F1 | Roll bar: la FIA pronta a imporre test più severi dal 2023

La FIA è pronta a mettere a punto i piani per i test di carico più severi per le vetture di Formula 1 del 2023 in una riunione con i direttori tecnici delle scuderie che si terrà mercoledì.

F1 | Roll bar: la FIA pronta a imporre test più severi dal 2023
Carica lettore audio

L'organo di governo ha promesso di imporre test più severi come diretta conseguenza dell'incidente di Guanyu Zhou al GP di Gran Bretagna nel corso del quale il roll hoop dell'Alfa Romeo del pilota cinese ha ceduto dopo il ribaltamento della monoposto e l’impatto con l’asfalto con una forza superiore a quella prevista.

Da allora l'Alfa Romeo lavora a stretto contatto con la FIA ed anche gli altri team sono stati consultati e hanno chiesto un feedback su potenziali modifiche nella scrittura dei regolamenti.

L'argomento sarà discusso in una riunione appositamente convocata del comitato tecnico consultivo della FIA, guidato dal responsabile delle monoposto Nikolas Tombazis.

Uno dei possibili risultati potrebbe essere l'abbandono del design "a spillo finora consentito dal regolamento. L'Alfa Romeo è l'unico team che lo utilizza nel 2022.

Qualsiasi modifica alle regole deve essere confermata al più presto per consentire ai team di avere il tempo sufficiente per garantire che i loro telai del 2023 siano conformi ai test più severi. Tuttavia una complicazione potrebbe essere rappresentata dal fatto che alcuni team hanno preso in considerazione l'idea di riutilizzare i telai del 2022 per risparmiare risorse finanziarie, mentre ora dovranno adattarsi.

Parlando al recente GP di Francia, il direttore tecnico dell'Alfa Romeo Jan Monchaux ha confermato che la squadra svizzera ha collaborato strettamente con la FIA.

"L'analisi è ancora in corso, stiamo lavorando fin dal primo giorno con la FIA per cercare di ricostruire l'incidente e valutare tutto al meglio", ha dichiarao quando è stato interpellato da Motorsport.com sui progressi compiuti”.

Alfa Romeo C42 di Zhou Guanyu dopo l'incidente

Alfa Romeo C42 di Zhou Guanyu dopo l'incidente

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

"Non è un compito facile vista le forze in gioco. Le indagini interne non sono ancora del tutto concluse, quindi non rivelerò nulla. Se qualcuno rivelerà qualcosa, sarà la FIA”.

"Nel frattempo la FIA ha chiesto a tutti i team di fornire un feedback, imponendo diversi carichi sui rispettivi roll hoop, per capire potenzialmente dove c'è un margine di miglioramento”.

"I carichi imposti dalle regole prevedono alcuni vettori in cui è necessario applicare una forza sulla parte anteriore e posteriore del roll hoop che, potenzialmente, non è più adeguata per il tipo di incidente che abbiamo avuto dove la vettura scivola ed quindi sottoposta ad un impatto piatto più che ad uno verticale”.

"Quindi potrebbero esserci dei cambiamenti in futuro, ma credo che la FIA si pronuncerà prima della pausa estiva con nuove raccomandazioni e test aggiuntivi. Dobbiamo vedere cosa trarranno dal feedback di tutti i team".

Il direttore tecnico della McLaren, James Key, ha riconosciuto che le forze coinvolte nell'incidente di Zhou erano senza precedenti.

"Mi rendo conto che è molto complicato cercare di ricavare dei casi di carico da questa situazione, ma la FIA sta lavorando duramente per aiutare i team a elaborare un nuovo test”.

“Si è trattato di una situazione piuttosto spaventosa, con una serie di condizioni uniche, e qualsiasi cosa del genere porterà sempre a nuove conclusioni dal punto di vista della sicurezza, e questo è esattamente ciò che i team e la FIA stanno discutendo per il prossimo anno".

"Sospetto che, come è stato detto, avremo una forma di test di carico laterale aggiuntivo o qualcosa di simile che dovremo superare per il 2023".

Leggi anche:
condivisioni
commenti
F1 | Binotto: "Alcuni problemi saranno risolti nel 2023"
Articolo precedente

F1 | Binotto: "Alcuni problemi saranno risolti nel 2023"

Prossimo Articolo

F1 | Wolff predica calma: "Forti in Ungheria, ma forse è un caso"

F1 | Wolff predica calma: "Forti in Ungheria, ma forse è un caso"