F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

F1 | Red Bull: tagliato il flap mobile per ridurre il drag

La monoposto di Milton Keynes eccelle nei rettilinei per l'efficienza aerodinamica della RB18 che si esalta sui rettilinei: anche su una pista come quella di Monza i tecnici di Adrian Newey hanno cercato di ridurre la resistenza aerodinamica con un flap mobile che è stato tagliato nel bordo d'uscita.

F1 | Red Bull: tagliato il flap mobile per ridurre il drag
Carica lettore audio

Monza è la pista che più di ogni altra, insieme a Spa-Francorchamps, dovrebbe esaltare le doti della Red Bull: la monoposto disegnata da Adrian Newey si esalta sui tracciati veloci dove ci sono lunghi rettilinei, mettendo in mostra oltre a un'efficienza aerodinamico invidiabile, anche la capacità di sfruttare il DRS aperto come nessun altro, toccando velocità di punta che non sono direttamente comparabili con la migliore concorrenza.

Siccome nel "tempio della velocità" il carico aerodinamico non conta, le squadre deliberano delle vesti aerodinamiche il più scariche possibile.

Sulla RB18, che già dispone di un'ala posteriore solitamente molto scarica, i tecnici diretti da Pierre Waché hanno scelto una configurazione del profilo principale posteriore che mantiene un minimo disegno a cucchiaio, salvo ridurre sensibilmente la superficie del flap mobile che è stato tagliato nel bordo d'uscita per ridurre la resistenza all'avanzamento.

L'efficacia del DRS su una pista come quella di Monza è minore che su altri tracciati, per cui non deve stupire se a Milton Keynes hanno lavorato per ridurre il drag anche quando l'ala non è aperta.

condivisioni
commenti
F1 | Fan Zone sotto sigillo, si tenta l'ennesimo dissequestro
Articolo precedente

F1 | Fan Zone sotto sigillo, si tenta l'ennesimo dissequestro

Prossimo Articolo

F1 | Ferrari: si ripropone l'ala posteriore bocciata a Spa

F1 | Ferrari: si ripropone l'ala posteriore bocciata a Spa