F1, Spa, Libere 2: Verstappen sfida le Mercedes!

Nella seconda sessione di prove libere del GP del Belgio ci sono state delle sorprese con Verstappen più veloce con la Red Bull, inseguito da Ricciardo a 48 millesimi con la Renault. Hamilton è terzo a un decimo, seguito da un buon Albon con la seconda RB16 e Sergio Perez con la Racing Point. Bottas è solo sesto, ma non ha trovato un giro pulito. Deludono le Ferrari che precipitano dietro anche alle Alfa Romeo con lo stesso motore!

F1, Spa, Libere 2: Verstappen sfida le Mercedes!

Max Verstappen vuole stupire nel GP del Belgio! L'olandese è stato il più veloce nella seconda sessione di prove libere a Spa-Francorchamps con il tempo di 1'43"744 ottenuto con gomme Soft sulla Red Bull RB16. Max ha trovato la zampata per mettersi alle spalle entrambe le Mercedes, ma la sorpresa è stata la Renault di Daniel Ricciardo seconda ad appena 48 millesimi dalla vetta.

Il paddock si domanda come possa l'olandese volante dettare legge su una pista che sulla carta non si adatta alla RB16: Max non sbaglia niente, ma la Red Bull sembra essersi avvicinata alle frecce nere che hanno continuato a lavorare in previsione di una gara che si potrebbe disputare sotto la pioggia. Verstappen è già arrivato a 1"2 dal record della pista dopo due turni di libere.

La buona lena delle macchine di Milton Keynes è comfermata anche da Alexander Albon, quarto, a 390 millesimi dal suo capitano: l'anglo thailandese, finiti gli esperiementi aerodinamici, ha dimezzato quello che è il solito distacco dall'arancione, rivelando la nuova forma della monoposto di Adrian Newey.

Sorprendente la seconda prestazione di Daniel Ricciardo che ha fatto faville nel giro secco con le gomme Soft: l'australiano, però, si è visto spegnere il sorriso che gli incornicia il volto di solito all'inizio del long run quando ha dovuto accostare all'inizio del rettilineo del Kemmel per l'improvviso spegnimento della power unit mentre era lanciato in ottava marcia a causa di un calo di pressione nell'impianto idraulico.

La Renault mostra il suo volto 2020: è capace di sorprendere e subito dopo deludere, senza avere mai una stabilità nelle prestazioni per le carenze dell'affidabilità. Esteban Ocon, invece, è solo ottavo staccato di quasi mezzo secondo da Ricciardo: la differenza è importante.

Lewis Hamilton è terzo, ma il distacco dell'esa campione è di 96 millesimi da Verstappen: un niente se si considera che la Mercedes è stata la più consistente nella simulazione di gara. Lewis ha lavorato molto in funzione della pioggia (ha simulato delle partenze in seconda marcia) e ha usato mappe di motore anche da bagnato.

Non solo, ma la squadra di Brackley ha portato in pista un secondo pacchetto aerodinamico molto interessante che richiede un po' di messa a punto per esprimere tutto il suo potenziale. Non ha entusiasmato Valtteri Bottas (il più rapido questa mattina). il finlandese è solo sesto a quattro decimi da Verstappen: il 31enne nordico, che oggi festeggia il compleanno, non ha trovato un giro perfetto, tant'è che è insidiato da Lando Norris, settimo con la migliore McLaren e la Renault di Esteban Ocon ottava.

Del francese abbiamo già detto, mentre l'inglese conferma la sua indole da pilota fortissimo nella qualifica: Carlos Sainz, nono con l'altra MCL35, è a tre decimi.

La top ten è chiusa da Pierre Gasly che si riprende la supremazia in AlphaTauri (Daniil Kvyat è 12esimo), ma ha deluso Lance Stroll solo 11esimo con la Racing Point. Il canadese non ha impressionato nella simulazione da qualifica, ma ha messo in mostra un buon passo gara.

