Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Ultime notizie
Formula 1 GP del Canada

F1 | Sauber: in Canada novità per riaprire la lotta a centro gruppo

Sauber si presenterà a Montreal con delle novità tecniche che il team spera possano rappresentare un passo avanti per reinserisi nella lotta di centro gruppo dopo qualche GP difficile. Gli avversari hanno compiuto dei passi in avanti, lasciando la scuderia elevetica in fondo alla classifica a quota zero punti.

Valtteri Bottas, Stake F1 Team Kick Sauber C44

Nel fine settimana del Gran Premio di Monaco, la Williams è stata in grado di conquistare un buon nono posto con Alex Albon, che ha così regalato alla squadra di Grove due preziosi punti in ottica classifica mondiale. La top ten ottenuta dal pilota anglo-tailandese ha però avuto anche un altro effetto, ovvero quello di lasciare la Sauber come unica scuderia ancora a zero punti.

Nonostante nelle prime gare in più occasioni sembrasse avere l’opportunità per avvicinarsi alla top ten, i numerosi problemi durante i pit stop hanno spesso privato il team svizzero della possibilità di giocarsi un arrivo in zona punti, vanificando di fatto il potenziale della macchina.

Nel frattempo i rivali sono cresciuti, in particolare la Racing Bulls, che con gli aggiornamenti portati in Giappone e a Miami ha compiuto un netto balzo in avanti, avvicinandosi in maniera importate alla Aston Martin, rompendo quella barriera che divideva i cinque team di alta fascia da quelli da centro gruppo in poi.

Valtteri Bottas, Kick Sauber C44

Valtteri Bottas, Kick Sauber C44

Foto di: Sauber

Le ultime uscite per la Sauber sono state piuttosto deludenti, dato che la vettura è incappata in una fase difficile, soffrendo da una parte la crescita degli avversari, mentre dall’altra il fatto che la monoposto non si sia adattata particolarmente bene a determinate piste. Ad esempio, negli ultimi appuntamenti la C45 ha spesso trovato l’eliminazione in Q1 con entrambi i piloti, come a Monaco, dove era stata relegata alle ultime file prima della squalifica delle due Haas per un’irregolarità con il DRS.

Partire indietro chiaramente complica notevolmente le possibilità di puntare alla zona punti, per quanto si tratti di un aspetto che la Sauber soffriva già a inizio stagione, dando il meglio di sé in gara. Ma con gli avversari che continuano a crescere, serve spingere sugli sviluppi per riavvicinarsi.

Per la tappa in Canada, il team svizzero dovrebbe portare degli aggiornamenti, utili anche per adattarsi alle esigenze della pista, diversa da quelle affrontate negli ultimi weekend di gara. “Si tratta di novità che sono state pianificate da un po' di tempo. Sarà un altro passo, ma ogni step conta, quindi speriamo di poter colmare il divario con la Williams, magari conquistando qualche punto”, ha spiegato Xavi Pujolar della Sauber, annunciando che la scuderia di Hinwil si presenterà in Canada con altre novità.

La speranza è quella di ravvicinarsi ai rivali più diretti. La Williams sta continuando a spingere dietro le quinte per ridurre il fattore peso, dato che la FW46 è oltre la soglia minima consentita dal regolamento: su un tracciato come Monaco, dove la massa ha un ruolo meno marcato, Albon ha mostrato una parte del potenziale della vettura, raccogliendo due punti. Anche Alpine sta proseguendo il lavoro di sviluppo per rialzarsi dopo un inizio di stagione molto difficile e, così come la Williams, a Monaco è stata in grado di portare una vettura in top ten.

Esteban Ocon, Alpine A524 e Valtteri Bottas, Kick Sauber F1 Team C44

Esteban Ocon, Alpine A524 e Valtteri Bottas, Kick Sauber F1 Team C44

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Anche se Racing Bulls si allontana, Haas, Williams e Alpine sono ancora racchiuse in pochi punti, tema che dà fiducia in casa Sauber, perché con un paio di buone prestazioni la classifica potrebbe cambiare rapidamente. “Penso che, in termini di prestazioni, nessuno dei nostri rivali sia abbastanza lontano da non essere raggiungibile in termini di punti. Al momento, pensiamo ancora che sia possibile, ma sono sicuro che ogni volta sarà una sfida. Ma in termini di prestazioni, siamo tutti molto vicini e magari a un certo punto la situazione si ribalterà, e questo è ciò che stiamo cercando di ottenere”.

Per quanto anche il Canada presenti tante curve lente e chicane a media velocità, si tratta di una sfida diversa da quella di Monaco, perché a Montréal vi sono anche lunghi rettilinei che spingono i team verso scelte differenti in termini di assetto, puntando su qualcosa di più scarico. A cambiare è anche l’asfalto, perché quest’anno è stato rivisto totalmente: ciò potrebbe rappresentare un elemento cruciale durante il fine settimana, perché potrebbe aver eliminato alcuni dei dossi nei punti di staccata. Lo scorso anno, sia a Singapore che a Monza Sauber aveva faticato perché aveva impostato la vettura troppo bassa, per poi rendersi conto che il fondo toccava sulle sconnessioni, dovendo così alzare la macchina.

“In termini di velocità in curva, Montréal è una pista è molto lenta. Non c'è una curva ad alta velocità, ma c'è un rettilineo molto lungo. La velocità in curva è abbastanza simile. Ma il tempo di percorrenza, così come l’asperità dell’asfalto sono differenti da Monaco, speriamo possa essere un’opportunità per noi. Sui cordoli, dal feedback che abbiamo ricevuto dai piloti e da quello che abbiamo visto dai dati, sembra tutto ok. Ma direi anche che i cordoli a Montreal sono un po' diversi. Dovremo vedere. Non è lo stesso tipo di cordoli lì, è più aggressivo”, ha aggiunto Pujolar.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente E' morto Parnelli Jones: ha vinto Indy 500 e in F1 aveva il suo team
Prossimo Articolo F1 | Simulazione Megaride: a Montreal soffrono le gomme posteriori

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia