Retroscena Mercedes: strategia sbagliata col timore gomme

Se il team di Brackley avesse seguito la strategia di Vettel con Hamilton, la squadra campione del mondo avrebbe potuto lottare per la vittoria, ma i tecnici della Stella temevano che le gomme hard non tenessero fino alla fine, senza le Safety Car. E così è arrivata la terza sconfitta di fila!

Retroscena Mercedes: strategia sbagliata col timore gomme

Quanto sembra lontano l’inizio delle scorse vacanze estive? La Mercedes non vince da quasi due mesi, e non parliamo della pausa invernale. Trattandosi del team campione del Mondo è una notizia, ed anche se tra qualche gara inizieranno i festeggiamenti per i titoli Mondiali, si legge chiaramente sul volto di Toto Wolff che la situazione inizia ad infastidirlo.

Dalla ripresa del campionato dopo la pausa estiva, il bilancio è di zero pole position e zero vittorie, nonostante la consapevolezza di avere (in gara) la monoposto complessivamente più performante, ma solo in caso di gara lineare e senza imprevisti.

Nel box del team di Brackley sapevano che senza un colpaccio in partenza (o errori altrui) sarebbe stata dura, ma la Mercedes ha avuto la chance di poter vincere il Gran Premio, solo che questa volta non è stata colta.

L’opportunità era l’undercut, ovvero l’anticipo di un giro del pit-stop rispetto all’avversario da cui si è preceduti, che a Marina Bay si è confermato incredibilmente buono: valeva ben tre secondi e mezzo!

Se Hamilton fosse stato chiamato ai box nello stesso giro di Vettel e Verstappen, molto probabilmente Lewis avrebbe lottato per la vittoria del Gran Premio, con l’unica incognita legata alla difficoltà nel portare le gomme hard in temperatura, situazione che si è presentata in ben tre occasioni a causa delle altrettante ripartenze dalla safety car.

Ma gli strateghi Mercedes hanno esitato per due motivi. Non si sono fidati della durata delle gomme hard, che secondo i calcoli del team avrebbero dovuto creare problemi nelle fasi finali della corsa.

Le tre interruzioni in regime di safety car, invece, sono state una manna per chi temeva usura e degrado, ed in effetti nonostante oltre dieci giri percorsi dietro la vettura di servizio, nelle tornate conclusive la Red Bull di Verstappen ha evidenziato problemi con gli pneumatici posteriori.

La decisione di lasciare Hamilton in pista fino al giro 26 (scelta costata a Lewis il podio) è stata presa anche per la mancanza di riferimenti velocistici nel primo terzo di gara, percorso ad andatura turistica.

Nessuno conosceva con precisione il ritmo degli avversari diretti, e in Mercedes hanno probabilmente ritenuto difficile che Vettel e Leclerc (dopo il pit-stop) potessero farsi strada tra vetture più lente senza perdere molto tempo, ipotesi poi smentita dal ritmo delle due Ferrari.

Quando Leclerc al giro 19 ha effettuato il suo pit-stop, Hamilton era a meno di un secondo dal monegasco, margine diventato di oltre undici secondi dopo la sosta di Lewis al giro 26.

“Quando si è fermato Verstappen potevamo decidere di coprire Max o provare a vincere – ha commentato Toto Wolff – avevamo una piccola possibilità di tentare il colpo ma alla fine abbiamo sacrificato un podio. È stata una scommessa, ma oggi non è andata bene”.

È bene sottolineare che grazie ad una classifica Mondiale a dir poco solida, la Mercedes può permettersi tutti gli azzardi del caso senza rischiare di pagare un prezzo che vada oltre il bottino di tappa, ma la gara di Singapore ha evidenziato che quando si è sotto pressione anche professionisti che svolgono normalmente un lavoro egregio possono prendere una decisione che sotto la bandiera a scacchi si rivela errata.