E le Ferrari? Un disastro. Sono finite dietro anche alle Alfa Romeo di Antonio Giovinazzi 13esimo e Kimi Raikkonen 14esimo. Se i due piloti sulle C39 non potevano sperare di meglio (Antonio ha brillato dopo aver saltato la prima sessione), non si può dire altrettanto per Charles Leclerc che con 1'45"440 paga 1"6 dalla testa. Un'eternità per la SF1000 che è capace di raggiungere buone velocità massime nel T1, ma paga 1"2 solo nel tratto guidato, segno che con la macchina troppo scarica la Ferrari non riesce a girare nelle parti guidate.

A Maranello dovranno ribaltare la situazione: la monoposto è troppo brutta per essere vera. Sebastian Vettel è solo 16esimo a quasi due secondi: il tedesco è stato sopravvanzato anche dalla Williams di George Russell che, almeno stamattina, stava dietro e Nicholas Latifi è a meno di un decimo dalla Rossa. I piloti del Cavallino sono in seria difficoltà, ma è palese che c'è qualcosa di serio che non funziona...

Hanno fatto quello che hanno potuto i due della Haas che sono entrati in pista nell'ultima mezz'ora dopo che ai piloti sono state sostituite le power unit nuove che erano state montate in mattinata. Romain Grosjean e Kevin Magnussen sono in fondo alla lista dei tempi: pagano la sorprendente mancanza di affidabilità del motore Ferrari che oltre a essere poco potenze è anche fragilissimo.

A Maranello qualcuno dovrebbe tirare delle testate nei muri perché la situazione è desolante: non c'è un accenno di miglioramento dall'inizio della stagione, mentre gli avversari non sbagliano uno sviluppo e fanno passi da gigante. Il Reparto Corse non produce niente: ma come è possibile questa regressione che non è degna di un top team...

condivisioni
commenti
Mercedes: stupiscono le evoluzioni sulla W11

Articolo precedente

Mercedes: stupiscono le evoluzioni sulla W11

Prossimo Articolo

Verstappen: "Mercedes forti. Sarà un successo essere vicini"

Verstappen: "Mercedes forti. Sarà un successo essere vicini"
Carica commenti
Piola: "Russell straordinario con una Williams più carica" Prime

Piola: "Russell straordinario con una Williams più carica"

In questo nuovo video di Motorsport. com, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano i motivi che hanno portato il Gran Premio di Russia a regalare una qualifica sorprendente: McLaren in pole, con Norris, davanti a Sainz e Russell. Cos'ha reso questi tre piloti così veloci?

Bobbi: "Norris prende i cordoli come sull'asciutto" Prime

Bobbi: "Norris prende i cordoli come sull'asciutto"

In questa nuova puntata di Piloti Top Secret, andiamo ad analizzare i vari stili di guida in occasione delle qualifiche del GP di Russia di F1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu

Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi " Prime

Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi "

Andiamo ad analizzare le soluzioni tecniche che hanno esordito nel venerdì di Prove Libere del Gran Premio di Russia, commentandole in maniera dettagliata in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola

Formula 1
24 set 2021
Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata" Prime

Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata"

Andiamo ad analizzare il venerdì di prove libere del Gran Premio di Russia di Formula 1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu in questa nuova puntata del podcast Piloti Top Secret. In quella che è da sempre un feudo Mercedes, Valtteri Bottas brilla conquistando il miglior crono in entrambe le sessioni

Formula 1
24 set 2021
Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus Prime

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus

Nel 1991, mentre Michael Schumacher debuttava in F1 al volante di una Jordan competitiva, Hakkinen faceva il suo esordio alla guida di una Lotus ormai in declino. Mark Gallagher ricorda come il finlandese riuscì ugualmente ad impressionare il paddock.

Formula 1
22 set 2021
Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

Formula 1
22 set 2021
BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021