La Mercedes W06 Hybrid supera la McLaren MP4/4

condivisioni
commenti
La Mercedes W06 Hybrid supera la McLaren MP4/4
Di: Michele Merlino
16 nov 2015, 15:56

E' la prima monoposto della storia a dominare 5 weekend in una sola stagione. 11 doppiette come la Ferrari 500

Podium: race winner Nico Rosberg, Mercedes AMG F1, second place Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, thi
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W06 sulla griglia
Secondo Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W06, con il vincitore Nico Rosberg, Mercedes AMG F1 W06
Nico Rosberg, Mercedes AMG F1 W06
Il vincitore Nico Rosberg, Mercedes AMG F1 Team
IL vincitore Nico Rosberg, Mercedes AMG F1 W06 e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W06 nel parco chius
Podio: secondo Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 con James Waddell
Il vincitore Nico Rosberg, Mercedes AMG F1 Team
Nico Rosberg, Mercedes AMG F1 Team
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 Team e Nico Rosberg, Mercedes AMG F1 Team

Battere le Mercedes di questi tempi sembra essere diventato quasi un'impresa epica, ma va dato atto alla concorrenza che, numeri alla mano, la W06 Hybrid è destinata ad essere una monoposto che lascerà un segno importante tra le statistiche del Mondiale di Formula 1.

Basta pensare che ieri in Brasile ha segnato un nuovo record assoluta, diventando la prima in grado di totalizzare cinque weekend di assoluto dominio nell'arco di una sola stagione. In questo caso parliamo di prima fila, doppietta in gara, primi due giri veloci della corsa e Gp comandato all'inizio alla fine. In precedenza aveva il primato in condivisione con la McLaren MP4/4 del 1988, ma ora se l'è preso in solitaria.

Ma non è tutto, perché parliamo anche della vettura che ha ottenuto il record assoluto di hat-trick (pole, vittoria e giro veloce). Con 11 ha raggiunto la Ferrari 500, ma quest'ultima ha raccolto questo bottino nelle stagioni comprese tra il 1952 ed il 1956, mentre la W06 Hybrid nell'arco di un solo campionato, con la possibilità di migliorarlo ancora ad Abu Dhabi.

La gara di Interlagos ha visto il 13esimo successo in carriera di Nico Rosberg e questo vuol dire che il tedesco ha eguagliato David Coulthard al secondo posto tra i piloti con più successi che però non hanno centrato il Mondiale. Più di loro ha vinto solo Stirling Moss, arrivato a quota 16. Inoltre il figlio d'arte è il primo a fare pole e vittoria in Brasile per due anni di fila dopo Mika Hakkinen a cavallo tra il 1998 ed il 1999. Infine, in qualifica ha ottenuto la sua quinta pole position di fila per la prima volta in carriera.

Passando al suo compagno di squadra Lewis Hamilton, il britannico ha ottenuto il 16esimo podio stagionale, toccando quota 32 nelle ultime due stagioni. La sua media peggiora leggermente se si guarda all'intera avventura in Mercedes, anche se comunque parliamo di due podi ogni tre gare. Il tre volte campione del mondo ieri ha contribuito inoltre all'11esima doppietta del 2015 per la Casa tedesca.

Come si è già detto tante volte ieri, il Gp del Brasile è stato una gara da record anche per Sebastian Vettel: con il terzo posto ha ottenuto il 13esimo podio stagionale e nessuno ne aveva mai conquistati tanti al debutto sulla Ferrari. Il record di una Rossa però rimane quello fissato da Michael Schumacher nel 2002 con 17.

Nel suo piccolo, ci sono numeri interessanti anche per la Toro Rosso: Max Verstappen è il primo pilota della squadra di Faenza a piazzarsi in zona punti per ben sei gare consecutive, migliorando le cinque di Sebastian Vettel del 2008. Tuttavia, con il sistema di punteggio attuale sarebbero stati sette i piazzamenti "utili" per l'attuale pilota della Cavallino.

Curioso poi che Romain Grosjean e Pastor Maldonado non avessero mai ottenuto punti ad Interlagos, mentre ieri lo hanno fatto entrambi (il venezuelano è salito decimo dopo la squalifica di Felipe Massa). Di contro, con il 14esimo posto, Jenson Button ha ottenuto il suo peggior risultato in 16 edizioni della corsa brasiliana. Se non altro il britannico si è messo dietro Fernando Alonso, che in carriera non era mai stato battuto dal compagno di squadra ad Interlagos. Per lo spagnolo è stata la 50esima gara di fila senza vittorie.

Continuando a parlare di McLaren, è la prima volta che entrambe le monoposto della squadra di Woking vedono la bandiera a scacchi in Brasile, ma senza ottenere punti. L'ultimo doppio zero ad Interlagos risale al 2000, quando Mika Hakkinen si ritirò e David Coulthard fu squalificato per un'irregolarità tecnica.

Prossimo articolo Formula 1
Togninalli, il simbolo del ferrarista cresciuto in casa

Articolo precedente

Togninalli, il simbolo del ferrarista cresciuto in casa

Prossimo Articolo

Le livree del passato sulle F.1 moderne

Le livree del passato sulle F.1 moderne
Carica commenti