Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Qualifiche
Formula 1 GP del Belgio

F1 | Spa, Sprint Shootout: super Max, poi Piastri e le Ferrari

La Red Bull senza l'uso del DRS ha opersi quasi tutto il suo vantaggio nella Sprint Shootout del GP del Balgio: Verstappen ha firmato la mini pole solo di 11 millesimi su Piastri con la McLaren e le due Ferrari di Sainz e Leclerc. Il monegasco ha commesso un errore alla curva 9 dove ha perso la possibilità di puntare alla partenza al palo. Caos in casa Mercedes per un doppio bloccaggio di Russell su Hamilton nel giro della bandiera a scacchi.

Max Verstappen, Red Bull Racing RB19

Max Verstappen replica a Spa-Francorchamps. L'olandese nella Sprint Shootout è stato il più veloce in Q3 con il tempo di 1'49"056 ottenuto con le slick, perché la pista è andata asciugandosi dopo un avvio bagnato. Max scatterà al comando nella garetta di questo pomeriggio, mentre nel GP di domani dovrà retrocedere di cinque posizioni per la sostituzione della trasmissione. A dispetto di ieri, quando il due volte campione del mondo ha rifilato a tutti almeno otto decimi, Verstappen è riuscito a cogliere la migliore prestazione probabilmente perché è stato l'ultimo a prendere la bandiera a scacchi, mentre l'asfalto andava asciugandosi rapidamente.

La Red Bull è stata straordinaria nella tempistica perché Max si è assicurato la pole position solo con 11 millesimi di vantaggio su uno straordinario Oscar Piastri con la McLaren. La direzione gara ha impedito l'uso del DRS e la RB19 sembra aver perso una parte del vantaggio che si era visto ieri. L'australiano con un 1'49"067 conquista la partenza in prima fila con la MCL60: il rookie, molto deluso per non essere riusciro a firmare la pole, è riuscito a tenersi alle spalle di appena 14 millesimi la Ferrari di Carlos Sainz. Lo spagnolo ha fatto un'ottima qualifica ed è in seconda fila, cancellando lo sbaglio di ieri. Chi recrimina è Charles Leclerc perché il monegasco aveva nel piede la partenza al palo, ma ha commesso un errore alla curva 9 che gli è costato molto caro (circa quattro decimi!).

La rossa sembra competitiva anche in condizioni di grip limitato e l'obiettivo sarà quello di conquistare almeno un podio. Lando Norris è quarto con la seconda McLaren: l'inglese per la seconda volta di fila le prende dal rookie su una pista estremamnete difficile da interpretare.

Positiva la prestazione di Pierre Gasly sesto con l'Alpine: il francese ha provato in Q3 tre giri lanciati di fila, senza concedersi una tornata di cool down. Esteban Ocon non è andato oltre la nona posizione. Grande caos fra le due Mercedes: Lewis Hamilton ha chiuso settimo, ma il sette volte campione del mondo ha dovuto fare i conti con il bloccaggio che è stato fatto dal compagno di squadra, George Russell che era finito largo alla Source e poi non gli ha dato strada all'inizio del rettilineo del Kemmel. L'inglese è finito nel traffico per una pessima gestione da parte della squadra, ma non ha voluto fare polemica.

Sergio Perez è solo ottavo con la Red Bull: il messicano si è trovato con cinque macchine lente alla chicanbe del BUs Stop. Checo è stato bravo a fare uno slalom fra le altre monoposto, fidandosi che i colleghi si sarebbero tenuti da parte, ma il rischio è stato davvero elevato. Non deve stupire se non è venuto fuori il giro buono.

Male George Russell che chiude la Q3 con la seconda Mercedes: oltre a creare un doppio bloccaggio al compagno, non è mai stato veloce con una W14 che ha un assetto aerodinamico più carico, certamente sbagliato.

Resta fuori dalla Top 10 un ottimo Daniel Ricciardo con l'AlphaTauri: l'australiano è stato l'ultimo a siglare un tempo in Q2 in 1'57"687, perché Lance Stroll ha rischiato l'idea di montare un treno di slick, ma anziché scegliere le soft, si è visto montare le medie perché non era stata dichiarata la sessione bagnata dalla direzione gara, per cui l'obbligo era di montare la gialla per regolamento. Una follia, visto che il vincolo delle mescole dovrebbe saltare sul bagnato. Il canadese già nel giro di lancio aveva detto che non era la scelta giusta, ma ci ha provato a portare la "verdona" in Q3: il risultato è stato che alla curva 9 ha perso il controllo della AMR23 e si è schiantato all'esterno contro le barriere, demolendo la sospensione anteriore destra.

Inevitabile la bandiera rossa che ha anticipato la chiusura della sessione mediana: l'effetto è che sono rimasti senza tempo le due Williams di Alexander Albon e Logan Sargeant (autore di un innocuo testacoda ad alta velocità a Stavelot) e anche l'altra Aston Martin, quella di Fernando Alonso che certo non ha gradito l'errore del compagno di squadra nel giorno del suo 42esimo compleanno.

Non supera la Q1 Yuki Tsunoda con l'AlphaTauri: il giapponese resta fuori per poco, non riuscendo a ripetere quello che era riuscito a fare ieri nelle qualifiche del GP. Fuori anche le due Alfa Romeo con Valtteri Bottas 17esimo, davanti a Guanyu Zhou 19esimo.

Non è andata meglio alle due Haas: Kevin Magnussen è 18esimo, mentre il compagno di squadra Nico Hulkenberg è ultimo. Il tedesco è stato richiamato ai box per montare un treno di intermedie nuovo e non è riuscito a chiudere un giro cronometrato perché ha preso la bandiera a scacchi mentre si stava lanciando. Per un piccolo problema al sollevatore anteriore, la VF-23 di Nico è stata rilasciata qualche secondo in ritardo, quel tanto che bastava a non tentare un tempo. Il team diretto da Gunther Steiner ha fatto le scuse via radio al pilota germanico per aver toppato la tempistica.

 

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | Alpine: dove porta la cacciata di Szafnauer, Permane e Fry?
Prossimo Articolo F1 | Leclerc: "Senza l'errore in Curva 9 avrei fatto la pole"

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia