Strategie Ungheria: è piovuto e si studieranno i primi 20 giri

L'acquazzone della notte seguito da un repentino aumento delle temperature rende difficile per i team la definizione delle strategie di gara, anche perché non è escluso uno scroscio durante la corsa. La Mercedes punta a una sola sosta partendo con le gialle, ma la soluzione più veloce dovrebbe essere quella con due pit: primo stint di 20 giri con le rosse per passare alle hard fino al giro 50 e poi concludere con le medie (o soft).

Strategie Ungheria: è piovuto e si studieranno i primi 20 giri

Non sarà una domenica ordinaria per gli strateghi dei team di Formula 1. Sulla pista dell’Hungaroring si è abbattuto un violento acquazzone terminato a quattro ore dal via del Gran Premio, un arco di tempo nel quale le temperature dovrebbero salire molto ricreando le condizioni viste ieri in qualifica.

Se al via della gara l’asfalto sarà superiore ai cinquanta gradi, le simulazioni delle squadre e della Pirelli ipotizzano uno scenario al limite per chi intende affrontare i settanta giri di gara con una sola sosta.

La strategia più veloce prevede due pit-stop, con primo stint di gara di venti giri con soft, per poi passare alle hard fino al giro 50 e ad un set di medie (o soft) per le ultime venti tornate. Discorso diverso per le due Mercedes, le uniche due monoposto nella top-10 che scatteranno con gomme medie. Per Hamilton e Bottas la sfida sarà riuscire a coprire 30-35 giri prima del pit-stop, provando poi a terminare la gara con un set di hard.

I team saranno però costretti a monitorare l’andamento della corsa nei primi venti giri, per valutare degrado e usura degli pneumatici e decidere sulla base dei dati che ricaveranno in tempo reale la strategia reale.

A complicare maggiormente i piani è anche la possibilità che una perturbazione raggiunga l’Hungaroring dopo il primo terzo di gara, uno scenario che il meteo quota al sessanta per cento.

La disponibilità di set di gomme nuove vede le squadre molto allineate. Tutti i piloti possono contare su un set di hard, mentre l’unico pilota al via a non avere un treno di medie nuove è Valtteri Bottas, che però avrà a disposizione un set di soft risparmiato in qualifica.

condivisioni
commenti
GP d'Ungheria: Hamilton in pole, ma occhio a Max

Articolo precedente

GP d'Ungheria: Hamilton in pole, ma occhio a Max

Prossimo Articolo

LIVE Formula 1, Gran Premio di Ungheria: Gara

LIVE Formula 1, Gran Premio di Ungheria: Gara
Carica commenti
Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi " Prime

Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi "

Andiamo ad analizzare le soluzioni tecniche che hanno esordito nel venerdì di Prove Libere del Gran Premio di Russia, commentandole in maniera dettagliata in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola

Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata" Prime

Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata"

Andiamo ad analizzare il venerdì di prove libere del Gran Premio di Russia di Formula 1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu in questa nuova puntata del podcast Piloti Top Secret. In quella che è da sempre un feudo Mercedes, Valtteri Bottas brilla conquistando il miglior crono in entrambe le sessioni

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus Prime

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus

Nel 1991, mentre Michael Schumacher debuttava in F1 al volante di una Jordan competitiva, Hakkinen faceva il suo esordio alla guida di una Lotus ormai in declino. Mark Gallagher ricorda come il finlandese riuscì ugualmente ad impressionare il paddock.

Formula 1
22 set 2021
Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

Formula 1
22 set 2021
BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021