Russell: "Ero in bagno quando mi ha chiamato Toto!"

George nella prima conferenza stampa da pilota Mercedes sembra più a suo agio di Bottas che è seduto al suo fianco. L'inglese non sembra patire in modo particolare la pressione nel prendere il posto del campione del mondo: "Per fortuna è da tempo che sono coinvolto nel team Mercedes , prima come pilota del simulatore poi come riserva, per cui conosco la squadra, ma ho molte cosa da imparare e faccio fatica a stare in macchina".

Russell: "Ero in bagno quando mi ha chiamato Toto!"
Carica lettore audio

Posizione disinvolta, divisa Mercedes (t-shirt, cappellino, mascherina) ed anche l’orologio del brand che fornisce il team campione del Mondo.

A dirla tutta George Russell sembra essere in Mercedes da sempre, disinvolto con i media anche più di Valtteri Bottas, seduto al suo fianco.

Risposte secche, qualche battuta e la descrizione del momento in cui Toto Wolff lo ha chiamato per informalo della positività di Lewis Hamilton, una notizia a cui subito dopo è seguita la domanda:
“George, te la senti di sostituirlo?”.

Da lì ha preso il via un tour de force conclusosi oggi, ed ora tutto è pronto per scendere in pista.

Hai messo a fuoco la portata di questa opportunità?
“È successo tutto molto in fretta. Sono state 48 ore intense e molto ansiose, ad iniziare da martedì, quando ero in attesa di scoprire se avremmo potuto concludere un accordo con la Williams al fine di avere il nullaosta e devo ringraziarli molto per avermi concesso questa opportunità".

"Quindi, eccomi qui, è da tempo che sono coinvolto nel team Mercedes in vari ruoli, prima come pilota del simulatore, poi come riserva, e questo mi ha consentito di conoscere la squadra, un aspetto che mi aiuterà molto visto il minimo preavviso con cui ho ricevuto questa chiamata. Ovviamente c’è un certo ‘bombardamento’ di informazioni, sto imparando e dovrò ancora imparare diverse cose per poter essere in grado di far bene in pista”.

Quando hai capito che avrebbe potuto esserci questa possibilità?
“Ho ricevuto una telefonata da Toto alle 2 del mattino di martedì… ero sveglio ed ero in bagno, quindi è stato un po’… imbarazzate, ma comunque la situazione non ha creato problemi. Toto mi ha informato che Lewis era positivo al test Covid, ma che stava comunque bene, senza problemi".

"Poi è arrivata la domanda, ovvero mi ha chiesto che da parte sua mi voleva al posto di Lewis, e io ho risposto ovviamente… sì, va bene. Devo dire che subito dopo ho fatto un po' di fatica a dormire, e il giorno successivo (martedì) è stato molto, molto intenso. Ho ricevuto 64 telefonate, un numero imprecisato di messaggi, ma ora sono contento di essere qui e di ciò che mi aspetta”.

Quali obiettivi ti sei posto per il weekend?
“Far del mio meglio come sempre, ma so che sarà incredibilmente difficile. Valtteri ha spinto molto Lewis nel corso degli ultimi anni, so che il mio non sarà un compito semplice ma probabilmente non lo sarebbe per qualsiasi altro pilota".

"Ho capito in questa stagione quanto sia importante essere integrati in una squadra, capirsi al volo con il tuo ingegnere ed è ciò che sto verificando in Williams. Considerando il numero di variabili nuove con cui mi dovrò confrontare questo fine settimana non voglio crearmi obiettivi. Vedremo sessione dopo sessione, spero di far bene e divertirmi”.

Sei molto più alto di Lewis, questo ti crea dei problemi nella posizione di guida?
“È sicuramente molto stretta! Ho qualche problema con i piedi, quindi dovrò indossare un paio di scarpe di taglia più piccola, e non sarà comodissimo, ma credo che potrò sopportare un po' di dolori per avere questa opportunità”.

James Hunt si tagliava le scarpe…
“Ne ho parlato con Bono, ma mi rassicurato sulla possibilità di fare alcune modifiche, ma poi ha precisato: ‘Sono sicuro che possiamo fare alcune modifiche... al tuo corpo!’. Sono fiducioso!”.

Hai pensato anche solo per un istante ‘posso vincere questo fine settimana’? Senti un po' di pressione?
“Da parte mia, non sento una pressione particolare. Come ho detto, affrontare Valtteri non sarà facile, lo so già, ma alla fine credo di essere in una buona posizione. Toto non mi ha messo dei target, in ogni caso è difficile giudicare un pilota basandosi su una gara, sia che vada male o magnificamente. Domani sarà una giornata molto intensa, cercherò di assorbire più informazioni possibili, poi vedremo in qualifiche e gara, e se ne avrò la possibilità, il prossimo weekend ad Abu Dhabi”.

Tra te e Valtteri può sembrare uno shootout per il 2022…
“Ripeto: una gara non può definire il potenziale di un pilota, da parte mia questo aspetto non è minimamente considerato. Uscirò dai box e mi divertirò, farà il mio lavoro e poi so che tornerò alla Williams per dare il mio contributo a far crescere la squadra”.

