Red Bull, McLaren, Renault: niente test per GP d'Austria

Mercedes e Ferrari gireranno con F1 di due anni fa, Red Bull non può fare un test senza la fornitura di motore Renault, mentre McLaren è in crisi economica e il personale francese di Renault dovrebbe andare in quarantena.

Red Bull, McLaren, Renault: niente test per GP d'Austria

Mercedes e Ferrari gireranno, Red Bull Racing, Renault e McLaren no. L’avvicinamento della Formula 1 alla prima gara del mondiale 2020 rischia di essere più complicato del previsto: in vista del GP d’Austria in programma dal 3 al 5 luglio a Spielberg alcune squadre hanno pensato bene di rimettere in macchina i loro piloti per fargli riprendere la confidenza con una monoposto di F1 dopo una lunga sosta dovuta al lockdown causato dal COVID-19.

La Mercedes, infatti, domani con Valtteri Bottas e mercoledì con Lewis Hamilton sarà in pista a Silverstone con una vecchia W09 con l'obiettivo di togliere ai piloti di dosso un po' di ruggine, ma anche di consentire ai meccanici di acquisire dimestichezza con i nuovi protocolli sanitari.

La stessa cosa farà la Ferrari più avanti con una SF71-H che verrà utilizzata a Fiorano prima di partire per la Stiria: il regolamento di F1 vieta i test con monoposto attuali nel corso della stagione, ma non mette limiti di chilometraggio se si porta in vista una macchina di due anni prima dotata di gomme specifiche da esibizione.

Non potranno far valere la stessa opportunità anche Red Bull Racing e McLaren. Il team di Milton Keynes dispone della RB14, ma si trattava di una vettura spinta dalla power unit Renault, marchio con il quale c’era stata una rottura piena di polemiche.

Lo stesso discorso non vale per la McLaren che sulla MCL33 montava il motore Renault. Il team di Woking però dovrebbe far arrivare la power unit da Viry Chatillon e i francesi al seguito dell’unità dovrebbero essere sottoposti alla quarantena che il governo britannico di Boris Johnson ha mantenuto di 14 giorni.

Questa è la scusa ufficiale, ma nella squadra diretta da Andreas Siedl le motivazioni sono altre visto che la struttura si trova in una grave crisi economica e occupazionale, per cui le priorità non sono certo quelle di varare un test non previsto.

Non deve sorprendere, quindi, se Lando Norris nei giorni scorsi abbia sfruttato i buoni rapporti con la Carlin, squadra con cui è stato campione di Formula 3 nel 2018 e con cui ha corso in Formula 2 nel 2019, per concedersi qualche giro a Silverstone proprio su una Formula 3. Anche papà Sainz sta cercando una soluzione per Carlos: è in contatto con Trevor per consentire allo spagnolo di sgranchirsi le gambe prima di iniziare il mondiale 2020 di F1.

La Renault, infine, si trova con un team spezzato in due fra la realtà di Enstone e quella francese di Viry Chatillon: le implicazioni legate alla quarantena hanno spinto la Losanga a lasciare perdere…

condivisioni
commenti
Griglia invertita: Mercedes ha "salvato" la F1 dal wrestling

Articolo precedente

Griglia invertita: Mercedes ha "salvato" la F1 dal wrestling

Prossimo Articolo

Hamilton sfida i governi: "Via le statue di persone razziste!"

Hamilton sfida i governi: "Via le statue di persone razziste!"
Carica commenti
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021