F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Alpine: ecco l'ala posteriore a corda molto corta

La squadra di Estone ha portato a Monza la versione più scarica della A521 nel tentativo di ridurre il drag e aumentare le velocità massime: l'ala posteriore mostra un profilo principale a corda particolarmente corda con un disegno a cucchiaio.

Alpine: ecco l'ala posteriore a corda molto corta

L’Alpine dopo la vittoria di Esteban Ocon in Ungheria sta confermando un rendimento utile a conservare il quinto posto nel mondiale Costruttori nella battaglia con l’AlphaTauri che segue a soli 6 punti di distanza.

La squadra di Enstone non deve perdere un colpo, perché il bottino di Faenza è sostanzialmente costituito dai punti che vengono portati da Pierre Gasly, mentre l’Alpine può fare affidamento su due piloti capaci di raccogliere risultati interessanti.

A Monza la A521 si presenta nella veste aerodinamica da minimo carico: sullo stradale la downforce con meno dell’efficienza, per cui tutti i team hanno lavorato per ridurre al massimo la resistenza all’avanzamento nella speranza di incrementare le velocità massime.

L’immagine di Giorgio Piola ci mostra l’ala posteriore dell’Alpine colta dall’alto: è possibile osservare quanto sia corta la corda del profilo principale e quanto il flap mobile sia con poca incidenza. Non sarà sfuggito che il bordo d’entrata del main plane è rialzato per cui il profilo lavora solo alle velocità più basse, vale a dire nelle chicane, mentre il flusso tende a scavalcare il cucchiaio durante i rettilinei.

Per avere una buona percorrenza nei transitori, invece, le paratie laterali non sono piatte, come è solita fare la Red Bull: l’Alpine, infatti, ha mantenuto le frange verticali.

condivisioni
commenti
Leclerc: "Monza difficile per noi. Bello il format del weekend"

Articolo precedente

Leclerc: "Monza difficile per noi. Bello il format del weekend"

Prossimo Articolo

Alonso: "La Sprint Quali? La F1 decida cosa fare nel 2022"

Alonso: "La Sprint Quali? La F1 decida cosa fare nel 2022"
Carica commenti
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021
Podcast, Bobbi: "Hamilton, la slick era un azzardo esagerato" Prime

Podcast, Bobbi: "Hamilton, la slick era un azzardo esagerato"

Il Gran Premio della Turchia ha messo alla prova le qualità di guida dei piloti e la loro sensibilità in condizioni di difficile lettura. Lewis Hamilton, tentando l'azzardo, avrebbe optato per le gomme slick al pit-stop, ma dal box hanno preferito andare sul sicuro. C'è un mondiale in palio, ogni punto conta

Formula 1
11 ott 2021