Hai parlato con Lewis?
“Ci siamo sentiti tramite messaggi, soprattutto per sapere come sta. Credo che gli parlerò nel corso del weekend, ma al momento è in isolamento, quindi non potremo comunque vederci. Ci tengo a sottolineare un altro aspetto: Mercedes al fine di concedermi questa possibilità ha fatto un grande sforzo, nel giro di 24 ore sono arrivati i nuovi caschi, le tute dall’Italia e tante altre cose che sono state completate in tempi velocissimi. È uno sforzo che mi ha colpito, e a cui do grande valore. Spero di poter ripagare la squadra con delle buone prestazioni, indipendentemente da quella che sarà la posizione”.

Cosa ti hanno detto i genitori quando gli hai comunicato la notizia?
“Premetto col dire che non è questo il modo in cui mi ero immaginata la mia prima opportunità di essere al via di un Gran Premio con la Mercedes, è una circostanza molto strana. In merito alla mia famiglia… diciamo incredulità, vivono questo viaggio con me e lo fanno da quando avevo 7 anni. Sono molto contenti, hanno portato di corsa il mio casco alla sede Mercedes di Brackley ma forse hanno scelto quello sbagliato, perché non era omologato… ma sono sicuro che al di là del viaggio a vuoto sia stato comunque un bel viaggio”.

condivisioni
commenti
McLaren: ecco i moduli che compongono il muso
Articolo precedente

McLaren: ecco i moduli che compongono il muso

Prossimo Articolo

Bottas: "Non temo George, sono qui per vincere"

Bottas: "Non temo George, sono qui per vincere"
Carica commenti
Video | Bandiere: quali sono e come funzionano in F1 Prime

Video | Bandiere: quali sono e come funzionano in F1

Le bandiere in Formula 1 hanno molteplici significati: saperle riconoscere ad un primo sguardo è un requisito fondamentale per ogni pilota degno di questo nome. E voi, sicuri di conoscerle tutte? Scopriamolo insieme in questo nostro video

Formula 1
23 gen 2022
Video F1 | Piola: "La Haas senza evoluzioni ha limitato i distacchi!" Prime

Video F1 | Piola: "La Haas senza evoluzioni ha limitato i distacchi!"

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare con la lente d'ingrandimento della tecnica la monoposto presentata dal team Haas nella stagione 2021 di Formula 1. Una vettura dalla storia particolare, che è riuscita - nonostante tutto - a limitare i danni...

Formula 1
21 gen 2022
Video F1 | Piola: "Ecco perché la Williams ha mantenuto la sua identità tecnica" Prime

Video F1 | Piola: "Ecco perché la Williams ha mantenuto la sua identità tecnica"

In attesa delle nuove monoposto, continua l'analisi delle vetture protagoniste della Formula 1 2021. In questo nuovo video di Motorsport.com, la lente d'ingrandimento tecnica di Franco Nugnes e Giorgio Piola è sulla Williams, team che mai come nella passata stagione ha adottato soluzioni inedite...

Formula 1
18 gen 2022
Video | Piola: "Alfa Romeo: buona meccanica ma carente in aero" Prime

Video | Piola: "Alfa Romeo: buona meccanica ma carente in aero"

Alfa Romeo ha investito tutte le proprie risorse in vista della stagione 2022 di Formula 1. Ciononostante, la C41 si è rivelata una monoposto dalla valida base meccanica, come dimostrato tanto da Raikkonen quanto da Giovinazzi, ma carente a livello aerodinamico

Formula 1
16 gen 2022
Video | Piola: “L’Alpine ritrovata dopo il reset in galleria” Prime

Video | Piola: “L’Alpine ritrovata dopo il reset in galleria”

Torniamo a parlare dei team di Formula 1 partecipanti alla stagione 2021 e di come si sono evoluti nel corso dell'anno appena trascorso. Ora tocca all'Alpine: la scuderia di Enstone è tornata alla vittoria in Ungheria e a podio in Qatar, sapendo correggere il tiro in corso d'opera

Formula 1
14 gen 2022
Video F1 | Ceccarelli: “Come vincere le proprie resistenze” Prime

Video F1 | Ceccarelli: “Come vincere le proprie resistenze”

In compagnia di Franco Nugnes, del Dottor Riccardo Ceccarelli e della psicologa Alice Ferrisi di Formula Medicine, in questa puntata di Doctor F1 andiamo ad analizzare e comprendere quelli che sono i comportamenti di un pilota nel suo confronto con i propri limiti

Formula 1
12 gen 2022
Video F1 | Piola: "AlphaTauri più spinta dell'Alpine, meritava il 5° posto" Prime

Video F1 | Piola: "AlphaTauri più spinta dell'Alpine, meritava il 5° posto"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano i dettagli tecnici dell'AlphaTauri. Il team di Faenza, giunto sesto in classifica finale dietro all'Alpine, avrebbe meritato di più da questo 2021. Ecco perchè...

Formula 1
11 gen 2022
Video | Penalità in F1: quali sono e come si ottengono Prime

Video | Penalità in F1: quali sono e come si ottengono

Le penalità in Formula 1 sono tra gli argomenti più discussi dell'ultimo periodo. Spesso e volentieri hanno avuto voce in capitolo per decidere il vincitore di un GP, altre volte addirittura per annullare tutti i punti conquistati in una stagione. Ecco una panoramica approfondita e dettagliata per spiegare chi le commina, perché e di che tipo possono essere

Formula 1
9 gen 2022