Alonso: "La nostra mancanza di affidabilità è normale"

condivisioni
commenti
Alonso:
20 set 2015, 17:58

L'asturiano, costretto all'ennesimo ritiro, analizza con freddezza i problemi della McLaren

Fernando Alonso, McLaren MP4-30
Fernando Alonso, McLaren
Fernando Alonso, McLaren MP4-30
Fernando Alonso, McLaren MP4-30

Ennesima gara, ennesimo ritiro per Fernando Alonso in una stagione partita con ben altre prospettive e che, invece, sta regalando soltanto bocconi amari al due volte campione del mondo.

Anche a Singapore la McLaren dell'asturiano è stata costretta al ritiro, questa volta non per cause da imputare alla power unit Honda ma al cambio. Fernando ha analizzato a mente fredda i problemi che stanno affligendo la sua stagione nel team di Woking: "I problemi di affidabilità che stiamo accusando con la vettura sono normali al momento. Si tratta di un progetto ancora acerbo. Abbiamo raggiunto lo stesso numero di chilometri che aveva la Mercedes in Australia, quindi è come se avessimo finito adesso i test invernali".

La conformazione del tracciato di Singapore faceva sperare che almeno una delle due McLaren avrebbero potuto raggiungere la zona punti. Purtroppo gli ennesimi inconvenienti tecnici hanno fermato sia Alonso che Button: "Questi inconvenienti non dovrebbero accadere alla tredicesima gara stagionale, ma non siamo al livello della concorrenza. Sia io che Jenson siamo stati costretti al ritiro quando eravamo in zona punti e se tutto fosse andato per il verso giusto avremmo centrato l'obiettivo. Avremo la possibilità di rifarci nelle rimanenti gare. Se non accadrà, vorrà dire che impareremo ulteriormente dai nostri problemi. Dobbiamo migliorare sia come velocità che come affidabilità. Abbiamo molti compiti da svolgere a casa durante l'inverno".

 

 

Prossimo articolo Formula 1
Red Bull: prove aerodinamiche sul nuovo badge board

Articolo precedente

Red Bull: prove aerodinamiche sul nuovo badge board

Prossimo Articolo

Il Mondiale 2016 di F.1 scatterà ancora a marzo

Il Mondiale 2016 di F.1 scatterà ancora a marzo
Carica commenti