Red Bull: si pensa la PU 4 per Verstappen già a Sochi?

La squadra di MIlton Keynes potrebbe sfruttare le tre posizioni di penalizzazione di Max in griglia di partenza per il crash di Imola, per introdurre sulla RB16B dell'olandese il quarto motore stagionale. In questo caso l'arancione sarebbe costretto a partire dal fondo dello schieramento. Anche in Mercedes valutano l'uso della quartà unità, ma Hamilton ha bisogno di tornare al più presto al successo visto che è a secco da 10 GP.

Red Bull: si pensa la PU 4 per Verstappen già a Sochi?

In un Mondiale che sembra sempre più destinato ad essere assegnato per una manciata di punti, la gestione delle power unit rischia di essere un passaggio cruciale. Complice una stagione molto tirata che ha stressato le componenti meccaniche, e violenti incidenti che hanno comportato danni anche ai motori, sia Lewis Hamilton che Max Verstappen sanno che avranno bisogno di una quarta power unit che completare le otto gare che restano in calendario.

Ciò comporterà che in uno di questi Gran Premi (quello in cui sarà installato il quarto motore) saranno costretti a prendere il via dall’ultima posizione dello schieramento.

La penalità è nei piani delle squadre già da tempo, ma con il progressivo avvicinarsi della necessità di utilizzare una nuova unità, la problematica tiene campo sempre di più.

Nel caso della Red Bull l’operazione “PU 4” potrebbe scattare a Sochi, weekend in cui Verstappen dovrà scontare una penalità di tre posizioni sulla griglia di partenza a causa dell’incidente avvenuto a Monza. La circostanza sfortunata potrebbe convincere la squadra ad operare la sostituzione in Russia, piuttosto che sacrificare un weekend in cui Max può puntare alla vittoria.

C’è però ancora un dubbio in casa Red Bull, probabilmente destinato a posticipare la decisione alla vigilia della corsa.

Le indicazioni che arrivano dal meteo prevedono la presenza di una fitta pioggia per tutto il weekend, con il 100% di probabilità nella giornata di sabato, ed il 70% domenica.

In questo scenario se Verstappen dovesse ottenere la pole position (al netto della penalità scatterebbe dalla seconda fila) non sarebbe tagliato fuori dalla lotta per la vittoria. In più, qualora scattasse dall’ultima fila dello schieramento, per Verstappen la rimonta in condizioni di pista bagnata sarebbe meno agevole e presenterebbe maggiori rischi.

Dipenderà, quindi, dai riscontri che arriveranno tra prove libere e qualifica, ed anche se l’ipotesi più probabile resta quella di vedere Verstappen al via della gara con la PU numero 4, non è uno scenario certo al cento per cento.

Una vittoria negli ultimi 10 GP

Ovviamente l’argomento “PU 4” tiene banco anche in casa Mercedes, ma la situazione nel caso di Hamilton è diversa. Il campione del mondo (e la stessa Mercedes) negli ultimi dieci Gran Premi hanno ottenuto un solo successo di tappa (a Silverstone), una situazione che fotografa le difficoltà estive evidenziate dal confronto con una Red Bull in costante crescita. Hamilton ha urgente bisogno di ritrovare il gradino più alto del podio, e dopo aver gestito male il weekend di Monza, la tappa di Sochi rappresenta una ghiotta possibilità.

Da quando nel 2014 il Gran Premio russo è entrato in calendario, la Mercedes non ha mai mancato la vittoria, conquistando quattro successi con Hamilton, due con Valtteri Bottas ed uno con Nico Rosberg.

Al di là della statistica in sé, il layout del circuito russo si dovrebbe sposare al meglio con le caratteristiche della W12, e dopo la delusione monzese è difficile ipotizzare di vedere Hamilton scattare al via dal fondo della griglia.

Lo stesso Toto Wolff dopo il Gran Premio d’Italia ha dichiarato: “Lewis ha ancora a disposizione due power unit, quindi non è certo che debba far ricorso ad un quarto motore. È una decisione che può essere presa in qualsiasi momento ma, ora la non riteniamo sia indispensabile, vedremo come andranno le prossime gare”.

Tattica? Non si può escludere, ma è difficile oggi ipotizzare che Hamilton possa concludere otto weekend di gara con i due motori attualmente a disposizione...

condivisioni
commenti
Mercedes: il roll bar di Lewis ha retto perfettamente

Articolo precedente

Mercedes: il roll bar di Lewis ha retto perfettamente

Prossimo Articolo

GP d'Italia: c'erano le “Gradonate” low cost alla curva Alboreto

GP d'Italia: c'erano le “Gradonate” low cost alla curva Alboreto
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021