Formula 1
G
GP del Bahrain
28 mar
Prove Libere 1 in
24 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
65 giorni
G
GP dell'Azerbaijan
06 giu
Gara in
96 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
104 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
114 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
121 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
135 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
149 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
177 giorni
02 set
Prossimo evento tra
184 giorni
09 set
Prossimo evento tra
191 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
205 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
212 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
219 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
233 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
240 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
276 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
285 giorni

Russell: "Ero in bagno quando mi ha chiamato Toto!"

George nella prima conferenza stampa da pilota Mercedes sembra più a suo agio di Bottas che è seduto al suo fianco. L'inglese non sembra patire in modo particolare la pressione nel prendere il posto del campione del mondo: "Per fortuna è da tempo che sono coinvolto nel team Mercedes , prima come pilota del simulatore poi come riserva, per cui conosco la squadra, ma ho molte cosa da imparare e faccio fatica a stare in macchina".

condivisioni
commenti
Russell: "Ero in bagno quando mi ha chiamato Toto!"

Posizione disinvolta, divisa Mercedes (t-shirt, cappellino, mascherina) ed anche l’orologio del brand che fornisce il team campione del Mondo.

A dirla tutta George Russell sembra essere in Mercedes da sempre, disinvolto con i media anche più di Valtteri Bottas, seduto al suo fianco.

Risposte secche, qualche battuta e la descrizione del momento in cui Toto Wolff lo ha chiamato per informalo della positività di Lewis Hamilton, una notizia a cui subito dopo è seguita la domanda:
“George, te la senti di sostituirlo?”.

Da lì ha preso il via un tour de force conclusosi oggi, ed ora tutto è pronto per scendere in pista.

Hai messo a fuoco la portata di questa opportunità?
“È successo tutto molto in fretta. Sono state 48 ore intense e molto ansiose, ad iniziare da martedì, quando ero in attesa di scoprire se avremmo potuto concludere un accordo con la Williams al fine di avere il nullaosta e devo ringraziarli molto per avermi concesso questa opportunità".

"Quindi, eccomi qui, è da tempo che sono coinvolto nel team Mercedes in vari ruoli, prima come pilota del simulatore, poi come riserva, e questo mi ha consentito di conoscere la squadra, un aspetto che mi aiuterà molto visto il minimo preavviso con cui ho ricevuto questa chiamata. Ovviamente c’è un certo ‘bombardamento’ di informazioni, sto imparando e dovrò ancora imparare diverse cose per poter essere in grado di far bene in pista”.

Quando hai capito che avrebbe potuto esserci questa possibilità?
“Ho ricevuto una telefonata da Toto alle 2 del mattino di martedì… ero sveglio ed ero in bagno, quindi è stato un po’… imbarazzate, ma comunque la situazione non ha creato problemi. Toto mi ha informato che Lewis era positivo al test Covid, ma che stava comunque bene, senza problemi".

"Poi è arrivata la domanda, ovvero mi ha chiesto che da parte sua mi voleva al posto di Lewis, e io ho risposto ovviamente… sì, va bene. Devo dire che subito dopo ho fatto un po' di fatica a dormire, e il giorno successivo (martedì) è stato molto, molto intenso. Ho ricevuto 64 telefonate, un numero imprecisato di messaggi, ma ora sono contento di essere qui e di ciò che mi aspetta”.

Quali obiettivi ti sei posto per il weekend?
“Far del mio meglio come sempre, ma so che sarà incredibilmente difficile. Valtteri ha spinto molto Lewis nel corso degli ultimi anni, so che il mio non sarà un compito semplice ma probabilmente non lo sarebbe per qualsiasi altro pilota".

"Ho capito in questa stagione quanto sia importante essere integrati in una squadra, capirsi al volo con il tuo ingegnere ed è ciò che sto verificando in Williams. Considerando il numero di variabili nuove con cui mi dovrò confrontare questo fine settimana non voglio crearmi obiettivi. Vedremo sessione dopo sessione, spero di far bene e divertirmi”.

Sei molto più alto di Lewis, questo ti crea dei problemi nella posizione di guida?
“È sicuramente molto stretta! Ho qualche problema con i piedi, quindi dovrò indossare un paio di scarpe di taglia più piccola, e non sarà comodissimo, ma credo che potrò sopportare un po' di dolori per avere questa opportunità”.

James Hunt si tagliava le scarpe…
“Ne ho parlato con Bono, ma mi rassicurato sulla possibilità di fare alcune modifiche, ma poi ha precisato: ‘Sono sicuro che possiamo fare alcune modifiche... al tuo corpo!’. Sono fiducioso!”.

Hai pensato anche solo per un istante ‘posso vincere questo fine settimana’? Senti un po' di pressione?
“Da parte mia, non sento una pressione particolare. Come ho detto, affrontare Valtteri non sarà facile, lo so già, ma alla fine credo di essere in una buona posizione. Toto non mi ha messo dei target, in ogni caso è difficile giudicare un pilota basandosi su una gara, sia che vada male o magnificamente. Domani sarà una giornata molto intensa, cercherò di assorbire più informazioni possibili, poi vedremo in qualifiche e gara, e se ne avrò la possibilità, il prossimo weekend ad Abu Dhabi”.

Tra te e Valtteri può sembrare uno shootout per il 2022…
“Ripeto: una gara non può definire il potenziale di un pilota, da parte mia questo aspetto non è minimamente considerato. Uscirò dai box e mi divertirò, farà il mio lavoro e poi so che tornerò alla Williams per dare il mio contributo a far crescere la squadra”.

Hai parlato con Lewis?
“Ci siamo sentiti tramite messaggi, soprattutto per sapere come sta. Credo che gli parlerò nel corso del weekend, ma al momento è in isolamento, quindi non potremo comunque vederci. Ci tengo a sottolineare un altro aspetto: Mercedes al fine di concedermi questa possibilità ha fatto un grande sforzo, nel giro di 24 ore sono arrivati i nuovi caschi, le tute dall’Italia e tante altre cose che sono state completate in tempi velocissimi. È uno sforzo che mi ha colpito, e a cui do grande valore. Spero di poter ripagare la squadra con delle buone prestazioni, indipendentemente da quella che sarà la posizione”.

Cosa ti hanno detto i genitori quando gli hai comunicato la notizia?
“Premetto col dire che non è questo il modo in cui mi ero immaginata la mia prima opportunità di essere al via di un Gran Premio con la Mercedes, è una circostanza molto strana. In merito alla mia famiglia… diciamo incredulità, vivono questo viaggio con me e lo fanno da quando avevo 7 anni. Sono molto contenti, hanno portato di corsa il mio casco alla sede Mercedes di Brackley ma forse hanno scelto quello sbagliato, perché non era omologato… ma sono sicuro che al di là del viaggio a vuoto sia stato comunque un bel viaggio”.

McLaren: ecco i moduli che compongono il muso

Articolo precedente

McLaren: ecco i moduli che compongono il muso

Prossimo Articolo

Bottas: "Non temo George, sono qui per vincere"

Bottas: "Non temo George, sono qui per vincere"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP di Sakhir
Sotto-evento Giovedì
Location Sakhir
Piloti George Russell
Team Mercedes
Autore Roberto Chinchero
Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo Prime

Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo

La Casa del Biscione è solo all'apparenza impegnata in F1, ma di ingegneristico non c'è praticamente nulla, mentre nel turismo sono tante le realtà che in questi anni hanno provato a rilanciare il marchio, ma solo coi propri investimenti.

Come i nuovi investitori McLaren hanno già avuto un impatto in F1 Prime

Come i nuovi investitori McLaren hanno già avuto un impatto in F1

L’accordo che McLaren ha concluso l'anno scorso con MSP Sports Capital, che aiuterà il team di Formula 1 a corto di liquidità a pagare per i tanto necessari aggiornamenti delle infrastrutture, punta anche al futuro della Formula 1 stessa, come analizza Stuart Codling di GP Racing.

F1 Stories: W01, la prima Mercedes di Schumacher Prime

F1 Stories: W01, la prima Mercedes di Schumacher

La W01 è la monoposto che rappresenta il ritorno della firma Mercedes in Formula 1, un'assenza che perdurava dal lontano 1955. Ma è anche la vettura che accompagna il ritorno della leggenda Schumacher in un campionato del mondo, nel 2010.

Verstappen: un basso profilo per sorprendere nel 2021? Prime

Verstappen: un basso profilo per sorprendere nel 2021?

L'olandese non si è voluto sbilanciare in occasione del filming day della Red Bull circa le reali potenzialità della RB16B. Pretattica o forse Max è rimasto scottato troppe volte negli anni passati?

Formula 1
27 feb 2021
Alfa Romeo: si sacrifica il 2021 per puntare tutto sul 2022 Prime

Alfa Romeo: si sacrifica il 2021 per puntare tutto sul 2022

Già dalla presentazione si è capito che l'Alfa Romeo deciderà di sacrificare il 2021 e portare pochi sviluppi per puntare tutto sul 2022 e cercare di risalire la china sfruttando il cambiamento regolamentare.

Formula 1
27 feb 2021
F1 Stories: Da Tyrrell a Mercedes, il filo inglese del destino Prime

F1 Stories: Da Tyrrell a Mercedes, il filo inglese del destino

Cos'hanno in comune la Tyrrell e la Mercedes? Molto più di quel che sembra. Infatti, un semplice cambio di residenza della Casa di Stoccarda, ha generato un filo conduttore tra tante squadre diverse tra loro. Un viaggio nella storia della Formula 1 che parte dagli anni Settanta.

Formula 1
27 feb 2021
Gasly: i pro e i contro della permanenza in AlphaTauri Prime

Gasly: i pro e i contro della permanenza in AlphaTauri

Il pilota francese proseguirà la sua esperienza con AlphaTauri anche nel 2021 ed avrà il compito di essere la guida del team di Faenza. Il mancato ritorno in Red Bull dopo un 2020 spettacolare, però, potrebbe segnare il suo futuro.

Formula 1
26 feb 2021
I team di Formula 1 potranno aggirare il budget cap? Prime

I team di Formula 1 potranno aggirare il budget cap?

Il 2021 vedrà alcune modifiche tecniche e regolamentari che potrebbero avere un grande impatto sullo show in pista. Rodi Basso ha analizzato i pro e i contro, con una particolare attenzione alle zone grigie del budget cap.

Formula 1
26 feb 2021