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
1/15

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, precede Sebastian Vettel, Ferrari SF90, e Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, precede Sebastian Vettel, Ferrari SF90, e Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
2/15

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, precede Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, precede Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
3/15

Foto di: Lionel Ng / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
4/15

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Il musetto dell'auto di Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Il musetto dell'auto di Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
5/15

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, ispeziona l'auto diLewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, al Parc Ferme

Sebastian Vettel, Ferrari, ispeziona l'auto diLewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, al Parc Ferme
6/15

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
7/15

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
8/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, parla con Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1

Sebastian Vettel, Ferrari, parla con Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
9/15

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
10/15

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, parla con Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1

Sebastian Vettel, Ferrari, parla con Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
11/15

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
12/15

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
13/15

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
14/15

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Toto Wolff, Executive Director (Business), Mercedes AMG, guarda le Qualifiche con Jean Todt, President, FIA

Toto Wolff, Executive Director (Business), Mercedes AMG, guarda le Qualifiche con Jean Todt, President, FIA
15/15

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Giovinazzi penalizzato di 10 secondi, ma resta decimo

Articolo precedente

Giovinazzi penalizzato di 10 secondi, ma resta decimo

Prossimo Articolo

Binotto: "Pensato lo scambio di posizioni, non lo abbiamo fatto"

Binotto: "Pensato lo scambio di posizioni, non lo abbiamo fatto"
Carica commenti
Piola: "Ferrari e Alpha Tauri cambiano il marciapiede" Prime

Piola: "Ferrari e Alpha Tauri cambiano il marciapiede"

La Formula 1 arriva in Francia, sul tracciato del Paul Ricard. Franco Nugnes e Giorgio Piola, analizzano con la lente d'ingrandimento i primi e nuovi dettagli tecnici presenti sulle monoposto.

Alonso: ecco perché è ancora una stella della Formula 1 Prime

Alonso: ecco perché è ancora una stella della Formula 1

Lo spagnolo ha parlato con Motorsport.com del suo ritorno in Formula 1, smentendo le critiche che lo hanno accompagnato negli ultimi appuntamenti e puntando con decisioni ad un futuro di successi grazie anche alla rivoluzione regolamentare.

Mara Sangiorgio: "La mia carriera? Decisa da uno sliding door" Prime

Mara Sangiorgio: "La mia carriera? Decisa da uno sliding door"

In questa puntata de "Il Rosa dei Motori", Beatrice Frangione intervista Mara Sangiorgio, giornalista e pit reporter per la Formula 1 di Sky Sport. Una grande passione per la scrittura che l'accompagna sin da quando era solo una bambina, la conduce alle porte degli studi giornalistici. Dall'Italia a New York, Mara muove i primi passi dentro il mondo dei suoi sogni. Mai avrebbe pensato di raccontare lo sport, fino a quando...

Ceccarelli: “Dal Ricard monitoro anche meccanici e ingegneri” Prime

Ceccarelli: “Dal Ricard monitoro anche meccanici e ingegneri”

Torna l'appuntamento fisso della rubrica del mercoledì mattina firmata Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci parlano dell'imminente Gran Premio di Francia di Formula 1, dove il medico andrà a monitorare una nuova serie di parametri non solo dei piloti

Formula 1
16 giu 2021
F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti Prime

F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti

Le monoposto di Formula 1 sono diventate troppo grosse e pesanti e questo si è visto non solo a Monaco, circuito ormai troppo stretto per le moderne monoposto, ma anche a Baku dove i problemi alla gomme sono derivati anche dagli enormi sforzi richiesti alle gomme.

Formula 1
15 giu 2021
F1 2021: si scaldano i motori... via Play Station Prime

F1 2021: si scaldano i motori... via Play Station

Andiamo a dare uno sguardo da vicino alle prime immagini in-game di F1 2021, nuovo videogame ufficiale della Formula 1 ambientato in questa stagione

Formula 1
15 giu 2021
AlphaTauri: una squadra che si trova nel centro di gravità Prime

AlphaTauri: una squadra che si trova nel centro di gravità

Il team diretto da Franz Tost con il podio di Pierre Gasly a Baku si è portato al quinto postonella classifica del mondiale Costruttori. Anche l'esuberante Yuki Tsunoda, il talentuoso rookie giapponese, comincia a contribuire alla causa, dopo troppi errori. A Faenza assolvono al meglio il ruolo di junior team e, pur con alti e bassi, possono sfidare due marchi ufficiali come Aston Martin e Alpine disponendo di risorse molto inferiori.

Formula 1
14 giu 2021
F1: Il costo umano richiesto da un calendario di 23 gare Prime

F1: Il costo umano richiesto da un calendario di 23 gare

In questa stagione la Formula 1 sta cercando di rispettare il calendario previsto con 23 appuntamenti, ma l'espansione dei gran premi ha un costo umano che alla lunga non potrà più essere sostenibile.

Formula 1
14 giu 2021