Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Ultime notizie

F1 | Red Bull: la strategia di Horner è evitare i colpi bassi

Il team principal di Milton Keynes non ha ancora completato la ristrutturazione della squadra: il rischio di perdere Verstappen con l'eventuale uscita di Marko non è ancora scongiurato. Wolff, infatti, non annuncia la sua line-up 2025 per guadagnare tempo e tenere Christian sulla corda. Possibile che Perez resti con Max, altrimenti è pronto Sainz.

Christian Horner, Direttore del team Red Bull Racing

Dall’8 novembre del 2005 il progetto Red Bull Racing si è sorretto su tre pilastri: Christian Horner, Helmut Marko e Adrian Newey. Con la partenza della mente tecnica che ha contribuito a portare alla squadra 13 titoli mondiali e 117 Gran Premi vinti, il futuro della team è forzatamente portato ad un grande cambiamento.

I vertici tecnici sembrano essere stati blindati, con Pierre Waché nel ruolo di responsabile, insieme a Enrico Balbo e Ben Waterhouse. Il terremoto che ha scosso la squadra a partire dal mese di febbraio potrebbe però non aver esaurito i suoi effetti.

Helmut Marko, Red Bull Racing

Helmut Marko, Red Bull Racing

Foto di: Erik Junius

Ci sono due figure di spicco, Max Verstappen e Marko, che stanno ancora valutando il loro futuro. I due sono legati sul fronte contrattuale, una partenza del consulente austriaco permetterebbe a Verstappen di poter chiudere il suo contratto che ha scadenza naturale al termine della stagione 2028.

È un gioco di equilibri quello che sta portando avanti Horner, impegnato a disegnare la Red Bull del dopo Mateschitz. Gli strascichi della lotta di potere innescata dal sexgate dello scorso febbraio sono evidenti, ed è difficile ipotizzare che nella visione futura di Horner ci sarà ancora spazio per Marko. Da quando esiste la Red Bull l’ultima parola sulla scelta dei piloti è sempre stata quella di Dr. Helmut, facendo di Horner un team principal con meno poteri rispetto a molti dei suoi colleghi nello stesso ruolo.

Horner ha però bisogno di Verstappen, pedina preziosissima nel futuro della squadra e, per questo motivo, al momento tutto sembra procedere sulle linee guida di una pace armata. La trattativa tra Max e la Mercedes è stata data in pasto ai media non solo per un capriccio di Toto Wolff, quando si esce così allo scoperto anche la controparte ha i suoi motivi per rendere il tutto di dominio pubblico. È un confronto, quello tra il clan Verstappen ed Horner, nel quale ognuno mette sul tavolo le sue armi migliori.

Max difende la posizione di Marko, e in questo senso si spiega la sua minaccia di lasciare la squadra. D’altra parte, Verstappen vuole però una monoposto competitiva, ed in ottica 2025 la Red Bull resta l’opzione migliore.

Carlos Sainz discute con Max Verstappen: saranno compagni di squadra l'anno prossimo?

Carlos Sainz discute con Max Verstappen: saranno compagni di squadra l'anno prossimo?

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Carlos Sainz attende gli sviluppi

Una matassa intricata che diventerà più chiara nelle prossime settimane, dove non sono da escludere ulteriori colpi di scena. In questo scenario sono in tanti ad assistere agli sviluppi con grande interesse, come ad esempio Carlos Sainz.

Se Marko resterà operativo nel suo ruolo, il tandem di piloti della Red Bull in chiave 2025 resterà invariato, con Sergio Perez chiamato a siglare un rinnovo per una stagione. Qualora dovesse essere Horner ad ottenere pieni poteri anche sulla scelta dei piloti, le possibilità di Sainz aumenterebbero notevolmente, ed è soprattutto per questo motivo che il management di Carlos ha chiesto tempo all’Audi.

La situazione di stallo è voluta dal clan Verstappen con la complicità interessata di Wolff, che si guarda bene dall’annunciare i suoi piani post-Hamilton fino a quando Max non avrà deciso il futuro prossimo, ovvero cosa farà nel 2025.

Se la Mercedes rompesse gli indugi confermando altre scelte, per Horner sarebbe molto più semplice mettere Marko alla porta poiché Verstappen non potrebbe contare su alternative in grado di pagargli un ingaggio all’altezza. Avrebbe la possibilità contrattuale di lasciare la squadra ma non la convenienza a farlo.

Sergio Perez, Red Bull Racing RB20

Sergio Perez, Red Bull Racing RB20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Lo scenario oggi più probabile è quello di un 2025 con Marko e Verstappen ancora al loro posto. Questa scelta garantirebbe a Max di puntare a quello che dovrebbe essere il suo quinto titolo mondiale e, soprattutto, avrà tempo per farsi un’idea più dettagliata del potenziale tecnico della Red Bull del futuro, ovvero priva di Newey e con la propria power unit.

In chiave 2026 la porta Mercedes sarà comunque aperta al di là di chi sarà chiamato a sostituire Hamilton, visto che al termine della prossima stagione sarà in scadenza il contratto di George Russell. Anche se la disputa nel breve periodo potrebbe concludersi senza altri grandi colpi di scena, in ottica 2026 ogni scenario è possibile, ed in questo caso, immaginare Verstappen fuori dalla Red Bull appare anche probabile.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | Alonso: nono nonostante le vibrazioni e un problema ai pedali
Prossimo Articolo F1 | Racing Bulls: la VCARB 01 cresce. La Top 5 non è più chimera

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia