Rueda: "Confermare a Imola il buono visto a Portimao"

Iñaki Rueda, Head of Race Strategy del Cavallino, analizza il GP del Portogallo che ha portato Charles Leclerc al quarto posto e Sebastian Vettel al decimo. La Ferrari è parsa in crescita con il completamento del pacchetto aerodinamico che è stato introdotto a Sochi. La SF1000 ha adottato anche delle soluzioni per facilitare il riscaldamento delle gomme, un'area di sofferenza della Rossa specie con le basse temperature.

Rueda: "Confermare a Imola il buono visto a Portimao"

Il quarto posto di Charles Leclerc nel GP del Portogallo è di buon auspicio per quello dell’Emilia Romagna che è in programma a Imola nel weekend. Per capire con quali prospettive la Ferrari si prepara all’appuntamento all’Enzo e Dino Ferrari che si disputerà solo in due giorni, sabato e domenica.

Iñaki Rueda, Head of Race Strategy del Cavallino, ci spiega che in realtà la F1 si è preparata al GP corto con le prove libere del venerdì annullate al Nurburgring per il GP dell’Eifel e quelle molto accorciate a Portimao…

Inaki Rueda, tattico della Ferrari

Inaki Rueda, tattico della Ferrari

Photo by: Ferrari


“Tanto lavoro da fare e davvero poco tempo a disposizione, anche a causa di un paio di interruzioni che hanno praticamente ridotto al minimo la possibilità di provare le varie mescole sulla lunga distanza. Inoltre, l’asfalto era stato recentemente rifatto, il che ha introdotto una variabile in più per noi ingegneri”.

Le mescole scelte dalla Pirelli sono state le più dure…
“La scelta è stata giustamente la più conservativa possibile, con le tre mescole più dure – dalla C1 alla C3 – del range a disposizione e anche con la sostituzione di un set di Soft con uno di Hard. Due i problemi principali che sapevamo di dover affrontare con le gomme: il graining e il warm-up. Pensavamo che la mescola più morbida avrebbe sofferto particolarmente per il primo dei due mentre con le Medium e le Hard avremmo fatto molta fatica a mandarle nella giusta temperatura d’esercizio, sia in qualifica che in gara dopo la partenza e dopo i pit-stop”.

“Per questo motivo abbiamo lavorato molto insieme ai piloti per preparare al meglio le gomme, facendo una tornata in più del solito prima di lanciarsi per il giro cronometrato. Lo abbiamo fatto bene in Q1 con le Soft e poi in Q2 abbiamo fatto il primo tentativo con le Medium sia con Charles che con Sebastian, anche perché la differenza di prestazione con le Soft non era così netta”.

“In Q2 abbiamo quindi deciso di fare un primo run più lungo del solito, con il primo tentativo preceduto da un giro preparatorio e poi, dopo un giro più lento, un secondo tentativo. Per Charles, che era stato veloce già nel primo run, la C2 era una scelta chiara, per Sebastian lo era di meno, ma il pilota aveva comunque un feeling migliore con questa mescola: purtroppo però non è riuscito a passare il taglio. Charles invece passando il turno con le Medium – solo i due della Mercedes hanno fatto altrettanto -  si era garantito un vantaggio strategico per la gara su molti degli avversari diretti e ha poi completato il lavoro in Q3 con una bellissima quarta posizione”.

Lando Norris, McLaren MCL35, Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C39, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, e Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Lando Norris, McLaren MCL35, Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C39, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, e Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

Il problema di mandare in temperatura le gomme si è ripresentato in partenza…
“Sì, acuito anche da un breve scroscio di pioggia, iniziata a cadere nel giro di formazione. Le prime tornate sono state difficilissime per tutti i piloti con le Medium. Charles ha perso tante posizioni mentre Sebastian ne ha perse di meno ma qualcuna cruciale in termini di strategia”.

“Una volta entrate nella giusta temperatura d’esercizio le gomme, Charles ha iniziato a riprendersi il terreno perduto riportandosi abbastanza agevolmente in quarta posizione. Da lì in avanti la sua è stata una gara molto accorta e regolare. Il momento più delicato avrebbe potuto essere il pit-stop perché, passando alle Hard – anch’esse soggette a difficoltà di warm-up – avrebbe potuto essere esposto ad eventuali attacchi nel primo giro, senza considerare il fatto che la configurazione dell’uscita della pit-lane creava uno svantaggio ancora maggiore per chi usciva dai box nelle prime curve. È per questo che la sosta di Charles è avvenuta qualche giro prima del necessario: abbiamo così “coperto” la rimonta di Perez, che si è avvicinato per un paio di tornate ma poi ha riperso terreno una volta che le Hard sono andate in temperatura”.

Dettaglio del fondo Ferrari SF1000 con le regole del 2021

Dettaglio del fondo Ferrari SF1000 con le regole del 2021

Photo by: Giorgio Piola

In Portogallo sono state introdotte solo delle novità aerodinamiche?
“A Portimão abbiamo completato un programma di sviluppi che era iniziato a Sochi. In particolare, in Portogallo abbiamo introdotto un nuovo fondo e un diffusore, che avremmo già voluto testare al Nürbugring ma non avevamo potuto farlo a causa della pioggia. Inoltre, abbiamo sperimentato una configurazione della parte terminale del fondo per riprodurre le condizioni di carico che avremo nel 2021 dopo le recenti modifiche al regolamento tecnico e anche alcune soluzioni che ci dovrebbero consentire di migliorare il riscaldamento degli pneumatici, un’area su cui abbiamo sofferto quest’anno soprattutto con le basse temperature che incontriamo in questa strana stagione 2020”.

“Direi che il responso è stato positivo, tanto è vero che gli aggiornamenti sono stati montati su entrambe le vetture. Ora dobbiamo confermare quanto di buono si è visto a Portimão anche in questo fine settimana ad Imola, in un altro weekend insolito, visto che è strutturato su due giorni. Non che non sia già accaduto – a causa delle condizioni meteorologiche che hanno cancellato sessioni o rimandate al giorno successivo – ma sarà comunque un’esperienza diversa. Chissà che non sia un’opportunità in più per fare bene”.

condivisioni
commenti
Calendario F1 2021: la bozza propone 23 appuntamenti

Articolo precedente

Calendario F1 2021: la bozza propone 23 appuntamenti

Prossimo Articolo

F1: ecco perchè non si è scatenata la guerra dei motori

F1: ecco perchè non si è scatenata la guerra dei motori
Carica commenti
Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus Prime

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus

Nel 1991, mentre Michael Schumacher debuttava in F1 al volante di una Jordan competitiva, Hakkinen faceva il suo esordio alla guida di una Lotus ormai in declino. Mark Gallagher ricorda come il finlandese riuscì ugualmente ad impressionare il paddock.

Formula 1
22 set 2021
Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

Formula 1
22 set 2021
BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021