Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia

F1 | Russell: "DRS accorciati senza consultarci, Baku parla da sé"

George Russell ha rivelato che i piloti di Formula 1 non sono stati consultati in merito alle riduzioni delle zone DRS a Baku e ritiene che la carenza di battaglia che ne è derivata "parli da sé".

George Russell, Mercedes-AMG

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Nel secondo anno dell'era delle vetture ad effetto suolo, seguire le altre auto nel traffico è diventato più difficile perché i team hanno trovato il modo di aggiungere deportanza alle loro monoposto, rendendo progressivamente più difficile il sorpasso.

Il poco spettacolare Gran Premio dell'Azerbaijan della scorsa settimana ha evidenziato dolorosamente la mancanza di sorpassi su un circuito cittadino che un tempo era noto per le sfrenate gare di accelerazione lungo il suo caratteristico rettilineo di 2 km.

Nonostante le gare siano diventate più processionali, la FIA ha deciso di accorciare le zone DRS sia in Azerbaijan sia nel Gran Premio di Miami di questo fine settimana, sulla base dei dati relativi agli eventi dello scorso anno.

Le perplessità sulla riduzione delle zone DRS sono state sollevate nella riunione dei piloti di Baku, ma non sono state apportate modifiche e, secondo Russell, la "tiepida" gara di domenica scorsa "parla da sé".

"Credo che tutti noi non abbiamo capito bene perché siano state accorciate", ha detto giovedì a Miami.

"Nessuno di noi è stato consultato o ci è stata chiesta la nostra opinione in merito. E credo che la gara di Baku parli da sola. È chiaro che a Baku era troppo corta".

Nelle ultime gare, inoltre, il degrado degli pneumatici è stato minore, consentendo alla maggior parte dei piloti di completare una sola sosta a Baku con uno stint lunghissimo sulle hard.

La mancanza di varianti strategiche e di degrado degli pneumatici ha ridotto uno dei modi più collaudati per promuovere i sorpassi.

In qualità di direttore della GPDA, Russell vuole discutere con la F1 e la FIA per vedere cosa si può fare per rendere le gare più divertenti.

George Russell, Mercedes F1 W14, Max Verstappen, Red Bull Racing RB19

George Russell, Mercedes F1 W14, Max Verstappen, Red Bull Racing RB19

Photo by: Andy Hone / Motorsport Images

"Sicuramente parleremo di questo con la FIA e la F1, perché vogliamo poter battagliare", ha detto. "Vogliamo essere in grado di combattere come facevamo tutti sui kart, dove non c'era l'aerodinamica. Questo è il sogno finale".

"Credo che il nostro sport abbia preso una bella piega quando sono state introdotte queste nuove vetture, ma ora dobbiamo fare un passo avanti".

Russell non vuole vedere una reazione impulsiva al crescente problema, ma ha sottolineato che il DRS non è l'unico fattore in gioco.

In precedenza, il campione del mondo Max Verstappen ha sottolineato la difficoltà di seguire le auto nelle curve a bassa velocità a causa del peso maggiore e delle sospensioni rigide delle macchine attuali.

Nelle ultime gare, inoltre, il degrado degli pneumatici è stato minore, consentendo alla maggior parte dei piloti di completare una sola sosta a Baku, con uno stint lunghissimo sulle hard.

"Alla fine, tutti noi vogliamo gare più emozionanti e probabilmente ci sono alcuni modi più semplici per raggiungere questo obiettivo nel breve termine", ha aggiunto Russell. "Per quanto riguarda il degrado degli pneumatici, nelle ultime due gare è stato facile fare una sola sosta".

"E quando tutti spingono a tavoletta, le gare sono meno emozionanti. Ovviamente con il DRS siamo andati nella direzione sbagliata. Non ci dovrebbe mai essere una reazione impulsiva, ma ne abbiamo parlato tutti prima della gara di Baku e poi la gara si è rivelata noiosa come tutti ci aspettavamo, per cui...".

"Ovviamente, stiamo spingendo la Pirelli a fornire un pneumatico buono e consistente. E quando è difficile gestire le gomme, ai piloti, me compreso, non piace".

"Ma in un mondo ideale si ha uno pneumatico molto forte, che a un certo punto decade e significa che bisogna fare qualche pit stop in più e darci qualche opportunità diversa".

Carlos Sainz, Ferrari SF-23

Carlos Sainz, Ferrari SF-23

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

Carlos Sainz della Ferrari ritiene che i piloti dovrebbero fare uno sforzo maggiore per cercare di far sentire la loro voce, vista la quasi unanimità sulla questione.

"Non ci è stato chiesto di parlarne e non è emerso nelle riunioni o in una delle commissioni più importanti che si tengono", ha detto. "Stiamo cercando di coinvolgere maggiormente i piloti in queste commissioni, perché credo che alla F1 o alla FIA manchi un po' del nostro feedback".

"Forse non stiamo facendo un lavoro abbastanza buono per essere presenti e dare un feedback".

"Alla fine, quelli che sanno cosa sta succedendo, siamo noi e credo che tutti iniziamo a sentire la stessa cosa, che di solito è creare un'idea di ciò che sta accadendo".

Informazioni aggiuntive di Adam Cooper

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | Alonso certo: "Gli avversari sottovalutano Aston Martin"
Prossimo Articolo F1 | AlphaTauri: la sospensione di Tsunoda si è rotta dopo il pit

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia