che hanno caratterizzato la McLaren dello scorso anno, determinando una sensibile perdita di carico, visto che non sarà semplice riprodurre la “minigonna pneumatica” che permetteva di sigillare il fondo all’asfalto generand una sorta di effetto Venturi.

8 - Il taglio diagonale del fondo avrà un effetto importante nel gestire le turbolenze che saranno generate dalla ruota posteriore in movimento, peggiorando l’efficienza del diffusore. La McLaren ha mostrato alla presentazione un arrotondamento del fondo nella porzione finale.

9 – Senza slot e soffiaggi gli aerodinamici dovranno fare ricorso alla fantasia per cercare di controllare il “tyre squirt”, vale a dire i vortici che si creano con la deformazione della spalla della gomma posteriore quando si schiaccia in curva o su un cordolo: è facile prevedere che in quell’area vedremo comparire dei deviatori di flusso e dei generatori di vortice per ritrovare, almeno in parte, alcune funzionalità persorispetto allo scorso anno.

10 - Per accogliere il propulsore Mercedes il passo della MCL35M è stato leggermente allungato. Ciò avrà un impatto su numerosi aspetti della vettura, dalla cinematica delle sospensioni che di schema sono rimaste le stesse dello scorso anno e l'aerodinamica. Un interasse più lungo permette di avere una superficie maggiore grazie alla quale generare della downforce. Non solo, ma la McLaren dovrebbe rinunciare all’assetto picchiato più estremo, convertendosi ai dettami aerodinamici di Brackley che puntano su una monoposto con un minore angolo di Rake.

McLaren MCL35M

McLaren MCL35M

Photo by: McLaren

Ricciardo soddisfatto dopo il primo test con la McLaren MCL35M

Articolo precedente

Ricciardo soddisfatto dopo il primo test con la McLaren MCL35M

Prossimo Articolo

Perché la McLaren può tornare ad essere una grande forza in F1

Perché la McLaren può tornare ad essere una grande forza in F1
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Team McLaren
Autore Franco Nugnes
Ricciardo: un triennale con McLaren che sa di scelta obbligata Prime

Ricciardo: un triennale con McLaren che sa di scelta obbligata

Il 2021 rappresenterà la stagione dell'ennesimo cambiamento per Daniel Ricciardo dopo aver concluso una sterile avventura in Renault, ma la scelta della McLaren è stata obbligata per mancanza reale di alternative al vertice?

La storia di... Lewis Hamilton Prime

La storia di... Lewis Hamilton

Con sette titoli iridati, è amato quanto temuto per la sua impeccabile bravura al volante nell'era moderna dei motori mondiali. Lui è Lewis Hamilton, un personaggio figlio del suo tempo, icona e leggenda vivente della Formula 1 e portabandiera di ideali e messaggi positivi. Ripercorriamo la sua storia

Come Albon vuole lottare per uscire dal limbo della Red Bull Prime

Come Albon vuole lottare per uscire dal limbo della Red Bull

Alex Albon ha affrontato i media per la prima volta da quando ha perso il suo sedile in Red Bull alla fine del 2020, costretto così a lasciare la Formula 1. In passato ha già risalito la china dopo una battuta d’arresto, quindi ecco cosa deve fare per ritornare.

Formula 1
24 feb 2021
Red Bull RB16B: il motore Honda sarà una sorpresa Prime

Red Bull RB16B: il motore Honda sarà una sorpresa

Red Bull decide di evolvere i concetti già visti nel corso del 2020 per la sua RB16B, vettura che verrà affidata a Sergio Perez e Max Verstappen per la stagione 2021 di Formula 1. Andiamo a scoprire tutti i dettagli tecnici e sportivi del team di Milton Keynes

Formula 1
24 feb 2021
McLaren stretta un azzardo dopo l'esperienza size zero? Prime

McLaren stretta un azzardo dopo l'esperienza size zero?

Con l'adozione della power unit Mercedes la MCL35 ha potuto beneficiare di un impianto di raffreddamento più efficiente che ha permesso di ridurre le masse radianti e, quindi, le pance. A Woking, però, la storia recente insegna che hanno spesso esagerato con soluzioni estreme che hanno causato problemi di affidabilità. E non è detto che un trapianto di motore su una monoposto esistente risulti facile al primo colpo.

Formula 1
23 feb 2021
Giovinazzi: tutto quello che serve per continuare in Formula 1 Prime

Giovinazzi: tutto quello che serve per continuare in Formula 1

Antonio Giovinazzi si gioca in questa stagione la sua permanenza in Formula 1. Cerchiamo di capire da chi si deve guardare il pilota di Martina Franca, quali possono essere i possibili scenari futuri e come può garantirsi una riconferma per i prossimi anni.

Formula 1
23 feb 2021
Alfa Romeo C41: evoluzione nel segno della continuità Prime

Alfa Romeo C41: evoluzione nel segno della continuità

L'Alfa Romeo C41 non è certamente tra le monoposto più rivoluzionarie della storia della Formula 1. A livello visivo, l'unica vera grande modifica riguarda il muso anteriore, ora più snello anche se non così estremo per concezione. L'ombra della C39 della passata stagione è molto presente sulla monoposto 2021

Formula 1
23 feb 2021
Red Bull: la visione a lungo termine dietro l'accordo con Honda Prime

Red Bull: la visione a lungo termine dietro l'accordo con Honda

L'accordo tra la Red Bull e la Casa giapponese per gestire in autonomia le power unit Honda a partire dal 2022 avrà benefici anche a lungo termine consentendo al team diretto da Horner di giocare allo stesso livello dei costruttori generalisti.

Formula 1
22 feb 2021