Steiner: "Daremo a Schumacher la libertà di sbagliare"

Il team principal della Haas ha spiegato alla Gazzetta dello Sport quale è stato il cambiamento di strategia che ha portato la squadra USA a puntare su due giovani come Mick Schumacher e Nikita Mazepin. L'obiettivo è spendere di meno sui piloti da formare per avere più risorse da destinare alla monoposto 2022: "Non saremo forti nel 2021, dovremo avere pazienza, ma vogliamo esserlo l'anno dopo".

Steiner: "Daremo a Schumacher la libertà di sbagliare"

Gunther Steiner guarda avanti. Ha chiuso un anno difficile con la Haas e volge lo sguardo al futuro dopo aver cambiato entrambi i piloti. Mick Schumacher e Nikita Mazepin sono due giovani debuttanti al posto degli esperti Romain Grosjean e Kevin Magnussen.

In una intervista alla Gazzetta dello Sport il team principal della squadra americana di F1 fa una fotografia della situazione:
“Era il momento giusto di cambiare i piloti, considerato che il 2021 sarà un anno di transizione. E sono fiducioso. Noi partiamo da un presupposto: per imparare bisogna agire e noi vogliamo concedere a Schumacher e Mazepin la possibilità di sbagliare. Nel 2022 ci sarà un cambiamento di regolamento che offrirà tante opportunità”.

“I piloti sono l’asset primario di un team e serviva una scossa. I giovani si stanno imponendo in F1: penso a Leclerc che ha vinto delle gare alla seconda stagione, a Norris che sta facendo benissimo. Oltretutto a livello finanziario costano molto meno e noi preferiamo investire soldi nella macchina del 2022 piuttosto che sui piloti”.

Gunther non vuole commentare il turbolento arrivo di Mazepin…
“Su Nikita non voglio parlare perché temo che le mie parole possano essere strumentalizzate, abbiamo risolto la questione internamente”.

L’altoatesino è più loquace su Mick Schumacher…
“Quando abbiamo deciso di puntare sui giovani ci siamo rivolti a Mattia Binotto sapendo che la Ferrari Driver Academy ne aveva cinque che disputavano la Formula 2. Ma a decidere che fosse Schumacher a venire da noi è stata la Casa di Maranello”.

Ci sono novità anche su Grosjean...
"L'ho sentito a Natale. Sta bene e si è sottopposto a un intervento chirurgico alla mano sinistra. I medici hanno dovuto sistemare un tendine e ora stanno verificando se è il caso di fare un trapianto di pelle".

Steiner nega che verrà chiusa la collaborazione con la Dallara…
“No, Dallara resterà sempre coinvolta anche se meno. Manterremo gli uffici a Varano”.          

Ma ci sarà un rapporto più stretto con la Ferrari?
“Ci aiuterà a crescere. È una buona opportunità avere gente come Simone Resta che ha avuto una carriera importante in F1, realizzando macchine competitive. E così aiutiamo pure il Cavallino che ha personale in eccesso”.

Onesta la previsione 2021…
“Siamo già contenti di esserci ancora. Dovremo avere un po’ di pazienza perché non saremo forti. Ma vogliamo esserlo l’anno dopo”.

condivisioni
commenti
Formula 1: il racconto in immagini della stagione 2020
Articolo precedente

Formula 1: il racconto in immagini della stagione 2020

Prossimo Articolo

Marko: "L'insicurezza di Vettel nasce col crash di Hockenheim"

Marko: "L'insicurezza di Vettel nasce col crash di Hockenheim"
Carica commenti
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021