Simulazione GP d'Austria: i segreti del giro molto corto

Quella di Spielberg è una pista molto particolare dove l'acceleratore sarà full gas per il 78% del giro e il turbo sarà costretto a regimi di rotazioni più alti del solito. Il tempo della qualifica sarà fra i più bassi della storia della F1.

Simulazione GP d'Austria: i segreti del giro molto corto

Sarà molto interessante scoprire quale sarà la soglia di miglioramento delle monoposto 2020 nel GP d’Austria che sarà la gara di apertura del mondiale, tenuto conto che le gomme della Pirelli saranno le stesse dello scorso anno per costruzione e mescola.

Le simulazioni delle squadre di F1 dicono che i tempi sul giro sono destinati a calare di qualche decimo e, probabilmente, sarà difficile fare meglio di quel 1’02”366 ottenuto in qualifica da Nigel Mansell nel GP del Sudafrica del 1985 con la Williams FW10-Honda 1.5 V6T.

L’anno scorso, infatti, Charles Leclerc con la Ferrari SF90 aveva centrato la partenza al palo nel GP d’Austria al Red Bull Ring in 1’03”003, conquistando il quinto tempo più basso nella storia dei 70 anni di F1 a 637 millesimi dalla prestazione del pilota inglese.

Magari il poleman di quest’anno cercherà di scalzare il “Leone” dal quarto posto, mentre il primato di Niki Lauda con la Ferrari 312 B3 a Dijon nel GP di Francia del 1974 resterà inattaccabile grazie ai 58”790 ottenuti dall’austriaco con la Rossa!

Ecco i cinque tempi più bassi di sempre!

Pos. Anno Circuito Pilota Tempo
1. 1974 Dijon Niki Lauda 0’58”790
2. 1982 Dijon Alain Prost 1’01”380
3. 1984 Dijon Patrick Tambay 1’02”200
4 1985 Kyalami Nigel Mansell 1’02”366
5. 2019 Spielberg Charles Leclerc 1’03”003

Se la F1 andrà a correre sul quasi ovale del Bahrain per la seconda gara sul tracciato di Al Sakhir sarà possibile che le monoposto possano girare con tempi molto bassi, tali da intaccare le posizioni di vertice di questa insolita graduatoria.

In Austria scatta un mondiale anomalo per cui la curiosità per il primo appuntamento stagionale è massima: quella del Red Bull Ring è una pista un po’ particolare, visto che oltre al tempo sul giro molto corto aggiunge altre caratteristiche distinguenti.

Daniil Kvyat, Toro Rosso STR14 nel veloce GP d'Austria 2019

Daniil Kvyat, Toro Rosso STR14 nel veloce GP d'Austria 2019

Photo by: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Per cominciare quello di Spielberg è un GP con la terza velocità media del campionato dopo Monza e Silverstone, risultando più veloce anche di Spa-Francorchamps. Non deve stupire visto che i piloti usano l’acceleratore full gas per il 78% del giro!

Stiamo parlando di una pista che è selettiva per la power unit: trovandosi a una quota di circa 700 metri, l’impianto della Stiria richiede degli adeguamenti agli impianti di raffreddamento e lubrificazione dei motori visto che l’aria è un po’ rarefatta e, quindi, è necessario aumentarne la portata per non intaccare l’affidabilità dei sistemi.

Non solo, ma anche il turbo e il compressore sono chiamati a girare con regimi più alti del solito: questo aspetto, unito alle alte temperature previste, potrebbero creare qualche problema di durata a unità che proprio in Austria saranno “congelate” negli sviluppi della stagione 2020.

Anche i freni sono sottoposti a grandi sforzi per quanto il tempo di staccata si limiti a soli 9 secondi: alla Curva 4, la Schlossgold, si raggiungono i 5g di decelerazione così come è impegnativa la frenata alla Remus Kurve in salita. La minore densità dell’aria avrà un effetto negativo sugli impianti per cui sarà importante evitarne il surriscaldamento.

Il Red Bull Ring è una pista veloce, eppure il carico aerodinamico richiesto è quello medio: si dovrebbe raggiungere in qualifica una velocità di 339 km/h. L’effetto dell’ala mobile dovrebbe valere solo 6 km/h: ricordiamo che il DRS sarà azionabile nei tre tratti rettilinei del saliscendi austriaco e dovrebbe valere poco meno di un decimo nel tempo sul giro.

Sebastian Vettel, Ferrari SF90 lotta con Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Sebastian Vettel, Ferrari SF90 lotta con Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Photo by: Steven Tee / Motorsport Images

Non deve stupire, quindi, se il rapporto più usato è la settima marcia inserita per il 30% del giro, seguito dall’ottava per il 20%, mentre la gomma sottoposta a più sollecitazioni è la posteriore sinistra in una pista stop-and-go con 7 curve a destra e solo 2 a sinistra.

Per coprire i 71 giri della distanza pari a 306,452 km sono necessari 106 kg di benzina nel serbatoio. Chi dovesse osare di schierarsi con ali più scariche, come è tradizione per la Red Bull, il consumo di carburante dovrebbe risultare inferiore, beneficiando di una minore resistenza all’avanzamento.

Per completare il GP d'Austria bastano 106 kg di benzina

Per completare il GP d'Austria bastano 106 kg di benzina

Photo by: Giorgio Piola

condivisioni
commenti
F1: le cinque domande senza una risposta certa

Articolo precedente

F1: le cinque domande senza una risposta certa

Prossimo Articolo

Gallery F1: ecco come cambia il paddock a porte chiuse

Gallery F1: ecco come cambia il paddock a porte chiuse
Carica commenti
Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia" Prime

Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia"

Nuovo video di analisi tecnica di Motorsport.com. Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano quanto accaduto nel sabato di Austin, con una Red Bull che conquista una pole position e una grande occasione. C'è il rischio di ripetere un finale mondiale come Hill/Schumacher nel '94?

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Formula 1
23 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021