Formula 1
30 apr
-
03 mag
Canceled
21 mag
-
24 mag
Canceled
04 giu
-
07 giu
Postponed
11 giu
-
14 giu
Postponed
25 giu
-
28 giu
Postponed
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
105 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
147 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
161 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
175 giorni

Retroscena Mercedes: Wolff voleva correre, Kallenius no!

condivisioni
commenti
Retroscena Mercedes: Wolff voleva correre, Kallenius no!
Di:
14 mar 2020, 06:35

Nel meeting al Crown Hotel quattro squadre erano contrarie a disputare il GP (McLaren, Ferrari, Alfa Romeo e Renault) e quattro intenzionate a scendere in pista (Red Bull, AlphaTauri, Racing Point e... Mercedes). Astenute Haas e Williams. Poi una telefonata del presidente Daimler ha fatto cambiare idea a Toto Wolff.

“La notte del Crown Hotel” sembra il titolo di un film, e forse questa storia un po' ad un film ci assomiglia davvero.

La trama ha tutto ciò che serve, intrighi, colpi di scena, schieramenti contrapposti ed attori protagonisti, e c’è anche chi all’improvviso (con una telefonata) cambia le carte in tavola. Procediamo con ordine.

Dopo la decisione della McLaren di ritirarsi dal weekend di gara, a causa della positività al test Coronavirus di un suo tecnico presente in pista, poco dopo la mezzanotte di giovedì sera di Melbourne (quindi di fatto venerdì) i team principal di Formula 1 si sono incontrati in una sala del Crown Hotel di Melbourne per valutare il da farsi a poche ore dalla prima giornata di attività in pista del Mondiale 2020.

Prima ancora di sedersi intorno al tavolo, alcune posizioni erano già molto chiare. Ovviamente quella della McLaren, che aveva già dichiarato il suo ritiro dal weekend australiano, ma non solo.

Alla luce della notizia confermata dal team inglese, Mattia Binotto aveva già deciso di non esporre ad alcun rischio i componenti del team Ferrari, quindi di fatto la Scuderia (indipendentemente dalle decisioni che sarebbero state prese nel meeting) non avrebbe comunque preso parte al Gran Premio d’Australia.

Una conferma della scelta Ferrari è arrivata anche dalla decisione di Sebastian Vettel, tornato in Europa nella notte ben prima che venisse ufficializzata la cancellazione della gara.

Per procedere all’annullamento dell’evento era però necessario certificare la decisione di non scendere in pista di almeno cinque squadre, come recita l’articolo 5.7 del regolamento sportivo:
“Un evento può essere cancellato se sono schierabili in pista meno di 12 monoposto”.

Una prassi? Non proprio. All’inizio del meeting, solo quattro squadre hanno confermato la volontà di non disputare il Gran Premio, ovvero Ferrari, McLaren, Alfa Romeo e Renault.

Dall’altra parte del tavolo il gruppo di chi spingeva per scendere regolarmente in pista era composto da Red Bull, Alpha Tauri, Racing Point e… Mercedes.

Il team campione del Mondo era favorevole ad iniziare l’attività disputando le due sessioni di prove libere di venerdì, valutando poi il da farsi a fine giornata. Con Williams e Haas schieratesi a favore di quella che sarebbe stata la maggioranza (di fatto astenute), si è innescata una situazione di stallo che si è protratta a lungo, senza cambiamenti di posizioni.

Potenzialmente c’era quindi la possibilità di vedere dodici vetture regolarmente in pista venerdì mattina, ma a cambiare gli equilibri è stata una telefonata: da una parte Toto Wolff, dall’altra Ola Kallenius, presidente del consiglio di amministrazione del gruppo Daimler.

La chiamata del manager svedese avrebbe riguardato i timori per la salute del personale della squadra in seguito alla notizia confermata dalla McLaren.

Dopo aver fatto il punto della situazione con Kallenius, Wolff è tornato al tavolo in cui era in corso il confronto cambiando posizione.

Con la Mercedes passata nello schieramento di chi era contrario allo svolgimento del weekend, il numero di monoposto minimo per poter garantire lo svolgimento del weekend è mancato, e la FIA ha così iniziato la procedura per l’annullamento.

La storia è proseguita con una curiosa coda mediatica. La Federazione Internazionale ha ufficializzato la cancellazione del Gran Premio d’Australia attraverso un comunicato stampa inviato alle ore 9 in punto locali, tutto come da programma se non fosse che tre minuti prima era già giunto ai media un comunicato Mercedes in cui il team ha sottolineato di “aver inviato una lettera al FIA e alla Formula 1 chiedendo la cancellazione del Gran Premio d'Australia 2020 (…) la salute fisica e mentale e il benessere dei membri del nostro team e della più ampia comunità di F1 sono la nostra priorità assoluta”.

Una mossa che ha indispettito non poco le altre squadre, sia per la tempistica che per il contenuto. Nessuno degli altri team ha infatti riportato di aver inviato lettere alla FIA, limitandosi a sottolineare il sostegno alle scelte della Federazione Internazionale.

“Diciamo una mossa furbetta - ha commentato un addetto ai lavori – anticipano le comunicazioni FIA e sostengono di essere stati loro a far pressione per abolire la gara. Beh, poche ore prima erano proprio loro in prima fila per scendere in pista…”.

Scorrimento
Lista

Toto Wolff, Executive Director (Business), Mercedes AMG, e Mattia Binotto, Team Principal Ferrari

Toto Wolff, Executive Director (Business), Mercedes AMG, e Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
1/20

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Mercedes F1 W11

Mercedes F1 W11
2/20

Foto di: Giorgio Piola

Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1

Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1
3/20

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1

Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1
4/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Nicholas Latifi, Williams Racing, Sebastian Vettel, Ferrari, Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1, e Daniel Ricciardo, Renault F1 in conferenza stampa

Nicholas Latifi, Williams Racing, Sebastian Vettel, Ferrari, Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1, e Daniel Ricciardo, Renault F1 in conferenza stampa
5/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Il team Mercedes inizia a fare i bagagli nella corsia dei box

Il team Mercedes inizia a fare i bagagli nella corsia dei box
6/20

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

L' attrezzatura nel garage Mercedes imballata e pronta per essere portata via

L' attrezzatura nel garage Mercedes imballata e pronta per essere portata via
7/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Ron Meadows, Sporting Director, Mercedes AMG

Ron Meadows, Sporting Director, Mercedes AMG
8/20

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1

Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1
9/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Dettagli freno posteriore della Mercedes F1 W11

Dettagli freno posteriore della Mercedes F1 W11
10/20

Foto di: Giorgio Piola

Il numero di Valtteri Bottas sulla Mercedes F1 W11

Il numero di Valtteri Bottas sulla Mercedes F1 W11
11/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

il logo della INEOS sulla carrozzeria della Mercedes F1 W11

il logo della INEOS sulla carrozzeria della Mercedes F1 W11
12/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Mercedes W11: ecco il DAS montato per il GP d'Australia

Mercedes W11: ecco il DAS montato per il GP d'Australia
13/20

Foto di: Giorgio Piola

Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1, in conferenza stampa

Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1, in conferenza stampa
14/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Dettagli pance Mercedes F1 W11

Dettagli pance Mercedes F1 W11
15/20

Foto di: Giorgio Piola

Dettagli retotreno Mercedes F1 W11

Dettagli retotreno Mercedes F1 W11
16/20

Foto di: Giorgio Piola

Dettagli sospensione anteriore Mercedes F1 W11

Dettagli sospensione anteriore Mercedes F1 W11
17/20

Foto di: Giorgio Piola

Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1

Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1
18/20

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Tifosi Mercedes e McLaren

Tifosi Mercedes e McLaren
19/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari and Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1 in conferenza stampa

Sebastian Vettel, Ferrari and Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1 in conferenza stampa
20/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Video correlati

Prossimo Articolo
I momenti salienti della Ferrari e dei piloti italiani al GP di Francia nella storia

Articolo precedente

I momenti salienti della Ferrari e dei piloti italiani al GP di Francia nella storia

Prossimo Articolo

Mercedes rompe il fronte anti-Ferrari: fine alla guerra!

Mercedes rompe il fronte anti-Ferrari: fine alla guerra!
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP d'Australia
Location Melbourne Grand Prix Circuit
Autore Roberto Chinchero