Retroscena Mercedes: errore del team su Hamilton!

Lewis avrebbe potuto salire sul podio se il team di Brackley avesse dato l'ordine a Valtteri di far passare Hamilton già penalizzato di 5 secondi, ma Wolff non se l'è sentita di invertire le posizioni regalando il terzo posto per un decimo.

Retroscena Mercedes: errore del team su Hamilton!

In un weekend comunque trionfale per la Mercedes ci sono stati due errori costati a Lewis Hamilton la seconda posizione. La svista più vistosa è stata indubbiamente quella del campione del Mondo, che ha concesso spazio ad Alexander Albon all’esterno della curva 4, permettendo al pilota della Red Bull di entrare. Hamilton non ha lasciato lo spazio che avrebbe potuto lasciare, e il collegio del Commissari Sportivi lo ha penalizzato di cinque secondi. Ma non è stato solo il campione del Mondo a sbagliare.

Dopo l’ufficializzazione della penalità (a cinque giri dal termine) Lewis è transitato sul traguardo a meno di due secondi da Bottas, e a quel punto per assicurarsi la terza posizione aveva bisogno di arrivare sotto la bandiera a scacchi con più di cinque secondi di vantaggio su Leclerc e Norris. Hamilton ci ha provato, ma il problema è stato però Bottas.

Arrivato a meno di un secondo dal compagno di squadra, Lewis avrebbe avuto bisogno di strada libera per spingere al massimo e garantirsi il margine di sicurezza, ma dietro Bottas non ha potuto far altro che girare al ritmo del finlandese. Il quale, con il successo ormai in tasca, non aveva certo interesse a spingere al massimo.

Solo il muretto Mercedes avrebbe potuto cambiare la situazione, ordinando a Valtteri di lasciare spazio al compagno di squadra, ma l’ordine non è arrivato.

Hamilton nei giri 67 e 68 ha girato sotto il minuto e otto secondi (1’07”712 poi 1’07”916), poi una volta raggiunto Bottas ha girato nei tempi del finlandese, il quale dopo aver ottenuto al giro 68 il suo giro più veloce (1’07”657) ha alzato il ritmo girando negli ultimi tre giri in 1’08”584, 1’08”419 e 1’08”203. Alle sue spalle di Hamilton sia Leclerc che Norris hanno spinto al massimo, con Lando capace di siglare il giro più veloce della corsa nell’ultima tornata di gara, exploit che gli ha permesso di togliere a Hamilton la terza posizione per un decimo di secondo.

“C'è stata una discussione – ha spiegato Toto Wolff - ma era una situazione confusa. Abbiamo fatto qualcosa del genere a Budapest molti anni fa e rischiammo di essere quasi sorpassati da Verstappen. Avrei dovuto spiegare a Valtteri cosa stava succedendo, che Lewis aveva una penalità di cinque secondi, troppa complessità per fare un tale passaggio, troppi rischi”.

Senza alcun dubbio Hamilton avrebbe potuto ottenere la terza posizione, resta invece qualche interrogativo in più sulla possibilità di poter rispondere al ritmo di Leclerc, che nei giri finali ha potuto disporre di gomme medie fresche, montate al giro 51, contro le hard di Lewis utilizzate dal giro 26, ma parliamo pur sempre della Mercedes di Hamilton, e non averci provato non avrà fatto certo piacere al campione del Mondo.

condivisioni
commenti
Norris incredulo: "La McLaren ha fatto un passo avanti enorme"

Articolo precedente

Norris incredulo: "La McLaren ha fatto un passo avanti enorme"

Prossimo Articolo

Hamilton: "Accetto la penalità, ma era un contatto di gara"

Hamilton: "Accetto la penalità, ma era un contatto di gara"
Carica commenti
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021